Suicidi i mini-killer del Nord Manitoba

| L'autopsia racconta gli ultimi istanti di vita dei due adolescenti canadesi, accusati di avere ucciso una coppia di fidanzati e un docente. Si sarebbero sparati, trovate anche le armi. Fine di un incubo per i residenti di Gillam

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

I due adolescenti canadesi che erano riusciti a sfuggire alla gigantesca all'uomo di polizia ed Esercito nel Nord Manitoba, Canada, per più di due settimane, e i cui corpi sono stati scoperti la scorsa settimana, si sono suicidati con le stesse armi da fuoco con cui hanno ucciso tre persone. I risultati di un'autopsia hanno confermato che i resti umani trovati vicino a un fiume a Gillam, Manitoba, appartenevano ai sospettati di omicidio Kam McLeod, 19 anni e Bryer Schmegelsky, 18 anni. Il Northern Manitoba era stato al centro di un'intensa e ricerca dei due mini-killer, entrambi simpatizzanti della destra estrema. Con l'aiuto di cani, droni - e, a volte, anche aerei militari - gli agenti avevano battuto la zona palmo a palmo. Prima di darsui alla macchia avevano ucciso l'australiano Lucas Fowler, 28 anni e la fidanzata americana Chynna Deese, 24, i cui corpi erano stati trovati in un fosso con ferite da arma da fuoco il 15 luglio scorso, lungo una remota autostrada della Columbia Britannica. Fowler, figlio di un ispettore di polizia australiano, viveva nella Columbia Britannica e con Deese stava visitando i parchi nazionali. Quattro giorni dopo, Leonard Dyck, docente universitario di Vancouver, fu trovato morto lungo un'altra autostrada, vicino al pick-up bruciato usato dai sospetti. McLeod e Schmegelsky furono accusati di omicidio di secondo grado nella morte di Dyck ed erano sospettati di aver ucciso Fowler e Deese.

I due adolescenti erano poi fuggiti dalla Columbia Britannica, la provincia più occidentale del Canada, percorrendo quasi 3.000 km attraverso praterie e  foreste. Il loro Toyota RAV4 era stato trovato bruciato vicino alla città di Manitoba di Gillam il 22 luglio. La polizia dice che i loro corpi sono stati scoperti a soli 8 km dal veicolo. La polizia ha anche recuperato due armi da fuoco durante la ricerca dell'area dove sono stati trovati i due uomini. Hanno condotto un'analisi forense delle armi per determinare se sono collegate al triplice omicidio.

McLeod e Schmegelsky erano cresciuti insieme a Vancouver Island e lavorato in un Walmart locale prima di partire per quello che i loro genitori pensavano fosse un viaggio a Yukon per trovare lavoro. Originariamente erano considerati persone scomparse e sono diventati sospetti di omicidio solo più tardi. Entrambi avevano collegamenti a una comunità di gioco online che spesso usava simboli nazisti e anche di matrice marxista. Schmegelsky aveva inviato fotografie di oggetti nazisti ad un amico online e sposato opinioni di estrema destra, secondo quanto riportato sul Globe and Mail.

Cronaca
UK: muore giovane promessa della danza
UK: muore giovane promessa della danza
Jack Burne, soprannominato il nuovo Billy Elliott, è stato trovato senza vita per cause non ancora chiarite. Aveva 14 anni ed era già una star delle televisione dello spettacolo inglese
Suicida il killer dell’ospedale di Ostrava
Suicida il killer dell’ospedale di Ostrava
Braccato dalle squadre antiterrorismo, il killer si è tolto la vita sparandosi alla testa. Pare si fosse convinto di essere malato e che nessuno avesse intenzione di curarlo
Condanna record per l’orco di Harrow
Condanna record per l’orco di Harrow
Definito psicopatico e violento, secondo la polizia “uno dei peggiori maniaci sessuali nella storia del Regno Unito”, è stato condannato ad una pena infinita dall’Old Bailey. Nell’arco di due settimane aveva aggredito 11 persone
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno