Un profugo su quattro muore in mare

| Più di 150 dispersi davanti alla coste libiche, decine di cadaveri in mare per il ribaltamento di due barconi. Tragico report ONU, Human Rights accusa la UE di non fare nulla. Centinaia di persone nei lager libici

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Sono due i barconi affondati nelle ultime ore davanti alle coste libiche, rivela ai media il portavoce della Guardia costiera libica, Ayoub Gassim. Le due imbarcazioni, con circa 300 persone a bordo, si sono capovolte nelle acque davanti a Khoms, circa 120 km a est della capitale Tripoli: 137 migranti sono stati recuperati e riportati in Libia. "Stimiamo possano essere 150 i migranti affogati", conferma un portavoce dell'Unhcr, Charlie Yaxley. In mare ci sarebbero decine di cadaveri. Sarebbe la tragedia più grave nel Mediterraneo di quest'anno.

Le traversate verso l'Europa di solito raggiungono il culmine in estate, quando i mari sono più calmi. L'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni ha registrato 37.555 persone che sono entrate in Europa via mare e altre 8.007 via terra nel 2019.

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha dichiarato che il numero di morti confermate sulla rotta Libia-Europa è di 164 persone dall'inizio dell'anno, meno che negli anni precedenti, ma secondo l'ONU il viaggio sta diventando sempre più pericoloso, con una persona su quattro che muore in mare prima di raggiungere l’Europa. Un enorme esodo dalle coste dell'Africa settentrionale verso l'Europa è iniziato dopo le rivolte del 2011 che hanno rovesciato il dittatore libico Muammar Gheddafi.

I leader europei hanno compiuto sforzi per arginare il flusso di imbarcazioni attraverso il Mediterraneo, anche collaborando con la guardia costiera libica e altre forze del Paese africano. Le associazioni umanitarie hanno commentanto affermando che le politiche hanno lasciato i migranti in balia di gruppi armati brutali, rinchiusi in squallidi centri di detenzione privi di cibo e acqua.

Secondo il portavoce dell'UNHCR, Charlie Yaxley: "Questo orribile evento evidenzia ancora una volta la necessità di un cambiamento di approccio alla situazione nel Mediterraneo. È fondamentale un'azione urgente per salvare vite umane in mare e impedire alle persone di salire su queste barche, offrendo alternative sicure e legali".

Judith Sunderland, direttrice associata per l'Europa e l'Asia centrale di Human Rights Watch, ha aggiunto: "Il lato sempre così orribile di queste tragedie è che dovrebbero essere prevenibili. Invece di condurre ricerche e salvataggi europei nel Mediterraneo, l'UE ha ritirato le sue forze navali. Invece di sostenere le operazioni di salvataggio non governative, i paesi dell'UE hanno lanciato ogni ostacolo sulla loro strada. Invece di assumersi le proprie responsabilità, i paesi dell'UE hanno sostenuto la guardia costiera libica senza le risorse”. Questa settimana, la guardia costiera libica ha intercettato circa tre dozzine di persone al largo della costa e le ha portate in un centro di detenzione vicino a Tripoli. Più di 200 profughi reclusi sono ancora nel centro di detenzione di Tajoura, vicino al fronte dei combattimenti tra fazioni rivali libiche, dove un attacco aereo ha ucciso più di 50 persone all'inizio di questo mese. L'ONU ha espresso preoccupazione per la loro sicurezza.

Almeno 2.500 migranti sono detenuti nei centri di Tripoli e dintorni, dove le forze fedeli al maresciallo Khalifa Haftar combattono contro le milizie che da aprile si schierano con un governo riconosciuto dall'ONU.

Cronaca
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»
Addio a John Peter Sloan
Addio a John Peter Sloan
Il più simpatico e irriverente degli insegnanti di lingua inglese mai apparsi in Italia si è spento all’improvviso in Sicilia, dove aveva scelto di trasferirsi da qualche anno
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari