Bufera sul Nobel, quest’anno niente premi

| Non succedeva da 75 anni, ma questa volta c’è di mezzo uno scandalo che ha “minato la credibilità stessa dell’Accademia”, come ammette un comunicato ufficiale

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
La decisione era nell’aria da un po’, da quando lo scandalo sessuale che ha travolto la serissima “Svenska Akademien” invece di placarsi ha finito per sfiorare addirittura la casa reale svedese nella persona della principessa Victoria, l’erede al trono. Circostanza mai confermata dal palazzo reale, ma in qualche modo avvalorata dal sostegno pubblico al movimento #MeToo.

Di qui, la decisione diffusa attraverso un comunicato: l’assegnazione dei Nobel Prize 2018 non ci sarà. Tutto rimandato al prossimo anno, quando si assegneranno anche quelli del 2018. Una decisione sofferta ma inevitabile, visto che la reputazione dell’ente voluto nel 1786 da re Gustavo III ha fatto segnare i minimi storici di credibilità. Da quando è deflagrato in seguito alle denunce di 18 donne che accusano di molestie e violenze Jean-Claude Arnault, fotografo e marito di Katarina Frostenson, membro dell’Accademia di Svezia, lo “scandalo del Nobel” ha portato alle dimissioni di sei membri, rendendo di fatto difficile assegnare i premi fino a nuove nomine.

Una decisione di portata storica che non si ripeteva dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma che ha comunque dei precedenti, più che altro legati a momenti di particolare tensione per l’Europa: era successo nel 1914, nel 1918, nel 1935 e per quattro anni consecutivi, dal 1940 al 1943.

Uno stop forzato che la Svenska Akademien ha intenzione di utilizzare rivoluzionando i meccanismi interni: massima trasparenza e grande attenzione ai conflitti di interesse, riferimento che ancora una volta porta verso il nome di Arnauld, accusato di ricevere finanziamenti per un circolo culturale dai contorni poco chiari.

La Fondazione Nobel, conclude il presidente del board Carl-Henrik Heldin, “si augura che l’Accademia svedese concentri tutti i suoi sforzi verso l’obiettivo di ripristinare la sua credibilità come istituzione che assegna premi”.

Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai