Lo scrittore della polvere

| Strano destino quello di John Fante: ignorato dai lettori, raggiunse la fama una volta scomparso, riscoperto da Bukowski. In Italia divenne un bestseller quando sulla copertina di un suo libro fu pubblicata la foto di un altro autore

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
“Caro signor Fante, che cos’ha contro lo scrivere a macchina? Se trascriverà il suo manoscritto a macchina sarò contento di acquistarlo”.

Fu un poco più che ventenne John Fante – che aveva lasciato da qualche mese il Colorado per la California e allontanarsi da un padre che lo opprimeva – a ricevere questa sintetica lettera dall’editore Henry Louis Mencken: queste poche righe diedero inizio alla carriera del giovane, con la pubblicazione del suo primo racconto.

Nato l’8 aprile 1909 a Denver, figlio di Nicola, di origini abruzzesi, e di Mary, di origini lucane, Fante aveva frequentato scuole cattoliche e l’università del Colorado e quando divenne ufficialmente scrittore, con i suoi primi racconti pubblicati, fece trasferire madre e fratelli a Los Angeles. Nonostante il pessimo rapporto con il padre, l’Italia farà parte per tutta la carriera nell’immaginario di Fante. Il protagonista di alcuni suoi romanzi si chiama Arturo Bandini ed è orgoglioso delle sue origini. Il romanzo “Aspetta primavera Bandini” racconta la vita degli emigrati italiani nel primo Novecento. I testi di Fante contengono numerosi termini in italiano ma purtroppo fino alla metà degli anni Novanta nel nostro Paese ben pochi lo conoscevano e non esistevano traduzioni dei suoi libri. Solo di recente a Torricella Peligna (paese di origine del padre), in agosto si svolge un concorso letterario a lui dedicato che premia i migliori scrittori emergenti.

La scrittura di Fante racconta l’animo umano e ne coglie tutti i suoi vari aspetti e contraddizioni. Dovette lottare tutta la vita per farsi riconoscere lo “status” di grande scrittore e solo dopo la sua morte i romanzi che scrisse raggiunsero il meritato successo.

Affermazione di cui il suo scopritore Mencken era veramente convinto, visto che la collaborazione tra i due – iniziata nel 1932 sulla rivista “The American Mercury” – proseguì per molti anni sfociando in un profondo rapporto di amicizia e dando vita a numerose storie che descrissero spaccati di realtà che mettevano in evidenza i risvolti interiori dei personaggi. In questa ricerca dei caratteri delle persone che raccontava, Fante fu debitore alla letteratura russa dell’Ottocento e alla sua passione per Fëdor Dostoevskij, che ammirava e che imitò non tanto nello stile e nella forma, quanto per i temi trattati: la vita della gente comune.

L’alter ego letterario di John Fante è senza dubbio Arturo Bandini, protagonista di quattro romanzi tutti ambientati a Los Angeles e di grande successo internazionale. Tuttavia i primi due a essere scritti (“Aspetta primavera Bandini” e “La strada per Los Angeles”) oltre a trovare difficoltà nell’essere pubblicati, furono ferocemente criticati per il modo di raccontare diretto, senza censure e freni inibitori dello scrittore. Solo quando Charles Bukowski scoprì in una biblioteca alla fine degli anni Settanta “Chiedi alla polvere” (dopo essere stato incuriosito dalle prime righe, fu conquistato dal resto del volume) Fante venne riscoperto dal grande pubblico, in quanto la sua opera fu ripubblicata integralmente dalla “Black Sparrow”, la casa editrice di proprietà di Bukowski. Purtroppo, lo scrittore non riuscì a godere questo successo, in quanto morì dopo l’uscita del primo titolo.

Nei quarant’anni di oblio, Fante riuscì a sopravvivere grazie alla sua scrittura, pur non riscontrando una grande popolarità di pubblico. Infatti, dopo l’insuccesso dei suoi due primi romanzi cercò di cambiare stile, scrivendo un libro sulla comunità filippina di Los Angeles. Nonostante numerosi tentativi di stesura, il risultato non fu considerato sufficiente dall’editor e dopo alcuni mesi si allontanò dalla letteratura. Durante la seconda guerra mondiale sospese la sua attività di scrittore a causa dell’impegno come collaboratore per i servizi d’informazione. Tornò a scrivere nel 1952, quando pubblicò “Una vita piena”, unico romanzo che riscosse un buon successo mentre Fante era in vita.

Per sopravvivere iniziò a scrivere sceneggiature per Hollywood, permettendo così di garantirsi una vita agiata insieme con la moglie Joyce Smart sposata nel 1937 e i quattro figli, pur riconoscendo di aver “venduto l’anima al business cinematografico”. Collaborò anche con Dino De Laurentiis in Italia e solo negli ultimi anni di vita abbandonò l’attività di sceneggiatore per dedicarsi esclusivamente ai romanzi: risalgono a questo periodo altri due capolavori come “La confraternita dell’uva” e “Sogni di Bunker Hill”.

Nonostante le sue origini italiane, Fante fu a lungo trascurato dagli editori del nostro Paese e soltanto dopo la morte sono stati pubblicati i suoi libri. Il primo fu nel 1992 “La strada per Los Angeles” e da allora la sua fama è costantemente cresciuta. Nel 2015 il suo volto fu pubblicato sulla copertina del volume di Einaudi dedicato alle lettere che Fante aveva scritto, soprattutto alla madre, alla moglie e all’editore Mencken. Purtroppo, a causa di una colossale svista, la prima edizione riportava la foto di Stephen Spender e non quella di Fante. Quando l’editore ammise l’errore su Twitter si scatenò una vera caccia al volume tanto che in pochi giorni un libro decisamente di nicchia divenne un bestseller. Einaudi di nuovo su Twitter ironizzò “sta a vedere che per vendere John Fante basta mettere Stephen Spender in copertina. A saperlo lo facevamo subito”.

Reso cieco e senza gambe a causa del diabete Fante continuò a lavorare dettando alla moglie, parola per parola, il suo ultimo volume “Sogni di Bunker Hill” ancora con protagonista Arturo Bandini. Morì a Los Angeles l’8 maggio 1983, un mese dopo aver compiuto 74 anni.

L’8 aprile 2010, 101esimo anniversario della nascita di Fante, gli è stata intitolata la piazza di Los Angeles nel quartiere di Bunker Hill dove lo scrittore ha vissuto e dove sorge la biblioteca pubblica in cui Charles Bukowski a riscoperto “Chiedi alla polvere”.

Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai