Il genio trasgressivo di Alan Turing

| In un periodo in cui gli omosessuali nel Regno Unito erano considerati criminali, il più grande matematico inglese ammise ingenuamente di esserlo. Vergognosamente condannato alla castrazione chimica, si suicidò alcuni anni dopo

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Entro la fine del 2021 la banconota inglese da 50 sterline riporterà il volto di Alan Turing, un riconoscimento e un omaggio postumo che la Banca d’Inghilterra tributa al genio matematico inglese.

Ad annunciarlo, in una recente conferenza stampa, il governatore della banca Mark Carney, il quale ha affermato che “Alan Turing fu un eccezionale matematico il cui lavoro ha avuto un enorme impatto su come viviamo oggi: è un gigante sulle cui spalle si poggiano tantissime persone”.

Nato a Londra nel 1912, Turing è considerato il padre dell’informatica, dell’intelligenza artificiale e della crittografia moderna oltre che uno dei più grandi matematici del XX secolo. Il suo lavoro influenzò la nascita della disciplina informatica – in quanto fu lui a formalizzare i concetti di algoritmo e calcolo – e dell’intelligenza artificiale, da lui teorizzate già negli anni Trenta del Novecento.

E infatti, insieme con il volto dello scienziato in una foto scattata nel 1951, sulla banconota compariranno anche formule matematiche e l’immagine dei macchinari che Turing contribuì a far nascere.

Inoltre, fu uno dei più brillanti “crittoanalisti” inglesi durante la seconda guerra mondiale, e per questo motivo lavorò a Bletchley Park – il principale centro di decrittazione dei messaggi dei nemici – dove ideò una serie di tecniche per violare i cifrari tedeschi. Contribuì inoltre a sviluppare e migliorare una macchina elettromeccanica (chiamata “Bomba”) in grado di decodificare codici creati da Enigma, il meccanismo crittografico nazista.

Già da bambino Turing mise in mostra la sua genialità per i numeri. Nel 1931 fu ammesso al King’s College dell’Università di Cambridge dove approfondì gli studi sulla meccanica quantistica, la logica – fu allievo del grande filosofo e logico austriaco Ludwig Wittgenstein [leggi quil’articolo di ItaliaStarMagazine dedicato all’argomento] – e la teoria della probabilità.

Laureato con il massimo dei voti, si trasferì alla Princeton University dove ottenne un dottorato di ricerca e pubblicò alcuni testi in cui descrisse per la prima volta la “macchina di Turing”.

Si tratta di uno strumento ampiamente usato nella teoria della calcolabilità e nello studio della complessità degli algoritmi. La sua importanza è tale che oggi, per definire in modo formalmente preciso la nozione di algoritmo, si tende a ricondurlo alle elaborazioni effettuabili con la macchina di Turing.

A soli 28 anni, nel 1940, fu messo a capo del gruppo di ricercatori impegnati nella decrittazione dei documenti nazisti.

All’apice della fama, il 31 marzo 1952 Turing fu arrestato: aveva denunciato per furto un amico ospite in casa sua e in risposta alla richiesta di ulteriori informazioni da parte della polizia, ammise il proprio orientamento sessuale, affermando di essere omosessuale. Forse fu spinto in questa confessione dal fatto che in quel periodo il Parlamento britannico discuteva sull’abrogazione del reato di omosessualità: è pertanto possibile che il clima mutato abbia indotto Turing a un comportamento incauto. A sua discolpa, in tribunale, affermò semplicemente che “non scorgeva nulla di male nelle sue azioni”.

Condannato, come pena fu costretto a scegliere tra due anni di carcere o la castrazione chimica, assumendo estrogeni. Turing per evitare il carcere per oltre un anno si sottopose a trattamenti che gli provocarono il calo della libido e lo sviluppo del seno: sembra che la depressione legata soprattutto all’umiliazione subita lo condusse al suicidio, a soli 41 anni.

Fu la domestica che l’8 giugno 1954 trovò Turing morto nel suo letto. Il medico legale stabilì che il decesso era avvenuto il giorno prima per avvelenamento da cianuro di potassio. Sul comodino, una mela morsa ma non terminata non fu neppure analizzata dalla sbrigativa inchiesta del giudice che in soli due giorni decretò che Turing era morto suicida e il suo corpo fu cremato il 12 giugno 1954.

A 55 anni dalla morte, il 10 settembre 2009 il governo del Regno Unito formulò una dichiarazione di scuse ufficiali pronunciata dal primo ministro Gordon Brown, il quale riconobbe che Turing fu oggetto di un trattamento omofobico. In un passaggio del suo discorso affermò “è difficile credere che in tempi ancora alla portata della memoria di chi è ancora vivo oggi, la gente potesse essere così consumata dall’odio – dall’antisemitismo, dall’omofobia, dalla xenofobia e da altri pregiudizi assassini – da far sì che le camere a gas e i forni crematori diventassero parte del paesaggio europeo tanto quanto le gallerie d’arte e le università e le sale da concerto che avevano contraddistinto la civiltà europea per secoli. Così, per conto del governo britannico, e di tutti coloro che vivono liberi grazie al lavoro di Alan, sono orgoglioso di dire: ci dispiace, avresti meritato di meglio”.

Nel 2012 – centenario della nascita del matematico – la Royal Mail dedicò un francobollo alla sua memoria su cui tuttavia non compariva il volto dello scienziato ma la macchina “Bomba” che Turing aveva contribuito a sviluppare.

Nel dicembre 2012 alcuni importanti scienziati – tra cui il premio Nobel per la medicina Paul Nurse e l’astrofisico e cosmologo Stephen Hawking – inviarono la lettera aperta “Pardon for Alan Turing” all’allora primo ministro britannico David Cameron per sollecitare la grazia postuma. Che finalmente arrivò – firmata dalla regina Elisabetta II il 24 dicembre 2013 – a 59 anni dalla morte dello scienziato, suonando come una beffa, un riconoscimento postumo senza valore a testimonianza di un’omofobia che ancora oggi è ben presente.

Nel 2017 in Inghilterra e Galles fu approvata la cosiddetta “legge di Alan Turing” che perdona a titolo postumo tutti gli uomini che erano stati ammoniti o condannati in base alla legge che penalizzava gli atti omosessuali in Gran Bretagna.

Cultura
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee