Quando Milano è diventata il motore d’Italia

| Un’esposizione ripercorre una stagione di grande splendore vissuta dal capoluogo lombardo: in mostra fotografie, manifesti, riviste, arredi e oggetti di design per rivivere l’atmosfera dell’epoca

+ Miei preferiti
Dal 6 novembre al 9 febbraio del prossimo anno, Palazzo Morando | Costume Moda Immagine di Milano (via Sant’Andrea 6) ospita una mostra che ripercorre la storia di un decennio irripetibile che ha consacrato il capoluogo lombardo come una delle capitali mondiali della creatività, in grado di assumere il ruolo di guida morale ed economica del Paese.

Spinta dal boom economico, Milano si trovò improvvisamente a vivere un irrefrenabile fermento culturale, caratterizzato da una forza progettuale senza precedenti e dalla voglia di lasciarsi alle spalle in maniera definitiva gli orrori della guerra. La grande stagione della musica a Milano si inaugura con il concerto di Billie Holiday del 1958 allo “Smeraldo” e proseguirà felicemente con tutti i grandi del jazz, da Duke Ellington a Thelonious Monk, fino a Chet Baker e Gerry Mulligan, che a Milano erano di casa. Anche la musica leggera conosce un periodo d’oro con il concerto dei Beatles al “Vigorelli” del 1965 e dei Rolling Stones al “Palalido” di due anni dopo che suggellano il ruolo di Milano come città moderna e pronta ad accogliere i più grandi protagonisti della musica pop e rock d’oltremanica e d’oltreoceano.

Sono anni di grande fervore artistico con l’opera di Lucio Fontana e Piero Manzoni, di pietre miliari del design italiano come Marco Zanuso, Bruno Munari, Vico Magistretti, Achille Castiglioni, Bob Noorda e di grandi esponenti della fotografia: Roberto Polillo, Carlo Orsi, Uliano Lucas, Gianni Greguoli, Fedele Toscani, Fabrizio Garghetti, Giorgio Lotti, Emilio Frisia, Cesare Colombo, Ernesto Fantozzi, Paolo Monti, Silvestre Loconsolo, Piero Raffaelli. E non manca neanche l’intensa vita notturna dei locali del jazz, con Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci. Ma questi sono solo alcuni dei protagonisti della scena milanese che contribuirono all’incanto di quel decennio, un sogno da cui la città si svegliò bruscamente il 12 dicembre 1969, con l’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana.

Curata da Stefano Galli, realizzata in collaborazione con il Comune di Milano | Cultura, Direzione Musei Storici e la Questura di Milano,organizzata da “MilanoinMostra” con il patrocinio della Polizia di Stato e della Regione Lombardia, la rassegna presenta fotografie, manifesti, riviste, arredi, oggetti di design e molto altro ancora, che faranno rivivere l’atmosfera di quell’epoca.

Il percorso espositivo, diviso in sezioni, si apre con le immagini della nuova Milano, il cui volto si modifica grazie a nuove costruzioni come il Pirellone, la Torre Velasca, la Torre dei servizi tecnici comunali, il Centro direzionale, la Torre Galfa ma anche la nascita dei quartieri periferici, Quarto Oggiaro, Olmi, Gallaratese, Gratosoglio, Comasina, quest’ultimo iniziato nel 1953 e ultimato nel 1960, il più importante intervento edilizio in quegli anni in Italia con i suoi 11.000 vani e 83 palazzi.

Fotografie e riviste dell’epoca documentano il boom economico, con la realizzazione delle tangenziali milanesi, del tratto Milano-Piacenza dell’autostrada A1, infrastrutture che portarono una più rapida circolazione delle merci con una maggiore crescita delle aziende; celebri nomi della grafica pubblicitaria furono chiamati a ripensare i brand delle nuove e rinnovate realtà aziendali, a partire dal fondamentale progetto di Franco Albini e Bob Noorda per la Metropolitana Milanese.

Numerosi sono gli oggetti che aiutano a rievocare la grande stagione del design, con maestri del calibro di Bruno Munari, Marco Zanuso, Vico Magistretti, Enzo Mari, Achille Castiglioni, Sambonet, Joe Colombo, Gio Ponti. Si racconta la storia delle aziende milanesi coinvolte in questa clamorosa stagione: Brionvega, Cassina, Zanotta, Kartell, Tecno, Fontana Arte, Artemide, Flos, Arflex e Danese. 

Anche il mondo della cultura, delle gallerie d’arte e del cabaret visse un periodo di grande spolvero. E naturalmente la musica, in particolare il jazz, che trovò casa in numerosi club sparsi per la città, come la “Taverna Mexico”, dove si esibirono i migliori esponenti di questo genere. Già alla fine degli anni Cinquanta, Milano divenne un luogo apprezzato dove organizzare concerti memorabili, come quello di Billie Holiday allo Smeraldo nel 1958, poi seguito, qualche anno più tardi, dai Beatles al Vigorelli, i Rolling Stones al Palalido e Jimi Hendrix al Piper, ma fu anche il palcoscenico che vide affermarsi artisti quali Enzo Jannacci, Giorgio Gaber, Adriano Celentano, Patty Pravo.

La fine degli anni ‘60 segnò poi la nascita della contestazione, dalle rivolte studentesche negli atenei, sfociate nelle occupazioni della Statale e della Cattolica, ai picchetti nelle fabbriche e agli scioperi.

Chiude la mostra la sezione dedicata a piazza Fontana e alla fine del sogno, con le fotografie della strage e dei funerali, accompagnate da documenti e alcuni oggetti legati a questo tragico avvenimento alla cui ricerca e selezione, presso gli archivi della Polizia di Stato e non solo, ha collaborato la Questura di Milano.

 “Milano Anni ‘60” è il nuovo appuntamento espositivo di un percorso iniziato con Milano tra le due guerre. Alla scoperta della città dei Navigli attraverso le fotografie di Arnaldo Chierichetti (2013) e proseguito con Milano, città d’acqua (2015) e Milano, storia di una rinascita. 1943-1953 dai bombardamenti alla ricostruzione (2016), Milano e la mala (2017) e Milano e il Cinema (2018). 

INFO PRATICHE

MILANO ANNI ‘60

a cura di Stefano Galli

6 novembre 2019 - 9 febbraio 2020

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, spazi espositivi piano terra, via Sant’Andrea 6, Milano

Orari: martedì-domenica: 10:00-20:00, giovedì 10:00-22:30.

Biglietti: intero € 12, ridotto: € 10 (studenti under 26, over 65, disabili, gruppi adulti e tutte le convenzioni).

Informazioni e prenotazioni visite guidate: tel. +39 327 8953761

www.civicheraccoltestoriche.mi.it

http://www.milanoinmostra.it/

Galleria fotografica
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 1
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 2
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 3
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 4
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 5
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 6
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 7
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 8
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 9
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 10
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 11
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 12
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 13
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 14
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 15
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 16
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 17
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 18
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 19
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 20
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 21
Quando Milano è diventata il motore d’Italia - immagine 22
Cultura
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee