Traffico d'armi e guai con il fisco, l'avvocato torinese si difende

| Dii nuovo alla ribalta una vecchia indagine su forniture militari all'Iran. Conti off-shore segreti

+ Miei preferiti

"Ahimè. Io sono effettivamente nullatenente. E lo sono dal 3 marzo 2010".
A parlare è Raffaele Rossi Patriarca, l'avvocato torinese, civilista di fama internazionale, finito al centro di accertamenti della Guardia di Finanza nel capoluogo piemontese. Le indagini sono iniziate nei mesi scorsi, dopo che il professionista, imputato in Liguria in una causa per omicidio stradale, ha fatto richiesta di gratuito patrocinio.
Patriarca dichiara reddito zero, eppure le Fiamme Gialle sono risalite a una villa in collina, a un appartamento al mare, a yacht e costosi hobby. Le verifiche della Guardia di Finanza hanno accertato che dovrà pagare imposte su un reddito di circa 200 mila euro, a cui si aggiungeranno sanzioni e interessi.


"Tutto questo risale a una stagione lontana, a un'altra epoca. Ora non rimane più assolutamente nulla".

Nemmeno l'elegante studio di 300 mq in pieno centro storico a Torino, con affreschi e importanti opere d'arte?

"Quella che era la mia parte dello studio, non è più mia da molto tempo. Ora vivo e lavoro a Londra. E viaggio: Malta, Nigeria, Svizzera. Sono un avvocato con la valigia. Trovo dove dormire con Airbnb e mi sposto con Blah Blah car, che è ancora più economico del treno. Si figuri che non ho nemmeno i soldi per divorziare da mia moglie, che mi ha sbattuto fuori di casa nel 2014".

E i documenti trovati dalla Guardia di Finanza che l'ha fermato al Valico di Ponte Chiasso? I documenti che riguardano la gestione di società con sede in noti paradisi fiscali, come Panama e l'isola di Jersey in Gran Bretagna?

"Avevo un appuntamento di lavoro e, come ovvio, avevo con me alcune carte dei clienti. Non sono titolare di nessuna società off shore. Semmai seguo società comunitarie, che hanno alcuni azionisti fuori dall'Ue. E' il mio lavoro. Lavoro che ho ripreso a fare a Londra da quando sono stato sterilizzato professionalmente e reso inavvicinabile. Per me, dal 2010, è diventato impossibile lavorare".

Sette anni fa, Patriarca è stato chiamato in causa dalla Procura di Milano in un'inchiesta su un presunto traffico d'armi con l'Iran. Una storia suggestiva, in cui l'avvocato è accusato di aver organizzato e predisposto compravendite di forniture all'Iran utilizzando una quindicina di società ombra in vari Paesi europei.

"Una storia folkloristica, in cui non c'è nulla di vero. Non mi sono mai occupato di armi. Non per buonismo, ma perché non ho competenza né tecnica né giuridica. Nell'ottobre 2009 fui incaricato da una società privata iraniana di assisterla nell'acquisto di nove elicotteri vip e per il trasporto operai. Il mio settore professionale".

Ma sono arrivati i guai con la giustizia. L'arresto, il 3 marzo 2010. I due mesi trascorsi a San Vittore, i due mesi di arresti domiciliari, i sei mesi di divieto d'espatrio. Il Consiglio dell'Ordine degli avvocati l'ha sospeso, nel 2010, per cinque mesi. Ora il procedimento disciplinare è in attesa del processo di merito, iniziato il 14 giugno 2016.  

Cronaca
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri
Morto suicida Franco Ciani
Morto suicida Franco Ciani
Musicista e produttore, primo marito di Anna Oxa, si è tolto la vita con un sacchetto di plastica in testa: in un biglietto i motivi del gesto
Arrestata la pasionaria dei No Tav
Arrestata la pasionaria dei No Tav
L’ex professoressa Nicoletta Dosio è stata arrestata nella sua abitazione di Bussoleno, in Val di Susa: per quasi due ore i militanti hanno bloccato l’auto dei Carabinieri