Studente aggredito a Londra: non vogliamo il tuo coronavirus

| Non è il primo agguato di stampo razzista e xenofobo nei confronti di persone dai tratti asiatici. L’ignoranza e la scarsa informazione alla base di una preoccupante ondata di violenza

+ Miei preferiti
Un ventitreenne di etnia cinese di Singapore che studia a Londra è la prima vittima della psicosi da coronavirus che sta dilagando nel Regno Unito e non solo: la xenofobia ingiustificata nei confronti di persone dai tratti orientali è un danno collaterale del momento difficile attraversato dal mondo intero.

Jonathan Mok ha raccontato sulla propria pagina Facebook l’aggressione avvenuta alle 21 circa in Oxford Street, una delle vie commerciali più trafficate nel centro di Londra.

“Un tizio che ha cercato di prendermi a calci mentre mi urlava ‘Non voglio il tuo coronavirus nel mio Paese’, poi mi ha sferrato un pugno di ventosa, che mi ha fatto spaccato il naso”. Secondo il referto dei medici, Mok ha subito alcune fratture e che potrebbe aver bisogno di un intervento di chirurgia ricostruttiva. La polizia metropolitana di Londra ha confermato l’episodio annunciando l’apertura di un’indagine in una dichiarazione che sta indagando per “aggressione razziale aggravata”.

“In questa fase non c’è ancora alcun arresto: stiamo identificando i sospetti attraverso la visione delle registrazioni delle telecamere a circuito chiuso disponibili in zona”.

Jonathan Mok ammette mestamente che nelle ultime due settimane ha subito altre violenze, e ci tiene a evidenziare una cosa che gli sta a cuore: “Studio a Londra da due anni, e spesso sono stato sottoposto a commenti razzisti, a volte innocenti e maliziosi. A coloro convinti che Londra non è una città razzista dico solo una cosa: non è così”.

Il caso di Mok è uno di una serie di incidenti che si sono verificati nel Regno Unito nel dilagare dell’epidemia, e il gruppo di sensibilizzazione al crimine d’odio “Stop Hate UK” ha di recente sollevato preoccupazioni. “In tutte le nostre sedi abbiamo ricevuto un numero crescente di chiamate da parte di persone che hanno subito atti di razzismo, discriminazione e abusi verbali, derivanti dalla percezione di essere membri della comunità cinese e quindi probabilmente portatori del coronavirus. Troviamo tutto questo profondamente preoccupante e vogliamo far sapere a chiunque abbia bisogno di supporto che siamo qui per aiutare, consigliare e rassicurare”. La discriminazione è aumentata anche negli Stati Uniti, con gli esperti che accusano l’ignoranza e la disinformazione alla base di attacchi razzisti e xenofobi contro persone dall’aspetto orientale. 

Galleria fotografica
Studente aggredito a Londra: non vogliamo il tuo coronavirus - immagine 1
Cronaca
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto
Zanardi in coma farmacologico
Zanardi in coma farmacologico
Il campione bolognese ricoverato in terapia intensiva: non è in pericolo di vita, ma il danno neurologico potrebbe essere molto grave