Tre nomi eccellenti
in un traffico di cannabis

| Alkiviades David, erede della Coca Cola Hellenis e l’attore Jonathan Rhys Meyers, insieme a un loro socio, trasportavano 5000 piantine di cannabis su un aereo privato

+ Miei preferiti
Il jet privato stava per lasciare la pista dell’aeroporto di “Robert L. Bradshaw” dell’isola di Saint Kitts, nelle Antille, un paradiso offshore che vanta uno yacht ogni 50 residenti (ma quasi nessuno nato lì, ovviamente).

I tre uomini a bordo, soci in affari, erano ormai certi di avercela fatta: trasportavano 5.000 piantine di cannabis, un numero imprecisato di semi e altri prodotti, per un valore complessivo stimato in 1,3 milioni di dollari. Ma dalla torre di controllo hanno comunicato lo stop immediato, seguito dall’arrivo degli agenti di polizia che hanno sequestrato il velivolo e il carico, oltre ad arrestare i tre passeggeri. Ma perché questa vicenda sia diventata un caso internazionale, finito su tutti i giornali del mondo, è proprio per via dei nomi dei tre, decisamente ingombranti. Il primo, Alkiviades David, per gli amici “Alkie”, miliardario greco erede della “Coca Cola Hellenis”, il suo socio in affari Chase Ergen e l’attore Jonathan Rhys Meyers, che secondo voci non confermate viaggiava in compagnia della moglie e della suocera.

I tre si sono difesi affermando che il carico era perfettamente autorizzato e necessario per “avviare un commercio legale di cannabis privo di THC”, la molecola responsabile dello “sballo”. Contrariamente a Rhys Meyers, rilasciato quasi subito, a finire in manette sono stati Ergen e il miliardario greco, che ha pagato una cauzione di 30mila dollari ma è obbligato a presentarsi in caserma ogni giorno e a comparire a breve davanti alla “Basseterre Magistrate Court”. L’unico ancora dietro le sbarre è Chase Ergen, trovato in possesso anche di dosi di ketamina, che ha dichiarato gli sono necessarie per curare un disturbo bipolare.

Alkie David è lo scapestrato rampollo della famiglia Leventis, che dopo la fusione con la “Coca Cola Company”, gestisce il più grande impianto di imbottigliamento in Europa: un affare che ha portato nelle casse della famiglia circa 53 milioni di euro. Lo scorso mese, Alkie è stato condannato al pagamento di un milioni di euro ad un’ex dipendente che si era rifiutata di fare sesso con lui, e per questo licenziata in tronco.

Jonathan Rhys Meyers, classe 1977, irlandese di Dublino, è invece uno degli attori che rappresentano la nuova generazione di Hollywood: è stato protagonista di numerosi film e serie tv di successo, fra cui i “Tudor”, ma il suo nome è legato ad un mai chiarito tentativo di suicidio ed una dipendenza più volte dichiarata di alcol e droghe. Nel luglio dello scorso anno, è stato arrestato dalla polizia di Miami per aver infastidito i passeggeri del volo su cui era imbarcato, dopo aver aggredito la moglie.

Galleria fotografica
Tre nomi eccellenti<br>in un traffico di cannabis - immagine 1
Tre nomi eccellenti<br>in un traffico di cannabis - immagine 2
Cronaca
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta