Un altro delitto per il mostro della Savoia

| Gli investigatori sospettano Nordhal Lelandais di aver ucciso anche un 18enne scomparso nel 2015 dopo una serata in discoteca. Ai genitori venne inviata una foto del locale dove c'era il killer di Maelys e Arthur Noyer

+ Miei preferiti

I detective delle cellule di Ariane, che stanno lavorando su 40 fascicoli di persone scomparse che in teoria possono essere collegati a Nordahl Lelandais, il pluriassassino reo confesso della piccola Maelys De Arauyo e, 9 anni, del caporale Arthur Noyer, hanno analizzato una foto scattata in una discoteca dell'ex militare 36enne. Si tratta dello stesso locale, situato a Grésy-sur-Aix (Savoia), dove Thomas Rauschkolb è stato visto vivo per l'ultima volta nel 2015. Rauschkolb è una delle 40 persone sparite o morte senza un colpevole sotto l’esame della cellula Ariane, responsabile di aver stabilito o meno un legame con Nordahl Lelandais.

Un elemento nuovo ha recentemente ricostruito il percorso di Lelandais nell'inchiesta sulla morte di questo diciottenne, morto il 28 dicembre 2015, dopo aver trascorso la sera in un locale notturno il giorno prima, allo Studio 54 di Grésy-sur-Aix (Savoia), non lontano da Domessin (la città dove viveva con i genitori l'ex militare di 36 anni). Il suo corpo era stato trovato nel fiume Sierroz e le autorità avevano concluso che si trattava di un incidente da ubriachezza. Secondo le informazioni rivelate da Le Parisien, Francis Rauschkolb, padre della vittima, aveva ricevuto una misteriosa foto scattata nella discoteca tre anni prima, nell'agosto 2012.

In questa foto, un uomo fortemente somigliante a Nordahl Lelandais (ossa, muscoli, tratti del viso, e anche un braccialetto a un polso come in altre immagini note all'assassino di Maëlys) con un'altra persona, che non è Thomas Rauschkolb. I familiari sperano finalmente di ottenere risposte sulle esatte cause della sua morte. Suo padre non ha mai creduto all'incidente dell'ebbrezza. La notte della sua scomparsa, il giovane Thomas non ha preso la solita via di casa, come dimostra la scarpa e la cintura che ha perso mentre si arrampicava su una recinzione. "Voleva fuggire da qualcuno e scappare. (.....) Deve aver voluto difendersi con essa. È stata la mia convinzione per molto tempo", ha detto suo padre.

I’avvocato Bernard Boulloud, che rappresenta la famiglia Rauschkolb, prevede di richiedere la riesumazione del corpo nelle prossime settimane.

AGGREDITO IL FRATELLO DELL’ASSASSINO

Sven Lelandais, fratello di Nordahl Lelandais, era stato violentemente picchiato da due persone lo scorso febbraio, davanti ai suoi genitori. L'attacco ha avuto luogo nei pressi di Pont-de-Beauvoisin, il comune savoiardo diventato tristemente famoso dopo la vicenda di Maëlys. E’ accaduto nel centro del villaggio di La Bridoire.

Sven Lelandais e sua madre stavano passeggiando per il centro della città dove viveva da alcuni anni, quando un'auto si è fermata al loro livello. "Il primo, che non conosco, aprì la sua finestra e mi disse: "Tu sei il fratello di Lelandais?”, avevo chiesto il guidatore. "Un vicino di casa di Sven Lelandais ha poi spinto la madre di quest'ultimo, che cercava di interferire", spiega Le Parisien. Seguì una violenta rissa durante la quale Sven Lelandais cadde a terra e fu picchiato più volte davanti alla madre e ai testimoni.

Il fratello di Nordahl Lelandais riportò la frattura del naso rotto e lesioni facciali. L'unico imputato che è comparso in tribunale ha assicurato che era stato invece Sven Lelandais ad avere innescato la lite. "Per l'ennesima volta, ci sono state rappresaglie, aggressioni e minacce, contro la famiglia Lelandais. Vengono puniti per quanto usa fatto il congiunto", ha detto l'avvocato della vittima. Il pubblico ministero ha chiesto dieci mesi di carcere con l'imputato presente. Un anno per il vicino per il vicino di casa.

Cronaca
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney