Dialogando sul se e il ma delle investigazioni

| Presentato all'Unione Industriali il libro di Fabio Federici e Alessandro Meluzzi (ed. Oligo)

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti
Come è cambiato negli anni il senso della sicurezza dei cittadini e come si affrontano i delitti da parte degli inquirenti, come è stata stravolta la percezione della legalità  dall'ondata immigratoria nel nostro paese.  I cittadini hanno perso il senso di sicurezza personale e sono meno fiduciosi nelle istituzioni, è cambiato il modo di “leggere”, ed interpretare i diritti del singolo, sono emerse problematiche sociali importanti legate alla criminalità. Così, accanto ai femminicidi ed ai delitti d’onore, si è sviluppata negli ultimi anni la mafia nigeriana, capace di controllare il mercato della droga, della prostituzione e dell’agroalimentare, ha spiegato Meluzzi affrontando questo tema delicato e controverso. Questi i temi al centro della presentazione ieri sera, presso la Sala Grande del Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, del libro dal titolo Il se e il ma delle investigazioni" di Fabio Federici ed Alessandro Meluzzi, edito da  OLIGO, casa editrice che ha presenziato all’evento, davanti con molti esperti del settore ed ascoltatori curiosi e attenti.  Oltre ai due autori, sono intervenuti Benedetto Lauretti, Colonello dei Carabinieri, Comandante della Scuola Allievi Carabinieri di Torino, Giorgio Vitari, Avvocato Generale presso la Corte d'Appello di Torino e  Roberto Trinchero, Avvocato penalista, Presidente Camera Penale del Piemonte Occidentale e della Valle d’Aosta. Ha moderato Ilaria Mura giornalista di punta ed inviata della trasmissione televisiva “Quarto Grado. Si è partiti dal tema del libro per fare riflessioni criminologiche generali, di diritto e d’esperienza sul campo, da Giorgio Vitari che ha raccontato del suo operato di magistrato attento alle situazioni di disagio dalle quali è più facile che scaturiscano i crimini a Benedetto Lauretti, che  ha spiegato alla platea e ad alcuni dei Suoi allievi presenti quali sono i compiti istituzionali del Carabiniere , facendo emergere l’importanza fondamentale della passione e del sacrificio, elementi caratterizzanti il “buon detective”.  La quotidianità e la vicinanza al territorio ed alla gente per le forze dell’ordine sono la palestra dell’intuito e l’applicazione pratica di ogni tipo di studio. Qual è quindi il senso dell’investigare un caso criminoso? Addentrarsi in un labirinto di indizi e tracce, usare la “ logica”come dice Federici, logica che va legata ed interpretata alla luce di tre fari illuminanti : sub iudice, pro veritate, pro iustitia. Quindi si è discusso con l’avvocato Trinchero delle garanzie del cittadino incriminato, dei compiti dell’avvocato in casi di delitti di ogni tipo e delle garanzie che uno Stato di diritto deve avere.  Si è parlato di processo penale, della costruzione delle prove portate davanti al giudice , nonché di scena del crimine, di come possa gestita un’indagine e di come le tempistiche siano importanti per la buona riuscita di una operazione. 

 

 

Video
Galleria fotografica
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 1
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 2
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 3
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 4
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 5
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 6
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 7
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 8
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 9
Dialogando sul se e il ma delle investigazioni - immagine 10
Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai