Tsunami giudiziario in arrivo, trema il cerchio magico di Appendino

| Dopo la notte maledetta di piazza San Carlo con 1532 feriti di cui 1 ancora in gravi condizioni

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Riassunto: la notte di sabato 5 giugno, a Torino, in piazza San Carlo l'evento dell'anno: la finale di Champions a Cardiff tra Juventus e Real Madrid. Si vuole fare qualcosa di speciale, di indimenticabile. Appello a tutti i tifosi bianconeri del mondo, venite a Torino a festeggiare. Detto fatto. Convergono in piazza San Carlo migliaia di persone, non solo tifosi ma anche tante persone che volevano trascorrere una serata diversa. Morale, mentre sul maxischermo scorrono le immagini della Juventus duramente sconfitta, qualcuno o qualcosa crea panico nella piazza affollata da 20 o anche 40 mila persone. Nella fuga restano feriti, 15 in modo serio, tre gravissimi, 1532 persone. Si scopre che: migliaia di bottiglie di vetro erano nelle mani degli spettatori; che le vie di fuga non erano ben definite; che non c'era abbastanza personale di vigili urbani e forze di polizia per svolgere un normale servizio di sorveglianza; che non c'erano spazi liberi nella piazza, o non abbastanza; che il presidio medico era stato affidato a team di non eccelsa qualità.
PM, caccia aperta 


La procura apre un fascicolo, lo ha in mano il pm Antonio Rinaudo. Si procede per omissione d'ufficio, in conseguenza le lesioni aggravate. Si cercano i responsabili. Il sindaco Chiara Appendino, che era a Cardiff, si smarca e delega le responsabilità a chi era sul terreno. L'assessore all'Ambiente, Stefania Giannuzzi, è costretta a dimettersi tra le lacrime. Sua (anzi, sarebbe, non c'è ancora nulla di certo in questa storia) la colpa del tappeto di bottiglie non rimosse in tempo che, frantumandosi, hanno ferito centinaia di persone. Ma la Digos, che sta completando le prime informative, sta ricostruendo tutte le responsabilità di quella notte maledetta; chi ha promosso risse e pestaggi; chi ha aggredito un ambulante straniero; chi ha rubato, distrutto arredi e chi, alla fine, ha provocato l'onda di panico. Fuori di scena le prime disinvolte ma suggestive ricostruzioni dei media, con il tizio che simula di essere un kamikaze Isis con l'effetto Manchester, con gli scoppi in sequenza di bombe-carta, un po' qui, e un po' là. Ma adesso si punta verso l'obiettivo vero. Cioè chi non ha previsto cosa poteva accadere, concentrando tante persone in spazi così inadeguati; chi ha firmato le determine con le autorizzazioni, chi ha affidato a "Eventi Torino" la gestione di una manifestazione così complessa.
Grillini: "Tocca a noi"
I grillini scalpitano e attaccano gli assessori esterni voluti da Appendino e dal suo staff confindustriale, l'opposizione studia come approfittare della fine della troppo lunga luna di miele di Appendino con la città, non solo per la tragica notte Champions, gli inquirenti lavorano nel silenzio. I griillini i ora attaccano anche i cardinali, i burocrati che hanno preso in mano il vero potere dell'amministrazione e il loro codazzo di cortigiani super-tecnici, arroganti, sicuri di sè ma solo sino all'altro ieri, prima del 5 giugno. Intanto il capogruppo M5s Alberto Unia, un movimentista ex organizzatore di cortei e altro in particolare ai tempi di Fassino nei dintorni della Terra dei Fuochi torinesi, le aree di via Germagnano, prenderà il posto di Giannuzzi. Ma lo tsunami giudiziario, c'è da scommetterci, punterà in alto, verso il cerchio magico di Appendino, mentre si acquisiscono documenti e si raccolgono testimonianze. Non sarà una bella estate, per la giunta pentastellata. E forse non basteranno più i tweet o i post su fb per tornare come prima.


Cronaca
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne
Pedofilia, in cella docente modello
Pedofilia, in cella docente modello
Scandalo all'università di Auburn, Alabama. noto professore arrestato in Virginia, era in possesso di di un intento numero di video-pedopronografici forse autoprodotte. Stupore di colleghi e studenti
Tre nomi eccellenti
in un traffico di cannabis
Tre nomi eccellenti<br>in un traffico di cannabis
Alkiviades David, erede della Coca Cola Hellenis e l’attore Jonathan Rhys Meyers, insieme a un loro socio, trasportavano 5000 piantine di cannabis su un aereo privato
Assassina il marito con il Viagra
Assassina il marito con il Viagra
Arrestata la moglie: con l'aiuto del giovane amante una 46enne egiziana ha ucciso il marito sbriciolando 12 pillole blu nel cibo. Ora rischiano la pena di morte
Apre gli occhi prima dell'espianto
Apre gli occhi prima dell
Incredibile risveglio di un 17enne in coma profondo dopo un incidente stradale. I genitori avevano dato l'autorizzazione all'espianto degli organi. Medici increduli. Lorenzo è tornato a scuola