Tutti i segreti di “Friends”

| Per celebrare i 25 anni della messa in onda della sitcom più amata di sempre, è in uscita un volume che racconta i dubbi, i retroscena e la genesi dei personaggi

+ Miei preferiti
Il 22 settembre di 25 anni fa, il network americano “NBC” mandava in onda la prima puntata di “Friends”, una sitcom creata da David Crane e Marta Kauffman. Nessuno poteva immaginare che sarebbe diventata una delle serie televisive di maggior successo nella storia della televisione. Dopo dieci stagioni ininterrotte e 236 puntate, l’ultimo episodio, mandato in onda il 6 maggio del 2004, getta nello sconforto 52,5 milioni di fan, che si sentono persi all’idea di non vedere più le vicende dei sei amici del Greenwich Village di New York: Ross, Chandler, Joey, Rachel, Monica e Phoebe.

Da allora, fra smentite di una possibile serie o di improbabili spin-off, “Friends” continua a macinare successi attraverso repliche trasmesse di continuo, che aumentano a dismisura le schiere degli appassionati, anche fra i giovanissimi.

A poche settimane di distanza dal 25esimo anniversario, negli Stati Uniti è in uscita “Generation Friends”, un libro scritto da Saul Austerlitz che racconta i retroscena e quello che ancora non si sa della sitcom più amata di sempre.



È assodato che il successo di Friends sia dipeso dal cast, perfettamente equilibrato: sarebbe bastato sbagliare uno degli interpreti per vanificare la popolarità. Ma questo, svela il volume, stava per accadere: Jennifer Aniston, la Rachel del telefilm, aveva appena terminato di girare alcuni episodi di “Muddling Thourgh”, un’altra sitcom che al contrario fu bloccata sul nascere per permettere alla Aniston di accettare la parte. Discorso diverso per Courtney Cox, la Monica del telefilm, che nella prima stesura della sceneggiatura veniva descritta come un personaggio dal carattere spigoloso e molto cinico, l’esatto contrario di come è apparsa. E perfino le questioni di cuore di Monica inizialmente dovevano essere diverse: invece di sposare Chandler (Matthew Perry), avrebbe dovuto avere una storia con Joey (Matt LeBlanc), che a sua volta era stato immaginato come un goffo e sgraziato giovane italo-americano di Chicago.

Fra le critiche che furono mosse al telefilm la mancanza di diversità: gli attori sono tutti bianchi ed eterosessuali. Se fosse girato oggi, sarebbe molto diverso: attori di colore e gay non mancherebbero, ma negli anni Novanta le produzioni temevano reazioni del pubblico che potessero decretare l’insuccesso della serie. Non c’è traccia neanche di un personaggio più adulto, il cinquantenne Pat, di professione poliziotto, che era stato previsto fin dall’inizio per non tagliare fuori una fetta di pubblico che non si sarebbe sentita rappresentata da un cast composto da attori dai 20 ai 30 anni.

Per finire con il titolo: inizialmente la serie doveva chiamarsi “Insomnia Cafe”, diventata poco dopo “Friends Like Us” e ancora “Six of Us”, prima di arrivare al titolo definitivo.

Galleria fotografica
Tutti i segreti di “Friends” - immagine 1
Cultura
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Arthur Conan Doyle, lo spiritualista pragmatico
Da un lato la certezza dell’esistenza dei fenomeni paranormali, dall’altro la passione per le storie investigative e la creazione di un detective che fa dell’indagine scientifica e deduttiva il suo credo e diventa il più famoso al mondo
È reale la nostra vita?
È reale la nostra vita?
Gli scrittori di fantascienza non sono più soli: oggi anche filosofi, fisici e psicologi affermano che potremmo vivere in una simulazione al computer. Come possiamo esserne certi? Ma soprattutto è davvero importante saperlo?
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La libreria della Beat Generation vicina alla fine
La “City Lights Bookstore” di San Francisco, libreria da cui sono passati alcuni fra i più grandi autori americani, sembra condannata: le resta poca liquidità prima di arrendersi. Lanciata una campagna di raccolta fondi per salvarla
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Ancora guai per il Nobel, muore Sara Danius
Un anno fa era stata costretta alle dimissioni da segretario permanente, travolta dallo scandalo sessuale che aveva fatto vacillare la prestigiosa Accademia di Svezia che assegna i premi Nobel
L’anno dei due Nobel
L’anno dei due Nobel
Dopo lo scandalo che bloccò l’assegnazione del riconoscimento per la letteratura nel 2018, quest’anno i vincitori saranno due. Sempre molto difficile fare previsioni, ma i bookmaker scommettono su una donna
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Sotto i gargoyle di Notre-Dame
Non si tratta di statue esoteriche o misteriose, il loro scopo è quello di abbellire le grondaie della cattedrale. Sono sopravvissute all’incendio di metà aprile, come molte altre opere d’arte
Il male si può vincere, ma non da soli
Il male si può vincere, ma non da soli
In Oltrebosco (ed. La Strada per Babilonia), lo scrittore Lorenzo Bosisio racconta la parabola di ragazzi che hanno perso la speranza in mondi ostili. Ma si può rinascere. Con l'aiuto di chi ha voluto incrociare uno sguardo sofferente
Come evolvono le mafie
la lezione del pm Pignatone
Come evolvono le mafie<br>la lezione del pm Pignatone
Università di Torino e Libera di Don Ciotti hanno ospitato la lectio magistralis del pm di Roma sul crimine organizzato e su come si va trasformando la Piovra in Italia ma non solo
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Violenza sulle donne e uomini egoisti
Nel romanzo di Sonia Paolini "Beethoven's Silence...io sono Irina e sono Elise..." (ed. Lettere Animate) la storia di una giovane clandestina romena vittima di violenze e abusi. Il segreto di rinascere
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
La vita è, o può essere, bella anche da invalidi
L'autobiografia ("Io, vivace invalida senza frontiere") di Paola Giusti, 74 anni, che 16enne fu colpita da una disabilità motoria, racconta la sua vita straordinaria tra amori, lavoro, conflitti. Senza lamentarsi mai