Sua maestà la cocaina

| È la droga più usata e richiesta, quella prodotta dai cartelli colombiani. Un report delle Nazioni Unite disegna un quadro assai fosco del consumo di droga, assunta regolarmente da 271 milioni di persone

+ Miei preferiti
Le campagne di prevenzione, gli allarmi, i controlli, le retate della polizia: tutto inutile. L’uso di droghe, in particolare la cocaina, continua a crescere in modo esponenziale, senza che nessuno sia in grado di fermarla o peggio ancora, di rallentarla. Lo dicono le statistiche del “World Drug Report 2019”, un rapporto a cadenza annuale realizzato dalle Nazioni Unite che racconta tutto, nero su bianco. Ben 271 milioni di persone in tutto il mondo consumano droghe: il 5,5% della popolazione mondiale.

Una finestra sul mondo dello spaccio e del consumo di stupefacenti che prende come punto di partenza il 2017, anno considerato d’oro per narcotrafficanti e pusher in ogni angolo del pianeta: 1.976 tonnellate di polvere bianca spacciata, con un aumento del 25% rispetto ai 12 mesi prima. Era il risultato di un’escalation iniziata nel 2016, anno che aveva sfiorato il record, ma più che altro dimostrato che la domanda mondiale era in costante crescita.

A farla da padrone, in un settore che non conosce crisi, sono i cartelli colombiani, che grazie a connivenze politiche e all’accordo di pace raggiunto da governo e FARC, sono riusciti a estendere le culture di quasi il 20%, conquistando il 70% della produzione mondiale. Per contro, a richiederne sempre di più è l’Occidente, nordamerica ed Europa in prima fila, con un consumo che stima 18,1 milioni di consumatori, o per dirla in modo ancora più drammatico, l’0,4% della popolazione mondiale fra i 18 ed i 64 anni.

Nel 2017, ad aumentare sono stati anche i sequestri, che hanno raggiunto un’altra cifra record: 1.276 tonnellate. Tante, ma del tutto insufficienti per pensare di aver messo in crisi il mercato, sempre pronto a trovare nuovi canali per rifornire i canali internazionali dello spaccio.

A crollare è l’oppio, la droga simbolo degli Sessanta, che ancora una volta è crollata per motivi geopolitici: buona parte della produzione mondiale si concentrava in Afghanistan, regione del mondo senza pace. Ma cresce, per contro, l’uso di oppiacei sotto forma di farmaci che ha conquistato 53,4 milioni di persone nel mondo, in particolare gli americani, dove nel solo 2017 ha mietuto 47mila vittime. Il protagonista di questa mattanza ha un nome preciso: “Fentanyl”, oppiaceo sintetico 50 volte più potente dell’eroina e 100 della morfina, prescrivibile attraverso una semplice ricetta medica. Lo stesso che nel 2016 ha ucciso Prince. Ma a svettare è sempre e ancora la cannabis: 188 milioni di consumatori spalmati su diverse fasce di età e paesi in cui è legalizzata.

Cronaca
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto
Zanardi in coma farmacologico
Zanardi in coma farmacologico
Il campione bolognese ricoverato in terapia intensiva: non è in pericolo di vita, ma il danno neurologico potrebbe essere molto grave
Mistero sulla morte di una pool dancer inglese
Mistero sulla morte di una pool dancer inglese
Jess Leanne Norris, 27 anni, star della pool dance, è stata trovata senza vita nel suo appartamento. Pochi giorni prima l’ultimo post in cui parlava di depressione per la solitudine del lockdown