Vice di Appendino in crisi Rivalta torna nell'Osservatorio

| L'architetto No Tav Guido Montanari era stato amministratore di quel Comune prima di diventare responsabile dell'Urbanistica della giunta M5s

+ Miei preferiti
Il Comune di Rivalta rientra, dopo anni di giunte No Tav, nell'Osservatorio del governo sulla nuova linea Torino-Lione da cui era uscito sotto la spinta dei capi del movimento. Lo ha deciso il consiglio comunale guidato dal neo-eletto sindaco Nicola de Ruggiero. Ma è un triste segnale, forse più della sconfitta elettorale, non solo per l'ex sindaco Mauro Marinari che aveva sposato per intero il brand NoTav, il cui fascino e peso politico sembra progressivamente calare nel tempo, creando una commissione No Tav ad hoc, poi felicemente transitata come "consulenza" gratuita alla corte di Chiara Appendino, ma soprattutto per l'attuale suo vice, l'architetto Guido Montanari. Il professore universitario, nel maggio scorso, aveva indossato la fascia tricolore per l'ultima marcia contro l'alta velocità da Susa a Bussoleno organizzata dal movimento. Alle critiche aveva risposto che "nel programma M5s di Torino c'era l'opposizione al Tav" e dunque la sua presenza era più che legittima. Ma Rivalta aveva un po' il carattere di un simbolo, l'unico presidio del movimento No Tav fuori dalla Val Susa, colonizzata da liste civiche create ad hoc. Montanari aveva rivestito, in quel Comune, sino al 2016, la carica di assessore all'Urbanistica e di vicesindaco, prima di dimettersi e di andare ad affiancare Appendino. Nel giugno 2016 aveva promesso che, tra le novità, avrebbe bloccato i progetti di nuovi centri commerciali; la realtà di oggi dice invece l'esatto contrario, dal "no" Montanari è passato al "si", e Torino è diventata terra di conquista per gli ipermercati. Ma questa è un'altra storia. Il commissario del governo, Paolo Foietta, non infierisce: "Il ritorno di Rivalta nell'Osservatorio, che è un terreno di confronto democratico dove possono convivere diverse posizioni, è un fatto molto positivo. Montanari dovrebbe riflettere più a fondo su quanto è avvenuto in quello che era un suo feudo personale". 
Cronaca
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Una notte di tensione a Chiomonte: 200 attivisti hanno tentato di avvicinarsi al cantiere dell’Alta Velocità. Dopo un lancio di sassi e razzi, domato un pericoloso principio d’incendio
McDonald's, dipendenti abusati e costretti al silenzio
McDonald
Drammatico report dei sindacati britannici, molto spesso le vittime sono pagate per tacere. Denuncianti oltre 1000 casi di donne molestate. I "predatori" spesso vengono solo trasferiti. La complicità dei manager
Assassina contro assassina
Assassina contro assassina
Le pluri-omicide Rose West e Joanna Dennehy si sono ritrovate nello stesso carcere. Rose è stata trasferita, l'altra aveva promesso: "La ucciderò, la odio"
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l'autore
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l
L'aveva lanciata nei mari dell'Australia appena 13enne, la lettera ritrovata da 2 pescatori australiani pochi giorni fa su una spiaggia del Sud
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
"'L'amico" ("era un investimento") non vuole restituirli, lei nel frattempo s'è riconciliata con il consorte. Un Tribunale le ha dato ragione
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Aperti gli ossari, recuperate dai periti del pm decine di resti umani che saranno ora esaminati. I media Uk intervistano il fratello di Emanuela, scomparsa a 15 anni
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Damian e Kira, nati dalla relazione con il magnate Stephen Bing erano stati estromessi dal nonno da un'eredità da 380 milioni di sterline. "non li considero miei nipoti, mai visti". Ma i giudici gli hanno dato torto
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Con il complice Francesco Galdelli aveva prodotto un marchio di moda con il nome dell'attore USA. Presi in Thailandia, lui è ancora in carcere. Decine di colpi
Uccisa perché troppo bella
Uccisa perché troppo bella
La tragica fine di una 17enne russa, punita dalle sue migliori amiche perché più appariscente e desiderata: un delitto che ha sconvolto anche la polizia per la ferocia
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, violentate a decapitate lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte