Smantellata la cosca dell’Allianz Stadium di Torino

| Ben 12 capi ultrà della Juve in manette e perquisizioni in tutt’Italia. Accertata l’esistenza di un’organizzazione criminale per mantenere il controllo totale della curva

+ Miei preferiti
Si è conclusa con un’affollata conferenza stampa, l’operazione “Last Banner”, che dalle prime ore di questa mattina ha portato all’arresto di numerosi capi ultrà della Juventus. L’indagine, condotta dalla Digos di Torino coordinata dal Gruppo Criminalità Organizzata della locale Procura della Repubblica, ha portato a 12 misure cautelari (6 in carcere, 4 agli arresti domiciliari e 2 obblighi di dimora) nei riguardi dei principali leader dei gruppi ultrà juventini. Quattro capi dei “Drughi” (Geraldo Mocciola, 56 anni, Salvatore Cava, 51, Domenico Scarano, 58, Sergio Genre, 43, e Luca Pavarino, 51), tre del gruppo “Tradizione-Antichi Valori” (Umberto Toia 54,Massimo Toia,55, e Corrado Vitale, 45), duedei “Viking” (Fabio Trinchero, 48 e Roberto Drago, 47),unodel “Nucleo 1985” (Christian Fasoli,42) e uno di “Quelli …. di via Filadelfia” (Giuseppe Franzo, 55), tutti indagati per associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. 

Peer violenza privata aggravata in concorso sono scattate altre 25 denunce per 25 ultrà della squadra bianconera (17 dei “Drughi”- quattro dei quali accusati anche di associazione a delinquere - 2 dei “NAB”, 1 dei “Viking” e 1 di “Tradizione” e n.4 dei “Drughi”.

L’operazione“Last Banner”, coordinata dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, ha dato il via anche a 39 perquisizioni, con la collaborazione delle Digos di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella.

Un anno di indagini della Digos, scaturite da una denuncia sporta dalla Juventus, che ha consentito alle forze dell’ordine di acquisire le prove di “una precisa strategia estorsiva” dai principali e più noti gruppi ultrà bianconeri nei confronti della società, con un ruolo predominante dei “Drughi”, non solo per il considerevole numero degli aderenti (circa 700) alla diverse “sezioni” sparse anche all’estero, ma anche per il carisma dello storico leader Geraldo Mocciola (attualmente sottoposto a daspo ed alla sorveglianza speciale) per i numerosi trascorsi criminali e dalla sua contiguità con organizzazioni criminali calabresi, come era emerso dall’indagine “Alto Piemonte”.

L’interruzione, alla fine del campionato 2017/18,di alcuni privilegi concessi ai gruppi ultrà ha determinato una “reazione” dei leader storici che, vistisi negare alcuni abbonamenti gratuiti per gli “striscionisti”, hanno studiato una strategia criminale per “ripristinare” quei vantaggi soppressi ed affermare nuovamente la posizione “di forza” nei riguardi della Juventus.

I capi ultrà, dopo aver avanzato le loro richieste (biglietti gratuiti, materiale della squadra, partecipazione ad eventi etc.), e consapevoli dei rischi penali, hanno deciso di intraprendere una campagna denigratoria e di contestazione verso la Juventus, ufficialmente come protesta per l’aumento dei costi degli abbonamenti e contro il rientro di Bonucci, che ha portato a sanzioni pecuniarie da parte della giustizia sportiva e alla chiusura della curva sud per una gara di campionato.

La Juventus, pur di evitare ripercussioni e danni di immagine, ha dovuto suo malgrado garantire circa 300 biglietti a pagamento per le gare in trasferta di campionato e di Champions League che sono stati poi in parte redistribuiti dai capi ultrà.

L’inchiesta ha anche accertato la capillare attività dei “Drughi” per recuperare (a prezzo di costo) centinaia di biglietti di accesso allo stadio per le partite casalinghe della Juventus, avvalendosi di biglietterie compiacenti sparse su tutto il territorio nazionale, in parte distribuendoli tra le varie sezioni dei “Drughi” (con rincari rispetto al prezzo di mercato) ed in parte rivendendoli ad altri tifosi per realizzare maggiori guadagni.

Non solo: i capi ultras dei “Drughi” e di “Tradizione” hanno utilizzato la propria capacità intimidatrice anche per ottenere dai gestori del bar del loro settore 25 consumazioni gratuite per ogni partita casalinga. 

Le indagini hanno anche evidenziato come la “strategia estorsiva sia stata attuata anche esercitando pressioni sui normali frequentatori della curva, che hanno dovuto attenersi ai divieti imposti dai capi ultrà di non intonare cori e slogan durante le partite al fine di far percepire alla società il clima ostile, evidenziando anche la loro capacità di condizionare il tifo di tutta la curva sud dell’Allianz Stadium”.

Sono state anche accertate come le intimidazioni, anche da parte dei leader dei “N.A.B” agli altri frequentatori della curva, avessero il fine di imporre tutte le strategie dei gruppi ultrà. È stato riscontrato come alcune parti della curva sud siano state interdette ai normali tifosi, delimitate con nastri per riservarle invece ai soli aderenti ai gruppi ultrà. Condotte che avrebbero subito alcuni appartenenti al “Club Doc Juventus” e dei “True Boys”: ai primi è stato imposto di rimuovere gli striscioni, mentre i secondi non sono mai stati accettati in curva.

Video
Video
Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi