La Casa delle Arti, nel cuore di Torino

| Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

Torino è una città piena di tesori: dimore nobiliari, parchi, musei e chiese dallo stile architettonico barocco, risorgimentale. In città, inoltre, proprio sulle rive del Po, spicca un omaggio al medioevo - epoca storica che ha ispirato molte fiabe conosciute grazie a leggende di cavalieri, principesse e dame di corte avvicendati in sontuosi castelli – esso si trova immerso nel Parco del Valentino: stiamo parlando del Borgo Medievale. Realizzato da un gruppo di artisti tra il 1882 e il 1884 su modello di numerosi castelli ed edifici realmente presenti in Piemonte e Val d’Aosta - e presentato in occasione dell’Esposizione Universale tenutasi a Torino nel 1884 - conta abitazioni, botteghe, torri, vie e cortili sovrastati da una grande rocca e da mura merlate. Un percorso suggestivo e pittoresco che oggi costituisce una delle mete turistiche della città per eccellenza, visitata ogni anno da 140.000 persone. Attraversando la porta principale, oltre il ponte levatoio si viene catapultati tra le costruzioni dell’epoca: botteghe artigiane, tra cui il forno, il laboratorio del maniscalco, l’ospizio dei pellegrini e la cartiera. Non meno caratteristico è l’ex alloggio del custode, che sta vivendo da poco una rinascita. Sì, perché nonostante le numerose visite turistiche, questo luogo incantato è abbandonato completamente a se stesso. Un borgo dalla potenzialità importante ma che finora non è stata sfruttata.

Ci hanno pensato a ravvivarlo Enrica Merlo e Max Ponte, i quali hanno fondato in loco  La Casa delle Arti "Alfredo D'Andrade", una pregevole iniziativa culturale di cui c’è sempre più bisogno, sia per creare un polo alternativo (e più accessibile) al più classico Circolo dei Lettori, sia per promuovere l’arte in un luogo che la chiama a sé, proprio come il Borgo Medievale.

Allora, cos'è la Casa delle Arti

Risponde Enrica Merlo

Beh è un comitato di artisti, poeti, scrittori e musicisti che puntualmente si incontrano (in genere una volta al mese) e dove ognuno può proporre ciò in cui è "ferrato". Ci sono letture, brani musicali e presentazione di opere. La Casa delle Arti "Alfredo D'Andrade" ha sede nel Borgo Medievale di Torino, nell'alloggio dell'ex custode. Il nostro intento è quello, con non poche difficoltà, di riportare alla luce questo luogo storico artistico di Torino che negli ultimi anni ha visto un declino enorme. Ora, sotto l'amministrazione del Comune di Torino, più che mai si è trasformato in un mero luogo di passaggio senza che nessuno ne valorizzi la bellezza architettonica e la potenzialità per la vita culturale di Torino; oltre ai mensili incontri si svolgono all'interno della Casa delle Arti "Alfredo D'Andrade” altri eventi culturali, concerti, presentazioni di libri, mostre pittoriche. Quello che senz'altro vorremmo che fosse accentuato del nostro lavoro è sicuramente l'impegno nostro (mio e di Max Ponte per rivitalizzare il Borgo e della grande partecipazione che le nostre iniziative stanno avendo nell'ambiente culturale torinese. Siamo "gemellati" con il circolo arci Dopotutto di Avigliana e abbiamo stretti legami con La Cavallerizza irreale di Torino. Abbiamo anche una web radio RADIO SCOIATTOLO così detta perché l'animaletto simbolo del Borgo Medievale e del parco che lo circonda è proprio lo scoiattolo; Con Radio Scoiattolo realizziamo puntate che parlano di tutto quello che si svolge all'interno della casa per quanto riguarda gli eventi culturali e delle chiacchierate con il pubblico che transita all'interno del Borgo. Teniamo a far sapere che il prossimo evento sarà sabato 19 gennaio dove dal mattino "libereremo" in collaborazione con la Libreria Belgravia di Torino e in concomitanza con il circolo Dopotutto molti libri all'interno del Parco del Valentino, della zona di San Salvario per un bookcrossing un po’ particolare dove geolocalizzeremo i nostri libri affinché possano essere trovati più facilmente dai lettori. Altro evento prossimo sarà venerdì 25 gennaio alle ore 20,30 presso la sede della Casa delle Arti presentazione del libro GRAMSCI, UNA NUOVA BIOGRAFIA del Prof. Angelo D'Orsi, edito da Feltrinelli. 

Gruppo facebook https://www.facebook.com/groups/2077926045852485/

Radio Scoiattolo https://www.spreaker.com/user/radioscoiattolo

Cultura
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi
Prima lo stalker s'innamora e poi odia
Prima lo stalker s
Nel romanzo "La rete" di Elisa Giobbi (ed. Stampa Alternativa) una storia drammatica che si ispira al diffuso fenomeno dello stalking. Tra condanne, immeritato perdono e continui cambi di scena
Follia è non avere paura
Follia è non avere paura
"Words" di Alessandro Gatta è un viaggio nell'autocoscienza, ma davvero senza filtri o limiti. La voce e la parola, gli artisti scelti come compagni di vita. Felici o infelici, il costo è sempre alto. Ma entusiasmante
Una donna libera (anche) in Marocco
Una donna libera (anche) in Marocco
La scrittrice marocchina Ilham Belfakir, nel romanzo "I miei perché" (Il Mulino Onlus Editore) racconta la vita di Zina che lotta faticosamente e con rabbia, come tante altre donne arabe, per libertà e tolleranza