Storie di morte dal tir degli orrori

| I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali

+ Miei preferiti
“Quando la porta sul retro del tir è stata aperta, i primi soccorritori sono rimasti scioccati nel vedere decine di cadaveri accatastati uno sopra l’altro. I corpi più vicini all’uscita avevano la schiuma alla bocca. C’erano impronte di sangue sulla parte interna della porta del camion: segno che con la forza della disperazione avevano cercato di chiedere aiuto. Indossavano pochi indumenti, alcuni erano nudi”.

Una delle prime storie agghiaccianti della tragedia che si stava consumando nel chiuso di un tir e è quella di Pham Thi Tra My, 26 anni, vietnamita. Dalla Cina era riuscita ad arrivare in Francia, ma da lì per due volte le era stato impedito l’ingresso nel Regno Unito, dove sognava di costruirsi una vita migliore. Per 30mila sterline, all’incirca 34mila euro, aveva trovato un posto sul tir che sarebbe diventata la sua bara, insieme ad altri disperati come lei. Pham ha inviato una serie sms alla famiglia verso le 22:30 di mercoledì scorso, appena due ore prima che il camion frigorifero arrivasse a Purfleet, nell’Essex: “Mi dispiace, il mio viaggio all’estero non ha avuto successo. Sto morendo perché non riesco a respirare: mamma, voglio tanto bene a te e papà”. Da quel momento la sua famiglia non l’ha più sentita, e sospettando che la giovane potesse essere fra le 39 vittime, si è rivolta al “Human Rights” per lanciare un appello accompagnato da una foto della giovane.

L’ambasciata vietnamita a Londra ha confermato di aver ricevuto decine di richieste di aiuto da famiglie, ma la polizia non ha ancora fornito l’elenco completo delle nazionalità delle vittime. Le autorità ritengono che i migranti fossero di nazionalità cinese, ma almeno sei famiglie vietnamite si sono fatte avanti perché temono che i propri cari siano tra i morti. I corpi sono stati portati all’ospedale di Broomfield per gli esami post-mortem e fonti vicine alla polizia irlandese riferiscono che l’unità di refrigerazione del camion - che avrebbe potuto far scendere fino a -25°C - era stata attivata, togliendo ai 39 disperati “ogni possibilità di sopravvivenza”. Ma anche se il rimorchio non fosse stato raffreddato, le vittime sarebbero morte per il lento esaurimento dell’ossigeno.

L’autista del camion, Maurice ‘Mo’ Robinson, 25 anni, originario dell’Irlanda del nord, è stato arrestato mercoledì scorso per sospetto di omicidio e rimane in custodia. Secondo quanto avrebbe raccontato nei primi interrogatori, Robinson ha aperto il retro del tir per prendere alcuni documenti necessari ai controlli ed ha perso i sensi quando ha scoperto i 39 corpi senza vita. “È stato lui ad avvertire la polizia”, ha dichiarato un suo amico.

Il localizzatore GPS del container è stato attivato alle 15:06 del 15 ottobre, dopo aver viaggiato da Dublino a Monaghan, vicino al confine con l’Irlanda del Nord. Si è poi fermato a Warwickshire e Kent prima di imbarcarsi sul traghetto che attraversa il canale della Manica in direzione del Belgio, per poi fare rotta verso Calais e Dunkerque, i punti caldi dei migranti in Francia. Da qui, è ripartito verso il tragico viaggio di ritorno verso il Regno Unito.

Poche ore dopo l’arresto di Robinson, la polizia ha confermato il fermo di quattro persone: un irlandese di 48 anni, bloccato all’aeroporto di Stansted per sospetto omicidio colposo e tratta di esseri umani, quindi Thomas Maher e la moglie Joanna, 38enni di Warrington, arrestati per gli stessi reati. Secondo il quotidiano “The Irish Mirror”, la polizia ha forti sospetti anche nei confronti di un cittadino bulgaro, interrogato per diversi legami con il veicolo, ma le autorità non hanno confermato la notizia.

La Cina ha incolpato formalmente la Gran Bretagna di non vigilare a sufficienza sulle tratte dei migranti: “Non è la prima volta che succede, e sorge spontanea una domanda: perché questi disastri avvengono sempre nel Regno Unito e non in Europa o in America?”.

La polizia sta cercando di capire se il gruppo di migranti è passato fra le mani di diverse bande ai confini dell’Asia centrale e altre che agiscono in Europa. Fra i più pericolosi ci sono gli “Snakehead” cinesi, particolarmente attivi e spietati nella tratta di esseri umani: trasportando “schiavi” e prostitute da est a ovest con profitti che negli ultimi anni sono saliti alle stelle, alimentati dalla disperazione dei contadini disposti a rischiare la vita per sfuggire alla povertà, illusi che ad aspettarli in Gran Bretagna ci siano lavori ben pagati come camerieri o impiegati. Non è così: migliaia di donne che cadono nelle grinfie degli Snakehead finiscono prigioniere nei bordelli o schiavizzate in laboratori clandestini di droghe.

Galleria fotografica
Storie di morte dal tir degli orrori - immagine 1
Storie di morte dal tir degli orrori - immagine 2
Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo