Uccide bimbo con un bastone
quando le vittime sono indifese

| Ultimo episodio a Napoli, il bambino ucciso aveva 7 anni. In Inghilterra il fidanzato di una madre stritola il figlio di 3 anni in auto. Giovane donna soffoca i suoi due gemelli e poi simula incidente. Catena di episodi, fenomeno globale

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

E' in stato di fermo per un delitto orribile: è il compagno della mamma della vittima, 7 anni, ed è un giovane di 24 anni, nato in Italia da genitori stranieri. E forse lo ha ucciso a colpi di manico di scopa. L'uomo è stato interrogato per l'intera notte negli uffici del commissariato di polizia di Afragola. La sua versione è stata messa a confronto con quella della mamma del bimbo e della sorellina della vittima. Il 24enne ha respinto le accuse sostenendo che il bambino sarebbe caduto dalle scale. Anche la sorellina di 8 anni ha subito percosse ed è ricoverata all'ospedale pediatrico "Santobono" di Napoli. Il presunto assassino ha precedenti per reati contro il patrimonio. Lei ne ha 31, sposata e separata da un uomo da cui ha avuto 3 figli. Il più grande è stato trovato esanime sul divano. Il bambino è morto a casa sua, a Cardito, nella cittadina a 20 chilometri da Napoli. «Aveva i segni di percosse soprattutto sul volto e sul cranio», spiega Vincenzo de Maio, medico del 118 pronto a non lasciare nulla di intentato nell'appartamento che gli altri operatori sanitari definiscono da «terzo mondo», eppure in ordine perfetto alle 14.16, quando hanno registrato l’Sos. Per 30 minuti hanno provato a rianimarlo.

Alfie Lamb, 3 anni


STRITOLATO NELL'AUTO, AVEVA 3 ANNI

Nel Regno Unito, pochi mesi un bimbo di tre anni è morto schiacciato dal sedile anteriore do un’Audi, dove, nel sedile lato passeggero, c’era il fidanzato della madre che, infastidito dal troppo rumore, lo aveva spinto deliberatamente all’indietro, uccidendolo. Così è è morto il piccolo Alfie Lamb (nella foto) nel febbraio 2018 mentre  la madre ha “deliberatemnte “ mentito su quello che i giudici inglesi considerano un delitto. Adrian Hoare, 23 anni, era in macchina nel momento in cui il bambino è stato schiacciato. Il fidanzato Stephen Waterson, 25 anni, che era sul sedile anteriore, ha spinto il sedile posteriore all’indietro due volte con rabbia per il "rumore e confusione” causate dal bimbo. Tutti e due sono ora accusati di omicidio colposo. Il Procuratore Duncan Atkinson incaricato un perito di ricostruire l’orribile episodio. Il medico legale ha stabilito che il piccolo è morto “per asfissia da schiacciamento”, sostenendo che la coppia aveva poi ripetutamente mentito per coprire il crimine: “La morte è stata causata dal sedile del passeggero anteriore del veicolo Audi, il sedile di Waterson, spostato all'indietro nel vano posteriore lato passeggero in un momento in cui, come era noto, Alfie era in piedi proprio in quello spazio. Il movimento del sedile era un'azione deliberata di Waterson che sapeva che Alfie era lì ed era arrabbiato per il rumore e la confusione che il bimbo stava facendo e lo tenne a lungo in quella posizione, schiacciando Alfie sino a a quando non morì soffocato”. Nei guai anche l’autista, Marcus Lamb, 22 anni, e la sua ex fidanzata Emilie Williams, 19 anni, che era nella parte posteriore con Hoare, e dovranno dire la verità su quanto accaduto. “La madre doveva proteggere Alfie, ma non ha fatto nulla  per aiutarlo”, ha concluso il giudice.

FRANCIA, UCCISO A BASTONATE

Un bimbo di 9 nove anni di Mulhouse, in Francia, è morto a causa delle percosse inflitte dalla sua famiglia. La vicenda era iniziata il 17 settembre scorso, quando la notizia dell’improvvisa morte del piccolo aveva commosso l’intera comunità, che in segno di solidarietà con la famiglia aveva organizzato una fiaccolata. Il 17 settembre scorso, i due fratelli del bimbo, di 20 e 19 anni, più la sorellastra, avevano allertato i soccorsi denunciando un malore del piccolo di casa, ma i paramedici intervenuti non erano riusciti a rianimare il bambino riverso sul pavimento in arresto cardiaco, che era spirato pochi minuti dopo.

PUGNALATO A MORTE, AVEVA UN ANNO

Dalla Francia a Firenze. Un bimbo di un anno è stato ucciso a coltellate dal padre nel corso di una lite in famiglia. E' successo intorno alle 20, sul posto sono intervenuti i carabinieri di Borgo San Lorenzo. La piccola vittima, M.P., 1 anno compiuto il 3 settembre scorso, è stato ucciso presso l'abitazione di via San Francesco a Scarperia. N.P., 34enne pregiudicato, programmatore informatico, nel corso di una lite con la convivente A.L., trentenne, impiegata e anche lei pregiudicata. Ferita alla testa e agli arti, è stata portata presso l'ospedale di Borgo San Lorenzo. L'omicida è stato trovato sul posto sotto shock e poi condotto in caserma, dove si trova è in stato di fermo. Voleva uccidere anche l'altra figlia di 7 anni ma la piccola è stata salvata dalla madre. Durante la lite, l'ennesima, l'uomo ha afferrato un coltello da cucina e s'era scagliato contro la donna che aveva in braccio il bambino: trafitto da numerosi fendenti, è morto immediatamente. L'assassino, quando i carabinieri lo hanno ammanettato, era seduto in stato di choc in cucina. stringeva ancora tra le mani l'arma insanguinata.

Marco Zani, 11 anni


BRUCIATO VIVO DAL PADRE

A Brescia Marco Zani, 11 anni, è morto soffocato dal fumo nella villetta dei genitori a Sabbioneta, a causa dell’incendio provocato dal padre per vendicarsi della moglie Sicla, di origine slovena, da un paio d’anni, ev da cui ha avuto tre figli bellissimi. Marco era il secondo. Era un ragazzino in gamba, bravo a scuola, vivace, legatissimo ai genitori. La donna si era allontanata da lui da qualche mese e forse aveva un nuovo legame, da tempo non convivevano più insieme e lui era stato segnalato ai carabinieri per minacce a lei e al figlio. Adesso lui nega di avere appiccato il fuoco. Ma gli investigatori non hanno dubbi.

Aleksandra Kopinska, 22 anni, e il marito Adam Jendrzeczak, 32 anni


BIMBO DI 4 MESI, GLI HANNO PROVOCATO 28 FRATTURE

Una coppia di genitori che definire sadici è poco aveva inflitto orribili lesioni al loro bambino di quattro mesi appena, provocandogli qualcosa come 28 fratture ossee, riducendolo quasi in fin di vita. Aleksandra Kopinska, 22 anni, e il marito Adam Jendrzeczak, 32 anni, disoccupati di Hove, nel Sussex, sono stati condannati a otto anni di carcere. Al piccolo hanno spaccato le ginocchia, le caviglie, le mani, le costole e un braccio, in una serie di aggressioni causate da motivi futili, solo perchè il piccolo continuava a piangere.

Era stato stato portato al Royal Alexandra Children's Hospital di Brighton nel febbraio 2017 per il dolore insopportabile che provava dopo le fratture alle mani. Il giudice Christine Henson ha descritto le lesioni come "veramente spaventose" durante l’udienza nel Tribunale di Hove, dove la coppia è stata finalmente processata e condannata. “Hanno agito con crudeltà malvagia verso un bambino piccolo e indifeso”. Resteranno in carcere 8 anni “per aver aggredito, trascurato un bambino, avergli causato sofferenze inutili e causato gravi danni fisici”.

Nel febbraio 2017 il bimbo era stato portato al Royal Alexander Children's Hospital di Brighton: in seguito alle radiografie, erano state accertate altre 27 ulteriori fratture al corpo del bambino, tra cui alcune multiple alle costole, alle ginocchia e a una caviglia. Il bambino era stato posto sotto protezione della polizia e affidato alla cure dell'autorità locale fino a quando non è stata trovata una famiglia che lo ha adottato e accolto in una casa confortevole e in un clima di amore e di affetto.

Jake e Chloe Ford


UCCIDE I DUE FIGLI E TENTA IL SUICIDIO

I gemelli di appena due anni erano stati dichiarati morti in ospedale dopo che sono stati scoperti agonizzanti, forse soffocati, in una casa di Castle Drive, a Margate, nel Kent. Uccisi dalla madre Samantha Ford, 37 anni, accusata di duplice omicidio. Oggi comparirà davanti ai giudici di Canterbury. La donna, dopo l’omicidio era stata coinvolta in un grave incidente stradale circa 45 minuti prima che quanto accaduto nella casa fosse scoperto dai familiari, insospettiti dal suo silenzio. Si era schiantata frontalmente con un camion e forse lo aveva fatto per uccidersi. Era stata portata infine in ospedale con ferite lievi, dimessa e portata in una stazione di polizia. Li aveva uccisi il giorno Natale. Gli amici e la famiglia di Jake e Chloe Ford, i due bambini uccisi, sono increduli. Sotto choc. Il delitto è avvenuto nella casa in cui si erano trasferiti tre settimane fa. Appena un anno fa aveva acquistato una casa ad Ashford con il marito Steven che aveva ha postato una foto di Chloe su FB il 23 dicembre ricordando il suo prossimo compleanno: "Accarezzando  la mia ragazza preferita #figlia #daughter #myworld #twins".

Galleria fotografica
Uccide bimbo con un bastone<br>quando le vittime sono indifese - immagine 1
Uccide bimbo con un bastone<br>quando le vittime sono indifese - immagine 2
Uccide bimbo con un bastone<br>quando le vittime sono indifese - immagine 3
Uccide bimbo con un bastone<br>quando le vittime sono indifese - immagine 4
Uccide bimbo con un bastone<br>quando le vittime sono indifese - immagine 5
Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo