Vittoria delle donne: pene raddoppiate per gli stupratori

| I giudici spagnoli ribaltano la prima sentenza, definita dai movimenti femminili troppo clemente, per i cinque stupratori di una 18enne a San Firmin. C'erano state proteste e cortei in tutta la Spagna

+ Miei preferiti

Il Tribunale Supremo spagnolo ha riconosciuto il reato di stupro di gruppo nel caso de "la Manada" che l'anno scorso sconvolse la Spagna, con proteste di donne in tutto il paese. I cinque imputati dovranno scontare 15 anni di carcere e non più soltanto nove, come aveva stabilito la scorsa primavera una corte della Navarra, affermando che si era trattato soltanto di un abuso sessuale perchè non vi erano state anche violenze fisiche. La sentenza di oggi, che è definitiva, ha riconosciuto "lo scenario intimidatorio" dei fatti, spiegando che anche se la vittima non si è difesa non ha mai acconsentito agli atti sessuali, riferiscono i giornali spagnoli. Erano in cinque, che è come essere invisibili, nell’enorme confusione della festa di San Firmin, a Pamplona, quella dei tori liberati per le strade che ogni anno attira migliaia di turisti. A quei cinque ragazzi, di età compresa fra 27 e 29 anni, non bada nessuno e nessuno fa caso quando offrono un bicchiere ad una bella ragazza di Madrid che tenta di ritrovare l’amico perso nella grande confusione. Lei è allegra, bella, ha vent’anni ed è un po’ spaventata da tanta confusione: loro sembrano sicuri, la tranquillizzano, si offrono di aiutarla. È un attimo: la trascinano dentro ad un portone e a turno, come animali, abusano di lei filmando ogni cosa con i loro smartphone.

La trova una coppia, seminuda e in stato di shock: l’ospedale conferma quanto ripete. È stata violentata. Partono le indagini, che si concentrano ben presto su cinque giovani, fra cui un militare e un agente della “Guardia Civil” su cui pende una denuncia per abusi sessuali. Sono parte di un gruppo, “La Manada”, letteralmente: il branco. Su Whatsapp si scambiano tecniche, informazioni e coordinano l’attrezzatura per il raid di Pamplona: farmaci, corde, droghe. Sono in 21, partiti da Siviglia con in mente il piano preciso di prendersi con la forza quello che secondo loro gli spetta di diritto.

Tutto questo accadeva nel 2016, due anni fa. Lo scorso aprile, poche settimana fa, arriva una sentenza che ha dell’incredibile: 9 anni di reclusione quando la procura ne aveva richiesti almeno 22 e 100 mila euro di risarcimento alla vittima. Per i giudici si è trattato di “abuso sessuale”, ma non di “aggressione sessuale”. E neanche intravedono “violenza e intimidazione”.

In Spagna esplode la protesta: migliaia di persone in piazza a Siviglia, Madrid e Barcellona e milioni di post con l’hashtag #YoTeCreo, io ti credo. Perfino il governo è costretto a prendere posizione, criticando aspramente la sentenza dei giudici: il ministro della giustizia Rafael Català pretende una commissione d’inchiesta.

Cronaca
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri
Morto suicida Franco Ciani
Morto suicida Franco Ciani
Musicista e produttore, primo marito di Anna Oxa, si è tolto la vita con un sacchetto di plastica in testa: in un biglietto i motivi del gesto