Un altro delitto per il mostro della Savoia

| Gli investigatori sospettano Nordhal Lelandais di aver ucciso anche un 18enne scomparso nel 2015 dopo una serata in discoteca. Ai genitori venne inviata una foto del locale dove c'era il killer di Maelys e Arthur Noyer

+ Miei preferiti

I detective delle cellule di Ariane, che stanno lavorando su 40 fascicoli di persone scomparse che in teoria possono essere collegati a Nordahl Lelandais, il pluriassassino reo confesso della piccola Maelys De Arauyo e, 9 anni, del caporale Arthur Noyer, hanno analizzato una foto scattata in una discoteca dell'ex militare 36enne. Si tratta dello stesso locale, situato a Grésy-sur-Aix (Savoia), dove Thomas Rauschkolb è stato visto vivo per l'ultima volta nel 2015. Rauschkolb è una delle 40 persone sparite o morte senza un colpevole sotto l’esame della cellula Ariane, responsabile di aver stabilito o meno un legame con Nordahl Lelandais.

Un elemento nuovo ha recentemente ricostruito il percorso di Lelandais nell'inchiesta sulla morte di questo diciottenne, morto il 28 dicembre 2015, dopo aver trascorso la sera in un locale notturno il giorno prima, allo Studio 54 di Grésy-sur-Aix (Savoia), non lontano da Domessin (la città dove viveva con i genitori l'ex militare di 36 anni). Il suo corpo era stato trovato nel fiume Sierroz e le autorità avevano concluso che si trattava di un incidente da ubriachezza. Secondo le informazioni rivelate da Le Parisien, Francis Rauschkolb, padre della vittima, aveva ricevuto una misteriosa foto scattata nella discoteca tre anni prima, nell'agosto 2012.

In questa foto, un uomo fortemente somigliante a Nordahl Lelandais (ossa, muscoli, tratti del viso, e anche un braccialetto a un polso come in altre immagini note all'assassino di Maëlys) con un'altra persona, che non è Thomas Rauschkolb. I familiari sperano finalmente di ottenere risposte sulle esatte cause della sua morte. Suo padre non ha mai creduto all'incidente dell'ebbrezza. La notte della sua scomparsa, il giovane Thomas non ha preso la solita via di casa, come dimostra la scarpa e la cintura che ha perso mentre si arrampicava su una recinzione. "Voleva fuggire da qualcuno e scappare. (.....) Deve aver voluto difendersi con essa. È stata la mia convinzione per molto tempo", ha detto suo padre.

I’avvocato Bernard Boulloud, che rappresenta la famiglia Rauschkolb, prevede di richiedere la riesumazione del corpo nelle prossime settimane.

AGGREDITO IL FRATELLO DELL’ASSASSINO

Sven Lelandais, fratello di Nordahl Lelandais, era stato violentemente picchiato da due persone lo scorso febbraio, davanti ai suoi genitori. L'attacco ha avuto luogo nei pressi di Pont-de-Beauvoisin, il comune savoiardo diventato tristemente famoso dopo la vicenda di Maëlys. E’ accaduto nel centro del villaggio di La Bridoire.

Sven Lelandais e sua madre stavano passeggiando per il centro della città dove viveva da alcuni anni, quando un'auto si è fermata al loro livello. "Il primo, che non conosco, aprì la sua finestra e mi disse: "Tu sei il fratello di Lelandais?”, avevo chiesto il guidatore. "Un vicino di casa di Sven Lelandais ha poi spinto la madre di quest'ultimo, che cercava di interferire", spiega Le Parisien. Seguì una violenta rissa durante la quale Sven Lelandais cadde a terra e fu picchiato più volte davanti alla madre e ai testimoni.

Il fratello di Nordahl Lelandais riportò la frattura del naso rotto e lesioni facciali. L'unico imputato che è comparso in tribunale ha assicurato che era stato invece Sven Lelandais ad avere innescato la lite. "Per l'ennesima volta, ci sono state rappresaglie, aggressioni e minacce, contro la famiglia Lelandais. Vengono puniti per quanto usa fatto il congiunto", ha detto l'avvocato della vittima. Il pubblico ministero ha chiesto dieci mesi di carcere con l'imputato presente. Un anno per il vicino per il vicino di casa.

Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi