Vallette, guerra straordinari finisce in procura

| Prima segnalazione, nei guai un commissario con precedenti giudiziari per corruzione. Indagini per verificare se si tratti di episodi isolati o no. Adesso il funzionario avrebbe utilizzato ore di lavoro per fini personali

+ Miei preferiti
Forse il caso non è isolato, ma intanto il riflettore s'è acceso sulle richieste di lavoro straordinario nelle pubbliche amministrazioni. Si parte dal carcere delle Vallette ma risultano già molti epsiodi al vaglio delle amministrazioni.  Il vice comandante della polizia penitenziaria delle Vallette, M. C., sarebbe infatti nei guai per via di alcune ore extra di utilizzate per fatti non collegati al suo lavoro. Il caso è stato segnalato nei giorni scorsi in Procura a Torino e adesso sono in corso ulteriori accertamenti per capire se si tratti di un episodio isolato o di un’abitudine consolidata nel tempo. Lo stesso soggetto, nel 1998, quando era ispettore della polizia penitenziaria sempre alle Vallette, era già rimasto coinvolto in una vicenda dai contorni spiacevoli. Si occupava di gestire lo spaccio ed era finito agli arresti domiciliari per tre mesi perché prendeva una percentuale dai fornitori, il 5 per cento. Una gabella che poteva essere in denaro o in merce, con cadenza trimestrale. Pena la rescissione del contratto.
I fatti attuali risalgono a fine novembre dello scorso anno, quando era ancora alle Vallette, e riguardano delle ore di straordinario segnate senza motivo. Sull’accaduto è già stato redatto un rapporto dettagliato che è stato trasmesso al direttore del carcere per avviare un procedimento disciplinare. “Per aver effettuato lavoro straordinario – si legge nella nota – oltre il proprio orario, non giustificato da alcuna esigenza di servizio, né da preventiva autorizzazione”. Il direttore ha poi inoltrato a fine dicembre la relazione al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) a Roma. La vicenda è nata nell’ambito di una serie di accertamenti sugli straordinari eseguiti dal personale della polizia penitenziaria. E il caso è stato segnalato in procura a Torino. Le ipotesi di reato che si ravvisano sono tentata truffa e falso. Già in precedenza il commissario capo M. C. era stato rimosso nel novembre 2016 dall’incarico di coordinatore del Nucleo Traduzioni e Piantonamenti di Torino. E anche in quell’occasione era stata accertata, nell’ambito di un’indagine del provveditore regionale, una cattiva gestione per disparità di trattamento circa i turni e lo straordinario dei suoi sottoposti.
 

Cronaca
Pacco bomba esplode a Lione
Pacco bomba esplode a Lione
La polizia sulle tracce del presunto attentatore, un uomo in bicicletta col volto coperto. L'esplosione in una via centralissima: numerosi i feriti, ma pare nessuno in modo grave. Sembra allontanarsi la pista terroristica
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
In un continuo scambio di identità, confondevano con la loro somiglianza anche le videocamere. Presi a Rovigo dopo una lunga catena di furti. Via al processo, ma i colpi sarebbero centinaia
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Sfregiate le fotografie dei reduci esposte nel centro di Vienna, ennesimo episodio di antisemitismo da parte di gruppi filo-nazisti
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Cercavano animali di grossa taglia per coinvolgerli in rapporti sessuali singoli o di gruppo, poi se ne liberavano. Il caso scoperto dall'associazione Aidaa. Scambi di foto su chat animal sex. Fingevano di volerli adottare dai canili
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne