Scrittori per hobby per i librai è "spazzatura"

| EDITORIA PIRATA/2 Gli autori non professionisti si ribellano a un sistema che prende in considerazione solo pochi privilegiati. Tra i dilettanti potrebbe nascondersi un grande narratore ma nessuno lo saprà mai

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

«La scrittura per hobby rovina il mercato! Se ci fossero solo scrittori professionisti (ovvero chi riesce a sostenersi solo scrivendo) non ci sarebbero migliaia e migliaia di titoli all’anno a intasare il mercato e molti dei quali spazzatura!»

Autori “per hobby” siete avvisati!

Chi lo dice? Alcuni librai, per esempio. 

Eh sì, perché nonostante il monopolio di Amazon, Ibs e affini, che assorbono clientela costringendo molte piccole librerie indipendenti a chiudere, molte si rifiutano di prendere in conto vendita, s’intende, autori sconosciuti, preferendo lo scrittore affermato o il nome conosciuto anche se non è professionista. 

Questo metodo di selezione è adottato anche dai grandi colossi editoriali che preferiscono pubblicare un nome blasonato (indipendentemente dal contenuto del libro) piuttosto di un esordiente, anche se ha scritto un capolavoro. Per cui se non hai almeno centomila follower su Instagram o trecentomila like sulla pagina Facebook, non hai alcuna speranza di essere, non dico pubblicato, ma almeno letto da un grande editore, a meno che, certo, tu sia un calciatore di serie A, una soubrette, una presentatrice TV o un giornalista d’assalto.

A questo punto mi chiedo: come può un esordiente diventare professionista se non riesce a far arrivare il proprio romanzo in libreria? Come può farsi conoscere se nessuno sa che ha scritto un romanzo? Come può farsi leggere da un grande editore se non ha la forza finanziaria per farsi prima molta pubblicità? 

Arrivare in libreria è difficile, non solo perché molte piccole Case Editrici (che senza l’esordiente non sopravvivrebbero) non aiutano affatto, costringendo l’autore a fare le veci dell’editore; ma anche perché, come detto, molte librerie indipendenti non vogliono prendersi il disturbo di proporre uno sconosciuto, rifiutandogli persino la concessione di una presentazione in loco.

Alcuni pretendono una copia del libro, che l’autore ha pagato, per una valutazione. Copia che, nella maggioranza dei casi, non sarà mai restituita.

Quindi addio sogni, addio speranze.

La stragrande maggioranza delle Case Editrici italiane vivono grazie agli autori esordienti che acquistano qualche copia del loro sogno da regalare a parenti e amici, dopo aver superato una dura selezione. Però poi il sistema li costringe a rimanere nel limbo, anche dopo cinque e più romanzi pubblicati.

Inutile ricordarsi che autori come Pullman, Rowling, Brown, Cummings, Wolfe, Nabokov, Orwell, London, Carver abbiano iniziato per hobby. 

Chissà se in Italia ce l’avrebbero fatta…

 
Cultura
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai
Non solo web, di nuovo biblioteche
Non solo web, di nuovo biblioteche
Iniziativa contro-tendenza di una circoscrizione comunale di Torino che inaugura sabato "Quinta copertina", due sale di lettura con 6 mila libri, la prima sul territorio, a cura dei volontari dell'associazione SanTourin
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
La Casa delle Arti, nel cuore di Torino
Un nuovo polo culturale nel Borgo Medievale del Valentino dedicato ad Alfonso d'Andrade, fondato da due operatori ambizioni e combattivi, Enrica Merlo e Max Ponte. Il progetto e le idee