Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius

| Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel

+ Miei preferiti
Non c’è pace per il Nobel: malgrado l’anno di stop per fare polizie dopo lo scandalo sessuale che ha travolto la prestigiosa accademia svedese, i cui lavori sono ripresi quest’anno con le nuove assegnazioni, la “Svenska Akademien” torna sulle prime pagine per una morte eccellente.

Si tratta di Sara Danius, filologa e saggista svedese, la prima donna alla guida dell’Accademia di Svezia che un anno fa era stata costretta alle dimissioni perché travolta dallo scandalo. Aveva 57 anni, e secondo la famiglia da tempo combatteva contro un tumore che la tormentava dal 2014.

Personalità di spicco della cultura svedese, era entrata nell’Accademia nel 2013 per assumere il ruolo di segretario permanente: incarico che secondo l’opinione pubblica e i media l’avrebbe dovuta costringere ad un controllo più ferreo nei confronti dei membri. Invece, un atteggiamento considerato “morbido” aveva permesso al regista Jean-Claude Arnault, marito di Katarina Frostenson, poetessa e membro dell’Accademia, di agire come fosse al di sopra della legge e dei controlli. Le conseguenze erano state devastanti: il regista è stato condannato a due anni per stupro e la moglie si è dimessa.

Tre ore dopo una riunione di emergenza dei membri dell’Accademia, Sara Danius aveva dichiarato che l’ente aveva preteso la sua testa: “L’Accademia desidera che io rinunci al mio incarico di segretario permanente. Mi sarebbe piaciuto andare aventi ma ci sono altre cose da fare nella vita”.

Lo scorso anno, la Danius aveva pubblicato un libro dedicato alla poetica di Bob Dylan, di cui lei stessa era stata fra gli artefici dell’assegnazione del Nobel per a Letteratura al “menestrello del rock”.

Nata a Stoccolma nel 1962, si laurea nel 1989 ricevendo un “Master of Arts” dall’Università di Nottingham e due dottorati di ricerca da altrettanti atenei.

Cultura
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena