Simo Häyhä, the white sniper

| Con un fucile privo di cannocchiale di precisione, riuscì a fare strage di soldati dell’Armata Rossa uccidendone più di 800. Un libro ripercorre la sua storia

+ Miei preferiti
Nel mondo degli “sniper”, i cecchini, il nome di Simo Häyhä è sulla cima della leggenda. Soprannominato “la morte bianca”, Häyhä era un tiratore scelto dell’esercito finlandese che durante la “guerra d’inverno” contro l’Armata Rossa riuscì ad abbattere ufficialmente 542 soldati nemici, che diventano 800 se si considerano anche quelli non confermati. Una mira infallibile che l’ha trasformato nel più letale cecchino della storia.

Tecnicamente preferiva tacche di mira fisse all’ottica telescopica, per evitare il riflesso della lente del cannocchiale: usava un “Mosin-Nagant” di fabbricazione russa modificato, il suo fedele “pysykorva” (bassotto), un nomignolo che calzava a pennello a lui stesso, basso di statura, che a volte lo alternava con una mitraglietta “Suomi KP-31”. Si portava appresso lo stretto necessario, una razione di cibo e dei caricatori, muovendosi da solo durante le operazioni e dopo aver imparato a sopportare temperature che sfioravano i -40° acquattato per ore nella neve.

La sua fama divenne così leggendaria da costringere l’Armata Rossa a utilizzare l’artiglieria pesante per farlo fuori, ma Häyhä era troppo veloce e troppo furbo. Un solo colpo gli avrebbe cambiato i lineamenti per sempre: un colpo di fucile che gli aveva sfiorato la mandibola sinistra nel marzo del 1940. In queste settimane è in uscita “The White Sniper”, un libro scritto da Tapio Saarelainen interamente dedicato all’incredibile storia di Simo Häyhä.

Nelle pagine diverse conversazioni con il cecchino, in cui anni dopo ha rivelato che solo la pratica l’aveva portato verso l’infallibilità: era riuscito a leggere e decifrare ogni ramo, ogni cumulo di neve e ogni avvallamento per diventare un vero matematico del tiro. Individuarlo era impossibile: si mimetizzava così bene, trattenendo in bocca della neve per evitare perfino il fumo della condensa, che ogni colpo equivaleva ad un morto. Simo Häyhä è morto il 1° aprile del 2002, ed oggi è ricordato come uno dei più grande eroi finlandesi.

Galleria fotografica
Simo Häyhä, the white sniper - immagine 1
Simo Häyhä, the white sniper - immagine 2
Simo Häyhä, the white sniper - immagine 3
Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai