Spranga pietre e coltello
così Bossetti ha ucciso Yara

| I giudici della Cassazione hanno ricostruito le ultime ore di vita della 13enne di Brembate. Non solo il DNA inchioda l'assassino ma una mole impressionante di indizi. Lasciata morire al gelo nel campo di Chignolo

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Non è solo la prova del DNA ad inchiodare Massimo rossetti alle sue responsabilità per l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio. Gli investigatori hanno ricostruito, attimo dopo attimo, come e quando il muratore ha rapito, ucciso e infine abbandonato la bambina morente nel campo di Chignolo, lasciando poi che il freddo completasse l’opera omicida. Le hanno riassunte i giudici della Suprema Corte di Cassazione, nelle motivazioni della sentenza che ha confermato la condanna all’ergastolo.“…Dopo aver prelevato la ragazza e averla stordita, l’ha trasportata nel campo di Chignolo d’Isola e i tempi del prelevamento della vittima, del suo trasbordo sul campo di Chignolo e del ritorno a casa dell’imputato sono stati giudicati compatibili con il rilevato orario di rientro a casa alle ore 20-20,15, come si desume dalle dichiarazioni del coniuge”. Niente di inedito, ma fa effetto lo stesso rileggere le 234 pagine del documento. “Bossetti  è passato e ripassato davanti alla palestra del centro sportivo proprio in perfetta coincidenza con l’uscita della ragazza. L’assenza di alibi, si coordina perfettamente con gli elementi indiziari emersi costituiti dalla compatibilità con l’orario di ritorno a casa di Massimo Giuseppe Bossetti e il tempo necessario per eseguire l’aggressione e commettere l’omicidio nel campo di Chignolo.”

Era il 26 novembre del 2010. Alle 18.44, la ragazza uscì dalla palestra (era una promessa della ginnastica ritmica) per tornare a casa. Appena 700 metri. Alle 18.49 il suo telefonino aggancia la cella di Mapello, a tre chilometri da Brembate, poi il segnale scompare definitivamente. Tre mesi dopo Il corpo viene ritrovato in un prato a Chignolo d’Isola, distante 10 chilometri circa da Brembate di Sopra. L’assassino ha infierito sul suo corpo con una spranga, sull’addome e sulle braccia. Con un sasso le spaccò la testa. Voleva essere sicuro che fosse morta e la trafisse con sei coltellate, inferte con un’arma dalla lama corta, affilata e larga. Nessuno dei fendenti aveva leso gli organi vitali. Morì, sola, nel gelo di quella notte infernale, tra le stoppie annerite e la brina. L’assassino non l’ha violentò.

Il 16 giugno 2014 i carabinieri arrestano nel cantiere dove lavorava, Massimo Giuseppe Bossetti, muratore incensurato allora di 44 anni. Il suo Dna si sovrappone con il profilo genetico di “Ignoto 1“, prelevato dalli slip di Yara. “L’evidenza scientifica, frutto di numerose e varie analisi biologiche effettuate da diversi laboratori, ha valore di prova piena. La probabilità di individuare un altro soggetto con lo stesso profilo genotipico equivale a un soggetto ogni 3.700 miliardi di miliardi di miliardi di individui”. Tra gli indizi, “la presenza di calce nelle lesioni rilevate sul corpo della vittima, dovuta all’arma da taglio sporca di calce; la presenza il pomeriggio della scomparsa di Yara, in località prossima al Centro sportivo, con il telefono spento e a bordo del suo autocarro, mentre egli mai era stato in grado o aveva voluto riferire alla moglie, ai cognati e agli altri familiari cosa avesse fatto quel pomeriggio e quella sera. Bossetti è passato e ripassato davanti alla palestra del centro sportivo proprio in perfetta coincidenza con l’uscita della ragazza”.

Bossetti viene condannato, in tutti e tre i gradi di giudizio, all’ergastolo. Nessun dubbio. E’ lui l’assassino di Yara.

Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali