Federici e Meluzzi, incetta di premi

| “Il se e il ma delle investigazioni”, scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dello psichiatra Meluzzi, è una finestra aperta nel complicato e affascinante mondo delle investigazioni. Un lavoro che miete consensi

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Dal novembre dello scorso anno, quando nelle librerie è uscito “Il se e il ma delle investigazioni”, i due autori, Fabio Federici e Alessandro Meluzzi, fanno incetta di premi. Non è difficile capire il perché: il volume (edizioni Oligo, collana I Saggi), è la raccolta di alcune delle esperienze dirette maturate sul campo da due professionisti della lotta al crimine, con il risultato di un racconto che vuol aprire una finestra sul labirinto di indizi e intuizioni alla base delle investigazioni, ma forse per la prima volta affrontato da due punti di vista diversi: quello di Fabio Federici, colonello dei Carabinieri, crime analyst e Medaglia d’Argento al Valor Civile, e quello di Alessandro Meluzzi, psichiatra, psicologo, psicoterapeuta e crime analyst. Il primo, per mestiere ha la missione di assicurare il colpevole alla giustizia, il secondo tenta invece di addentrarsi nella mente e nei motivi che spesso spingono persone al di sopra di ogni sospetto a trasformarsi in assassini spietati.

Ne viene fuori il racconto di una sofisticata partita a scacchi giocata fra la mente dell’assassino e quella dell’investigatore, che in più ha come filtro terminale offrire ai giudici una verità processuale che dev’essere la più solida possibile. A questo, in alcuni celebri casi di cronaca nera, va aggiunta la fondamentale componente mediatica, l’enorme interesse che alcuni delitti suscitano sui media e sul pubblico.

I premi, si diceva: qualche giorno fa, il 6 luglio scorso, Federici e Meluzzi hanno ricevuto il premio per la saggistica assegnato dal Festival “AG Noir” di Andora, quarta edizione di una rassegna dedicata alle infinite facce del noir. Lo stesso riconoscimento assegnato sabato 14 luglio al “Le Carillon” di Paraggi, a Portofino, l’antico tendone per i bagnanti creato nel lontano 1936 e oggi diventato elegante spazio per eventi, fra cui la rassegna “Portofino IncontrAutori”, appuntamento letterario voluto dall’Associazione “Amici di Portofino Onlus” che quest’anno ha scelto di assegnare il premio speciale intitolato alla memoria di Beniamino Migliore, l’ex comandante della stazione dei Carabinieri di Portofino, al volume di Federici e Meluzzi, “Il se e il ma delle investigazioni”.

Il giorno dopo, domenica 15, nuovo premio per il volume scritto a quattro mani dal colonnello Federici e dal dottor Meluzzi. Questa volta a Sarzana, una delle perle della riviera di Levante, nello spezzino, nella spettacolare cornice della “Fortezza Firmafede”, eretta per volontà di Lorenzo il Magnifico, Federici e Meluzzi sono stati gli ospiti conclusivi della sesta edizione del “Premio Letterario Trofeo Città di Sarzana”, manifestazione organizzata dall’associazione culturale “Poeti solo Poeti Poeti”, con il patrocinio della Camera dei Deputati.

Non è un caso, se cresce l’attesa per “Menti insolite, radiografia di cinque femminicidi”, il prossimo lavoro di Fabio Federici e Alessandro Meluzzi, questa volta con l’aggiunta della penna di Massimo Numa, storica firma de “La Stampa”.

Galleria fotografica
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 1
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 2
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 3
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 4
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 5
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 6
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 7
Federici e Meluzzi, incetta di premi - immagine 8
Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai