Si fa presto a dire terrorista

| La vendetta di un’ex fidanzata, che ha tappezzato la camera di uno studente libanese con immagini e simboli del terrorismo jihadista. La Digos di Torino ha svelato l’inghippo

+ Miei preferiti
Lo scorso 23 novembre, gli agenti della Digos di Torino intervenivano nella residenza universitaria “Olimpia” in Lungo Dora Siena dove, poco prima, era scattato un allarme antincendio proveniente dalla stanza in uso ad un cittadino libanese di 26 anni, studente di ingegneria al Politecnico di Torino.

All’interno della stanza venivano rinvenutiaffissi sui muri foto e bandiere dei leader di Al Qa’eda, dell’Isis e del gruppo palestinese“Hamas”, nonché una scritta in arabo con la “shahada”, la professione di fede della religione islamica.

Partono le indagini, che inizialmente puntano a rintracciare il giovane libanese, in quel momento irreperibile per accertare il suo coinvolgimento al terrorismo jihadista. Ma con grande sorpresa, l’inchiesta ha portato a risultati ben diversi. Le indagini hanno per cominciare accertare l’assoluta estraneità dello studente libanese sull’accaduto, aprendo invece le porte ad uno sviluppo del tutto inatteso: nella stanza del giovane, che in quei giorni era rientrato in patria, qualcuno aveva organizzato una messa in scena per far credere che si trattasse di un estremista radicalizzato, ormai pronto a fare un attentato.

L’attenzione della Digos si è rivolta fin dall’inizio verso la studentessa ucraina D.M., di 25 anni, ex fidanzata del giovane libanese che, al momento dei fatti, occupava un’altra camera della stessa residenza. La ragazza, fin dalle prime dichiarazioni rese agli investigatori, ha evidenziato profondo rancore nei confronti del giovane, a causa della fine di una relazione complessa e tormentata. Il giovane ha confermato agli agenti di aver interrotto il rapporto con la donna a causa di un atteggiamento morboso, peggiorato soprattutto quando lei ha iniziato a parlare con insistenza di matrimonio.

Gli accertamenti effettuati sui reperti sequestrati il 23 novembre 2018 hanno consentito di arrivare alla comparazione tra le tracce di Dna recuperate dai ritrovamenti con quello della giovane studentessa, che aveva rubato le chiavi della stanza dell’ex compagno approfittando dell’assenza momentanea dei custodi, per creare la messinscena. La studentessa è stata denunciata per calunnia, furto e danneggiamento aggravato.

Video
Galleria fotografica
Si fa presto a dire terrorista - immagine 1
Si fa presto a dire terrorista - immagine 2
Si fa presto a dire terrorista - immagine 3
Si fa presto a dire terrorista - immagine 4
Si fa presto a dire terrorista - immagine 5
Cronaca
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta