Silvia Romano, processo-farsa: rapitore subito libero

| Il racket ha pagato una cauzione di 25 mila euro e un avvocato di grido ed ha già lasciato il carcere. I complici non hanno dato informazioni utili per conoscere la sorte della cooperante. Testi riconoscono foto e moto

+ Miei preferiti

E' iniziato a Malindi, in Kenya, il processo per il rapimento della cooperante italiana Silvia Romano, 24 anni, originaria di Milano e sparita nel nulla nel novembre 2018. Uno dei rapitori alla sbarra, Moses Luari Chende è libero dopo avere pagato una cauzione di 25mila euro, fatto molto strano perché in Kenya è una somma enorme, dove il reddito medio è di 1000 euro l’anno. Segno che alle sue spalle opera il racket, impegnato a proteggere i suoi uomini. Moses Chende aveva confessato e collaborato con la polizia come il suo complice Abdulla Gababa Wari mentre l’armiere della gang, Ibrahim Adan Omar, sarà invece giudicato in un processo a parte che inizierà il 19 agosto.

i testimoni hanno riconosciuto le foto dei rapitori e le due motociclette usate per portare via Silvia Romano dal villaggio in cui lavorava. La pubblica accusa è affidata a Alice Mathangani, il giudice è la Dr. Julie Oseko. Moses è difesa da un legale assai conosciuto nel tribunale di Malindi, con parcelle costose e clientela selezionata. un’altra traccia che porta i vertici dell’organizzazione.

Cronaca
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri
Morto suicida Franco Ciani
Morto suicida Franco Ciani
Musicista e produttore, primo marito di Anna Oxa, si è tolto la vita con un sacchetto di plastica in testa: in un biglietto i motivi del gesto