UK: picchiata perché lesbica

| Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”

+ Miei preferiti
Per la quinta volta, Charlie Graham è tornata a casa coperta di lividi e sangue, ma questa volta ha detto basta, scegliendo di pubblicare sul suo profilo Facebook le foto delle sue ferite, perché tutti sappiano che nel 2020 succedono ancora queste cose. Vent’anni, inglese di Sunderland, a poco meno di 500 km da Londra, l’unica colpa di Charlie Graham è di essere lesbica: sabato scorso intorno alle 13:00 stava attraversando la Blackwood Road, nel centro città, per incontrare un amico, ma due uomini l’hanno aggredita alle spalle, iniziando a picchiarla con violenza fin quando la giovane è rimasta a terra esanime. Al “Daily Star”, la ragazza ha raccontato i dettagli dell’aggressione: “Sono stata colpita con un violento pugno alla nuca: sono caduta a terra ferendomi le ginocchia e il viso. Ho tentato di rialzarmi, ma mi hanno spinta a terra: poi sono scappati”.

La decisione di rendere pubbliche le immagini dell’aggressione, per quanto crude, è arrivata poco dopo: “Credo sia importante, così da rendere consapevoli le persone che là fuori ci sono individui pronti ad aggredirti per qualsiasi motivo ritengano giusto: può essere il tuo orientamento sessuale, il colore della tua pelle o il modo in cui cammini e ti vesti”.

La quinta aggressione, confessa Charlie, le ha messo addosso il timore di essere stata presa da mira da un gruppo di balordi della sua città: da giorni convive con attacchi di panico ed esce di casa il meno possibile. “Non vado più da nessuna parte, mi sento tranquilla solo a casa di mia mamma. Mi sale l’ansia se penso di uscire per tornare a casa mia, perché temo che scoprano dove vivo e possano aggredirmi ancora”.

Sul caso indaga la polizia di Northumbria, che sta analizzando le telecamere di sorveglianza della zona per dare un volto ai responsabili.

Galleria fotografica
UK: picchiata perché lesbica - immagine 1
Cronaca
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio