L’apocalittico scorpione di Stephen King

| Un’influenza contamina il 99% della popolazione terrestre senza possibilità di scampo. L’umanità è devastata e i pochi sopravvissuti si dividono in due schieramenti che si affronteranno per il dominio del mondo

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
“La stazione di servizio Texaco di Hapscomb si trovava sulla statale 93 appena a nord di Arnette, un paesotto con quattro strade in tutto, a centottanta chilometri circa da Houston”.

Inizia così uno dei romanzi più celebri e visionari di Stephen King, uno degli autori più letti al mondo. La sua produzione è immensa - quasi 90 libri tutti decisamente corposi venduti in 500 milioni di copie - fatta di successi planetari, scritti con uno stile semplice e un vocabolario essenziale: il ridotto numero di termini utilizzati era la stessa critica di cui fu accusato anche un altro grande scrittore dalle grandi tirature come Georges Simenon. È quindi difficile giudicare Stephen King: quelli a cui non piace affermano che è solo il creatore di anonimi best seller, i suoi fan lo ritengono il più grande scrittore al mondo e sono molto pochi i lettori lasciati indifferenti dagli scritti dello scrittore nato nel 1947 a Portland, nel Maine. In ogni caso, King è un maestro nel rendere accattivanti per il lettore le storie e a esplorare diversi filoni narrativi (horror, fantascienza, fantasy, thriller…) a volte con originali commistioni tra loro.

Il suo quarto romanzo. dal titolo “L’ombra dello scorpione” (“The Stand” nell’originale), fu pubblicato nel 1978 ed è sostanzialmente una storia distopica e post apocalittica, che poi sfocia nella “solita” (per King, ma non solo) dualità tra bene e male. Contiene buona parte dei temi che lo hanno reso celebre tra la fine degli anni Settanta e gli Ottanta: i fan considerano questo romanzo come uno dei suoi capolavori (insieme con “It”), mentre se si considerano le classifiche di vendita occupa una posizione di rincalzo.

In estrema sintesi, la trama è semplice e per certi versi quanto mai attuale: in seguito a un esperimento finito disastrosamente per creare un virus – chiamato ufficialmente “progetto Azzurro”, ma da tutti soprannominato Captain Trips – una pandemia totale colpisce la Terra e in pochi giorni il 99% della popolazione si ammala, senza nessuna speranza di sopravvivenza. Tutto inizia con una misteriosa Chevrolet che sparge la morte sotto forma di una tremenda influenza che uccide chiunque, e i pochi sopravvissuti non ne conoscono il motivo e non sanno neppure che sta arrivando un altro dramma nella figura di un allegro cowboy: il signore delle tenebre con la sua parte oscura e mostruosa, l’ombra dello scorpione appunto.

In questo clima da apocalisse si manifestano anche le forze del bene in una sfida totale per la sopravvivenza della poca umanità ancora rimasta in vita. Il libro narra le storie intrecciate di alcuni sopravvissuti: una studentessa universitaria incinta, uno studente insicuro e rancoroso, un tecnico che lavora in un’azienda che produce calcolatrici, un musicista pop, un sordomuto, un ragazzo telepatico, un anziano professore di sociologia, un’insegnante vergine, un panciuto e gioviale agricoltore, un uomo ritardato ma di buon cuore. Tutti hanno in comune un sogno condiviso in cui compare l’ultracentenaria mamma Abagail che li spinge a ricreare una società democratica.

Un altro gruppo di sopravvissuti composto da un ex delinquente, un pazzo piromane, un ex cuoco dell’esercito, una teenager ninfomane e dall’ex capo della sono invece guidati da un demonio con poteri soprannaturali. I due gruppi alla fine si affrontano in una lotta senza quartiere in un crescendo di tensione che porterà a un’esplosione atomica che distruggerà tutti i cattivi, tranne uno che tornerà nei successivi libri di King dedicati alla saga della Torre nera.

Il finale è aperto con i due studenti che alla domanda se la razza umana può imparare dai propri errori ripetono ossessivamente “non lo so”.

L’ombra dello scorpione pur non essendo il libro più scorrevole di King, contiene tutti gli elementi classici dell’autore: dalla forte presenza del soprannaturale al male sempre vivo, dalle storie dei protagonisti che si intrecciano ai personaggi tipicamente statunitensi e dalle forte caratterizzazioni, dal terrore insito in tutti alla prospettiva di un riscatto.

King ha recentemente dichiarato che L’ombra dello scorpione è il libro che ha richiesto più tempo per essere terminato, ben sedici mesi per la prima stesura fino a un punto morto a due terzi della storia. Tuttavia (e fortunatamente per i fan) trama e personaggi gli piacevano per cui non abbandonò il progetto e riuscì a terminarlo in due mesi grazie a un’intuizione che lo sbloccò: aver capito che buoni e cattivi si stavano assomigliando troppo, pertanto nella seconda stesura mise maggiormente in evidenza le loro caratteristiche e la violenza insita nella natura umana.

Il corposo romanzo è una delle poche opere di King da cui non è stato tratto un film, anche se George Romero ne ipotizzò anni fa la realizzazione con l’approvazione di King e frequentemente si parla spesso di adattamenti per il cinema, senza che queste voci si trasformino in realtà.

È stata invece realizzata nel 1994 una miniserie televisiva con lo stesso titolo, divisa in quattro puntate, scritta da King che appare anche in un cameo in cui interpreta uno dei sopravvissuti che ha udito il richiamo onirico di mamma Abigail. Numerosi gli attori di spicco, tra cui Gary Sinise – non ancora famoso per la serie cult “CSI” – e Miguel Ferrer, che sarebbe diventato famoso per “Crossing Jordan” e “NCIS” oltre che per essere il cugino di George Clooney. Tra le guest star John Landis, Sam Raimi, Ed Harris, Kathy Bates e l’ex campione di basket Kareem Abdul-Jabbar. La sigla d’apertura di tutte le puntate è il brano “(Don’t Fear) the Reaper” dei Blue Öyster Cult. Nel 2010, infine, la Marvel ha realizzato una serie di fumetti dedicata alla storia dei sopravvissuti.

A oltre 40 anni dalla pubblicazione, L’ombra dello scorpione pur non essendo un capolavoro della letteratura né l’opera più riuscita di King, si dimostra – in quest’epoca di coronavirus – quanto mai attuale nell’intuizione della pandemia che distrugge l’umanità.

Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai