Quell'eterna sfida alle menti criminali e assassine

| "Il se e il ma delle investigazioni", ed. Oligo, confronto ad alta tensione tra un noto detective e un illustre psichiatra per arrivare alla verità giudiziaria. E non solo

+ Miei preferiti
Attraverso le diverse esperienze degli autori, questo saggio mette a confronto il punto di vista del detective e quello dello psichiatra criminologo. Il campo di indagine è il labirinto della lotta contro il crimine alla ricerca della giustizia e va a scandagliare il complesso mondo degli assassini (seriali e non). Per fare questo, si prendono in considerazione le menti dell'investigatore e quella enigmatica dell'assassino, per poi passare a valutare il ruolo cardine della prova logica nella ricostruzione della verità processuale; viene quindi indagato il ruolo del giudice e, infine, si prende in considerazione l'influenza dei mass media nell'odierno mondo della giustizia. Per evitare di entrare nel vortice dei "processi mediatici", che puntualmente accompagnano i più eclatanti casi di cronaca, l'investigatore moderno, nel difficile percorso verso la verità, deve farsi guidare dalla logica del ragionamento, basato su un rigoroso percorso multidisciplinare, tenendo sempre in mente i tre principi sub iudice, pro veritate, pro iustitia. Gli autori, tra i protagonisti di casi di cronaca nera che hanno scosso l'opinione pubblica degli ultimi anni, hanno recentemente presentato questo progetto editoriale (patrocinato dall'Accademia Nazionale Virgiliana) in importanti eventi e festival letterari italiani, tra cui il Grangiallo di Cattolica, l'AG Noir di Andora e il Torino Crime.

ALESSANDRO MELUZZI è medico psichiatra, psicologo forense e criminologo, nonché giornalista pubblicista e autore televisivo  e titolare della cattedra di Psicologia di comunità (IUSTO) ed è docente ai master di Criminologia (La Sapienza, Roma) e di Analisi comportamentale e scienze applicate alle investigazioni (Link Campus University, Roma). Consulente tecnico in materia civile e penale, è stato deputato e senatore della Repubblica, nonché membro del Corpo Consolare. È autore di circa 200 pubblicazioni scientifiche e 30 monografie in materia di psichiatria, psicologia, scienze forensi e antropologia culturale. È Presidente dell'Università Europea del Mediterraneo. Inoltre, è laureato in Filosofia e Mistica.

FABIO FEDERICI, colonnello dei Carabinieri, è Medaglia d'Argento al Valor Civile e Medaglia d'Oro per gli atti di eroismo della "Fondazione Carnegie"; è anche Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Dopo le lauree in Giurisprudenza, Scienze politiche e Scienze della sicurezza interna ed esterna, ha conseguito master e corsi di perfezionamento universitari. Giornalista pubblicista e Cultore delle materie crimino investigative, è correlatore alla docenza in corsi universitari e seminari. Vanta una lunga esperienza investigativa, avendo diretto indagini su complessi crimini efferati dalla vasta risonanza mediatica, femminicidi, nonché inchieste in materia di criminalità organizzata e di contrasto al fenomeno dell'immigrazione clandestina (Lampedusa e Linosa).

Copertina di LUIGI PICCATTO 

Cultura
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee
L'Italia è ancora (molto) omofoba
L
Nel romanzo "Un'altra metà" di Streusa si racconta come l'omofobia ancora si manifesta nella società e come combatterla in modo coraggioso, aperto e senza pregiudizi