Un altro delitto per il mostro della Savoia

| Gli investigatori sospettano Nordhal Lelandais di aver ucciso anche un 18enne scomparso nel 2015 dopo una serata in discoteca. Ai genitori venne inviata una foto del locale dove c'era il killer di Maelys e Arthur Noyer

+ Miei preferiti

I detective delle cellule di Ariane, che stanno lavorando su 40 fascicoli di persone scomparse che in teoria possono essere collegati a Nordahl Lelandais, il pluriassassino reo confesso della piccola Maelys De Arauyo e, 9 anni, del caporale Arthur Noyer, hanno analizzato una foto scattata in una discoteca dell'ex militare 36enne. Si tratta dello stesso locale, situato a Grésy-sur-Aix (Savoia), dove Thomas Rauschkolb è stato visto vivo per l'ultima volta nel 2015. Rauschkolb è una delle 40 persone sparite o morte senza un colpevole sotto l’esame della cellula Ariane, responsabile di aver stabilito o meno un legame con Nordahl Lelandais.

Un elemento nuovo ha recentemente ricostruito il percorso di Lelandais nell'inchiesta sulla morte di questo diciottenne, morto il 28 dicembre 2015, dopo aver trascorso la sera in un locale notturno il giorno prima, allo Studio 54 di Grésy-sur-Aix (Savoia), non lontano da Domessin (la città dove viveva con i genitori l'ex militare di 36 anni). Il suo corpo era stato trovato nel fiume Sierroz e le autorità avevano concluso che si trattava di un incidente da ubriachezza. Secondo le informazioni rivelate da Le Parisien, Francis Rauschkolb, padre della vittima, aveva ricevuto una misteriosa foto scattata nella discoteca tre anni prima, nell'agosto 2012.

In questa foto, un uomo fortemente somigliante a Nordahl Lelandais (ossa, muscoli, tratti del viso, e anche un braccialetto a un polso come in altre immagini note all'assassino di Maëlys) con un'altra persona, che non è Thomas Rauschkolb. I familiari sperano finalmente di ottenere risposte sulle esatte cause della sua morte. Suo padre non ha mai creduto all'incidente dell'ebbrezza. La notte della sua scomparsa, il giovane Thomas non ha preso la solita via di casa, come dimostra la scarpa e la cintura che ha perso mentre si arrampicava su una recinzione. "Voleva fuggire da qualcuno e scappare. (.....) Deve aver voluto difendersi con essa. È stata la mia convinzione per molto tempo", ha detto suo padre.

I’avvocato Bernard Boulloud, che rappresenta la famiglia Rauschkolb, prevede di richiedere la riesumazione del corpo nelle prossime settimane.

AGGREDITO IL FRATELLO DELL’ASSASSINO

Sven Lelandais, fratello di Nordahl Lelandais, era stato violentemente picchiato da due persone lo scorso febbraio, davanti ai suoi genitori. L'attacco ha avuto luogo nei pressi di Pont-de-Beauvoisin, il comune savoiardo diventato tristemente famoso dopo la vicenda di Maëlys. E’ accaduto nel centro del villaggio di La Bridoire.

Sven Lelandais e sua madre stavano passeggiando per il centro della città dove viveva da alcuni anni, quando un'auto si è fermata al loro livello. "Il primo, che non conosco, aprì la sua finestra e mi disse: "Tu sei il fratello di Lelandais?”, avevo chiesto il guidatore. "Un vicino di casa di Sven Lelandais ha poi spinto la madre di quest'ultimo, che cercava di interferire", spiega Le Parisien. Seguì una violenta rissa durante la quale Sven Lelandais cadde a terra e fu picchiato più volte davanti alla madre e ai testimoni.

Il fratello di Nordahl Lelandais riportò la frattura del naso rotto e lesioni facciali. L'unico imputato che è comparso in tribunale ha assicurato che era stato invece Sven Lelandais ad avere innescato la lite. "Per l'ennesima volta, ci sono state rappresaglie, aggressioni e minacce, contro la famiglia Lelandais. Vengono puniti per quanto usa fatto il congiunto", ha detto l'avvocato della vittima. Il pubblico ministero ha chiesto dieci mesi di carcere con l'imputato presente. Un anno per il vicino per il vicino di casa.

Cronaca
Ucciso in carcere
uno dei peggiori pedofili inglesi
Ucciso in carcere<br>uno dei peggiori pedofili inglesi
Richard Huckle, 33 anni, è stato trovato senza vita nella sua cella. Aveva ammesso la violenza su 71 bambini in tenera età, quasi tutti adescati fingendosi un missionario in medioriente
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Secondo amici e vicini, la persona fermata all’aeroporto di Glasgow non somiglierebbe neanche vagamente all’uomo che ha massacrato la sua famiglia. La conferma definitiva dall’esame del Dna
Italiano ucciso in Indonesia
Italiano ucciso in Indonesia
Luca Aldovrandi, 52 anni, trovato morto nel locale che gestiva a Sabang: la polizia sospetta un diverbio con un dipendente
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
Sentenza di primo grado contro i due aggressori del giovane nuotatore triestino colpito alla schiena e da allora costretto sulla sedia a rotelle
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Richard Anthony Jones ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari allo stato del Kansas per un clamoroso errore giudiziario risolto per una pura coincidenza
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
È la richiesta del pm, che aggiunge “Non è un processo contro l’Arma ma contro 5 carabinieri che hanno tradito valori e principi. Sul caso Cucchi picchi di depistaggi da film dell’orrore”
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Un funzionario con 20 anni di esperienza avrebbe accoltellato 4 agenti di polizia, per poi essere freddato da altri. Caos nel centro di Parigi
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha compiuto 18 anni Jonty Bravery, il giovane che quest’estate ha spinto nel vuoto un bimbo francese da una balconata della celebre galleria d’arte londinese
USA: giustiziato un malato terminale
USA: giustiziato un malato terminale
Infuria la polemica: Russell Bucklew, affetto da un tumore che gli provocava sanguinamenti, è stato giustiziato in Missouri. Condannato per omicidio, si era pentito ed era considerato un detenuto modello
Si riaccendono le speranze anche per Luca ed Edith
Si riaccendono le speranze anche per Luca ed Edith
Il ministro degli esteri canadese, in un comizio elettorale, ha rivelato che le autorità sono certe che i due ragazzi siano ancora vivi, “ma riportarli a casa è molto complicato”