Spranga pietre e coltello
così Bossetti ha ucciso Yara

| I giudici della Cassazione hanno ricostruito le ultime ore di vita della 13enne di Brembate. Non solo il DNA inchioda l'assassino ma una mole impressionante di indizi. Lasciata morire al gelo nel campo di Chignolo

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Non è solo la prova del DNA ad inchiodare Massimo rossetti alle sue responsabilità per l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio. Gli investigatori hanno ricostruito, attimo dopo attimo, come e quando il muratore ha rapito, ucciso e infine abbandonato la bambina morente nel campo di Chignolo, lasciando poi che il freddo completasse l’opera omicida. Le hanno riassunte i giudici della Suprema Corte di Cassazione, nelle motivazioni della sentenza che ha confermato la condanna all’ergastolo.“…Dopo aver prelevato la ragazza e averla stordita, l’ha trasportata nel campo di Chignolo d’Isola e i tempi del prelevamento della vittima, del suo trasbordo sul campo di Chignolo e del ritorno a casa dell’imputato sono stati giudicati compatibili con il rilevato orario di rientro a casa alle ore 20-20,15, come si desume dalle dichiarazioni del coniuge”. Niente di inedito, ma fa effetto lo stesso rileggere le 234 pagine del documento. “Bossetti  è passato e ripassato davanti alla palestra del centro sportivo proprio in perfetta coincidenza con l’uscita della ragazza. L’assenza di alibi, si coordina perfettamente con gli elementi indiziari emersi costituiti dalla compatibilità con l’orario di ritorno a casa di Massimo Giuseppe Bossetti e il tempo necessario per eseguire l’aggressione e commettere l’omicidio nel campo di Chignolo.”

Era il 26 novembre del 2010. Alle 18.44, la ragazza uscì dalla palestra (era una promessa della ginnastica ritmica) per tornare a casa. Appena 700 metri. Alle 18.49 il suo telefonino aggancia la cella di Mapello, a tre chilometri da Brembate, poi il segnale scompare definitivamente. Tre mesi dopo Il corpo viene ritrovato in un prato a Chignolo d’Isola, distante 10 chilometri circa da Brembate di Sopra. L’assassino ha infierito sul suo corpo con una spranga, sull’addome e sulle braccia. Con un sasso le spaccò la testa. Voleva essere sicuro che fosse morta e la trafisse con sei coltellate, inferte con un’arma dalla lama corta, affilata e larga. Nessuno dei fendenti aveva leso gli organi vitali. Morì, sola, nel gelo di quella notte infernale, tra le stoppie annerite e la brina. L’assassino non l’ha violentò.

Il 16 giugno 2014 i carabinieri arrestano nel cantiere dove lavorava, Massimo Giuseppe Bossetti, muratore incensurato allora di 44 anni. Il suo Dna si sovrappone con il profilo genetico di “Ignoto 1“, prelevato dalli slip di Yara. “L’evidenza scientifica, frutto di numerose e varie analisi biologiche effettuate da diversi laboratori, ha valore di prova piena. La probabilità di individuare un altro soggetto con lo stesso profilo genotipico equivale a un soggetto ogni 3.700 miliardi di miliardi di miliardi di individui”. Tra gli indizi, “la presenza di calce nelle lesioni rilevate sul corpo della vittima, dovuta all’arma da taglio sporca di calce; la presenza il pomeriggio della scomparsa di Yara, in località prossima al Centro sportivo, con il telefono spento e a bordo del suo autocarro, mentre egli mai era stato in grado o aveva voluto riferire alla moglie, ai cognati e agli altri familiari cosa avesse fatto quel pomeriggio e quella sera. Bossetti è passato e ripassato davanti alla palestra del centro sportivo proprio in perfetta coincidenza con l’uscita della ragazza”.

Bossetti viene condannato, in tutti e tre i gradi di giudizio, all’ergastolo. Nessun dubbio. E’ lui l’assassino di Yara.

Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore