I seguaci di Dracula? Vanno all'università

| In libreria il primo romanzo di Viviana Borrelli, edito da Leucotea, "Vampire Story, il risveglio del fuoco"

+ Miei preferiti
Esce in libreria "Vampire story. Il risveglio del fuoco", il primo romanzo di Viviana Borrelli, edizioni Leucotea. Appassionata, simpatica, e soprattutto esperta del mondo manga e anime, la figlia emblematica degli anni ‘80, Viviana Borrelli ci racconta un universo giapponese più sorprendente del solito, quello di Haruki e Yoshi, due adolescenti, amici dall'infanzia, alle prese con il ritorno agli studi presso un'università un po' particolare. Perché?  Perché questo ateneo consente la frequenza sia di umani che di vampiri! Ebbene sì, anche i vampiri studiano, hanno una vita sociale, ascoltano musica e fanno sport. Niente fughe dall'aglio e dal sole, o almeno non per tutti. Nessuna voglia di dormire in una tomba né di succhiare sangue dal collo: i personaggi della Borrelli sono del tutto diversi dal mito tradizionale: ognuno presenta caratteristiche fisiche e psicologiche differenti, proprio come "quelle scimmie degli umani", per fare una citazione tratta dallo stesso romanzo. Nel corso della presentazione,  rimango affascinata dal processo di creazione dei personaggi usato dall'autrice: "io non riesco a stare ferma quando scrivo", ci confessa, " Mi devo muovere; devo provare sulla mia pelle la gestualità e le tonalità che assumerebbe uno dei miei  personaggi, finché non prende vita da solo ed è lui stesso a suggerirmi la sua storia." 

Ma addentriamoci meglio nella trama:

"Haruki vive a Tokyo. ricco e annoiato, accetta la proposta del suo migliore amico di tornare a studiare. Si iscrivono quindi in una delle università private più prestigiose del paese. Ma ciò che il ragazzo ignora è che la metà degli studenti appartiene alla Nuova Razza: giovani vampiri figli di un immortale e un essere umano.

Inizia per lui un lungo viaggio alla scoperta di se stesso, durante il quale incontrerà l'amicizia, la rivalità, l'amore e verrà a conoscenza di un'oscura verità che cambierà per sempre la sua esistenza.

A fare da sfondo il Giappone: Con i suoi templi e i grattacieli; la tradizione e la tecnologia; gli immensi parchi e l'esercito di pedoni che affollano le strade."

Di certo, Vampire story costituisce pane per i denti di coloro che amano il genere  fantasy  e il mondo asiatico, ma andando a fondo scopriamo che oltre la magnifica allegoria del vampiro si cela, in realtà, l'uomo moderno, il quale conduce ormai la vita virtuale nei social e per natura ricerca l'aggregazione, perché non può fare a meno di stare in compagnia. A uno sguardo più attento, in effetti, sembra che la stessa università, luogo del sapere per eccellenza, sia una metafora: un invito della scrittrice a conoscere culture differenti dalle nostre, a volte totalmente altre, per capirne gli stili di vita e, chissà, scoprire amicizie lunghe un'eternità. Un messaggio molto attuale, dunque, è quello lanciato da Viviana Borrelli: in natura la diversità è ricchezza.

Per scoprire di più sul primo capitolo di questa nuova saga fantastica, vi rimandiamo pagina ufficiale della scrittrice https://www.facebook.com/viviana.borrelli.79

Cultura
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza