Si fa presto a dire terrorista

| La vendetta di un’ex fidanzata, che ha tappezzato la camera di uno studente libanese con immagini e simboli del terrorismo jihadista. La Digos di Torino ha svelato l’inghippo

+ Miei preferiti
Lo scorso 23 novembre, gli agenti della Digos di Torino intervenivano nella residenza universitaria “Olimpia” in Lungo Dora Siena dove, poco prima, era scattato un allarme antincendio proveniente dalla stanza in uso ad un cittadino libanese di 26 anni, studente di ingegneria al Politecnico di Torino.

All’interno della stanza venivano rinvenutiaffissi sui muri foto e bandiere dei leader di Al Qa’eda, dell’Isis e del gruppo palestinese“Hamas”, nonché una scritta in arabo con la “shahada”, la professione di fede della religione islamica.

Partono le indagini, che inizialmente puntano a rintracciare il giovane libanese, in quel momento irreperibile per accertare il suo coinvolgimento al terrorismo jihadista. Ma con grande sorpresa, l’inchiesta ha portato a risultati ben diversi. Le indagini hanno per cominciare accertare l’assoluta estraneità dello studente libanese sull’accaduto, aprendo invece le porte ad uno sviluppo del tutto inatteso: nella stanza del giovane, che in quei giorni era rientrato in patria, qualcuno aveva organizzato una messa in scena per far credere che si trattasse di un estremista radicalizzato, ormai pronto a fare un attentato.

L’attenzione della Digos si è rivolta fin dall’inizio verso la studentessa ucraina D.M., di 25 anni, ex fidanzata del giovane libanese che, al momento dei fatti, occupava un’altra camera della stessa residenza. La ragazza, fin dalle prime dichiarazioni rese agli investigatori, ha evidenziato profondo rancore nei confronti del giovane, a causa della fine di una relazione complessa e tormentata. Il giovane ha confermato agli agenti di aver interrotto il rapporto con la donna a causa di un atteggiamento morboso, peggiorato soprattutto quando lei ha iniziato a parlare con insistenza di matrimonio.

Gli accertamenti effettuati sui reperti sequestrati il 23 novembre 2018 hanno consentito di arrivare alla comparazione tra le tracce di Dna recuperate dai ritrovamenti con quello della giovane studentessa, che aveva rubato le chiavi della stanza dell’ex compagno approfittando dell’assenza momentanea dei custodi, per creare la messinscena. La studentessa è stata denunciata per calunnia, furto e danneggiamento aggravato.

Video
Galleria fotografica
Si fa presto a dire terrorista - immagine 1
Si fa presto a dire terrorista - immagine 2
Si fa presto a dire terrorista - immagine 3
Si fa presto a dire terrorista - immagine 4
Si fa presto a dire terrorista - immagine 5
Cronaca
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»
Addio a John Peter Sloan
Addio a John Peter Sloan
Il più simpatico e irriverente degli insegnanti di lingua inglese mai apparsi in Italia si è spento all’improvviso in Sicilia, dove aveva scelto di trasferirsi da qualche anno
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari