Smog, revocati i divieti ma la rabbia resta

| Grazie ai forti venti rientrano nei limiti i livelli di polvere sottili ma i proprietari di auto diesel recenti sono lo stesso esasperati: "Sembra un pretesto per costringere la gente a cambiare macchina". Arriva nuova perturbazione

+ Miei preferiti

"Ok, vogliono che cambiamo auto. Vogliono farci spendere migliaia di euro. Non si possono penalizzare anche i diesel Euro 5, sono recenti, con dispositivi all'avanguardia, adesso basta". Lo sfogo di un automobilista torinese è collettivo. Tanti altri esprimono lo stesso stato d'animo con identiche parole. Tornano da oggi, a Torino, i blocchi alla circolazione dei veicoli diesel, che riguardano le auto fino a Euro 5 compresi. Sospeso allo scadere dei dieci giorni di sforamento continuo del livello di micropolveri per non ostacolare gli spostamenti dei cittadini in occasione delle festività natalizie, la limitazione è stata ripristinata nonostante la pioggia battente e il vento previsto per domani.
    Secondo le rilevazioni dell'Arpa, l'Agenzia regionale per l'ambiente, i livelli di Pm10 sono in calo, ma ancora al di sopra dei limiti previsti dalla legge. Nelle prossime ore l'amministrazione comunale valuterà se proseguire con blocco oppure se revocarlo.

   Torino conferma anche per domani il 'semaforo rosso', con il blocco ai veicoli diesel fino all'Euro 5. Lo si apprende dal sito web della Città. La pioggia di queste ore, evidentemente, non è bastata a ridurre le Pm10, in calo ma anche ieri sopra i limiti di legge nonostante il traffico ridotto delle festività. Anche domani, dunque, i veicoli diesel privati, fino ad euro 5 compreso, non potranno circolare in città dalle ore 8 alle ore 19. Per i mezzi commerciali con le stesse caratteristiche il blocco è confermato, ma con orario 8,30-14 e 16-19 dal lunedì al venerdì, 8.30-15 e 17-19 il sabato e nei giorni festivi. In vigore, come tutti i giorni fino al 31 marzo, il divieto per tutte le auto euro 0 con qualsiasi alimentazione, benzina, gpl e metano.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti