Come dite voi Kamala Harris?

| Una ricerca ha identificato le 8 parole che gli italiani pronunciano meglio di americani e inglesi: da Pfizer a Leonardo da Vinci ai nomi di attualità più frequentemente mal pronunciati dagli anglofoni nel 2020

+ Miei preferiti
Sebbene una delle espressioni che meglio definiscono il 2020 sia stata “senza precedenti”, una cosa è rimasta coerente e invariata anche quest’anno: sono in molti coloro che hanno faticato a pronunciare le parole e i nomi che sono emersi come argomenti di tendenza. Per questo “Babbel”, la app che consente di imparare le lingue straniere, ha commissionato alla “US Captioning Company” e il “British Institute of Verbatim Reporter”, due organizzazioni che si occupano di didascalie e sottotitoli in tempo reale per eventi televisivi e nelle aule di tribunale, di identificare le parole e i nomi di attualità che più di frequente sono stati pronunciati in modo errato negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Secondo Todd Ehresmann, esperto di lingue di Babbel, queste parole evidenziano una conversazione a livello internazionale guidata dalla pandemia e dalla politica.

Anthony Fauci

L’immunologo a capo del “National Institute of Allergy and Infectious Diseases” è una figura chiave della risposta alla pandemia di Covid-19 in America. Nonostante l’infinito numero di volte in cui i media hanno pronunciato il suo cognome, gli americani lo trovano ancora molto difficile da pronunciare. Fauci è infatti un cognome italiano - il nonno paterno era di Sciacca (Sicilia) - e presenta una grande difficoltà per i madrelingua inglesi dato che “ci” in inglese per essere pronunciato come un suono dolce dovrebbe essere scritto “chee”, come in “cheese”, formaggio.

Kamala Harris

Il nome della nuova vicepresidente eletta degli Stati Uniti viene spesso storpiato dagli americani. Kamala Harris ha quindi ironicamente pubblicato un video sul suo profilo Twitter indicando alcuni modi sbagliati di pronunciare il suo nome e precisando qual è quello corretto. Anche in questo caso, come con Fauci, gli italiani sono avvantaggiati: pronunciando ogni lettera così come si presenta non hanno problemi a pronunciare il nome Kamala.

Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci, storpiato in “da Vinky” è divenuto oggetto di un meme virale sui social media. Tutto è iniziato quando due gemelli canadesi hanno pubblicato su TikTok un loro video utilizzando il filtro Quiz. Alla domanda “Chi ha dipinto la Gioconda?” non hanno saputo rispondere. Quando è apparsa la risposta sullo schermo i due hanno letto ad alta voce il nome pronunciando “da Vinky”.

Nevada

La pronuncia dello stato americano che ha avuto un ruolo centrale nelle elezioni presidenziali di novembre, è sempre stata dibattuta. Alcuni Americani infatti ne pronunciano allungando la seconda sillaba come hanno fatto anche diversi personaggi tra cui Trump e Michelle Obama. Il modo corretto è proprio come si pronuncia in Italia: Nevada infatti è un termine di origine romanze. Deriva dallo spagnolo e significa “coperto di neve”, in riferimento alla piccola parte della catena montuosa della Sierra Nevada che sconfina in questo stato. 

Yosemite

Il parco Yosemite, famoso per le sue enormi sequoie e paesaggi incantevoli, si trova tra le montagne della Sierra Nevada, in California, e viene spesso pronunciato in modo errato. Anche Donald Trump ha sbagliato la pronuncia durante un discorso in cui elogiava i luoghi storici e di interesse del Paese. Trump è inciampato in “yosemaits” e “yoseminaits” invece di “yosemiti”. Il nome non è tipico della lingua inglese, ma deriva dalla lingua dei Nativi Americani.

Paris

Il modo di pronunciare “Paris”, la ville lumière capitale della Francia, è diventato un argomento di discussione in ottobre dopo il lancio della serie “Emily in Paris”. Secondo Netflix Paris nel titolo della serie dovrebbe essere pronunciato facendo rima con Emily, quindi “Parì” alla francese, con l’accento sulla “i” e senza pronunciare la “s” finale come invece accade in inglese.

Pfizer

Gli inglesi, ma non solo, hanno parecchie difficoltà quando si tratta di pronunciare il nome della compagnia farmaceutica americana nominata molto frequentemente negli ultimi mesi per il suo vaccino contro il Covid-19. Il nome è particolarmente ostile per gli inglesi perché è di origine tedesca, dal cognome del fondatore Charles Pfizer. A causare più problemi è il “pf” all’inizio del nome. In realtà la “p” è muta e quindi la pronuncia corretta è “faizer”.

Wuhan

La città nella provincia cinese dell’Hubei, recentemente diventata famosa a livello internazionale per essere stata il punto di origine del Covid-19, è una delle più complicate da pronunciare. Non sono solo gli inglesi ad avere difficoltà con questo nome: il cinese ha suoni molto diversi da quelli inglesi, italiani e di molte altre lingue. In aggiunta il cinese è una lingua tonale, cosa che complica maggiormente la corretta pronuncia.

Curiosità
Buonanotte alla guerra
Buonanotte alla guerra
L’esercito americano vara un nuovo manuale di addestramento che tocca alimentazione e preparazione fisica, ma per la prima volta include anche la pennichella quotidiana
Storia di un blocco di marmo che nessuno voleva
Storia di un blocco di marmo che nessuno voleva
Uscita dalle cave di Carrara e alta oltre cinque metri, la lastra viene lavorata da due scultori: il primo abbozza una figura ma rinuncia senza terminare l’opera. Il secondo non ritiene di poterla scolpire. Ma poi arriva Michelangelo e…
Cercasi fidanzata, offresi viaggio sulla Luna
Cercasi fidanzata, offresi viaggio sulla Luna
Il miliardario giapponese Yusaku Maezawa, nel 2023 volerà fino alla Luna con lo “SpaceX” di Elon Musk. Ma pieno di impegni, non ha tempo di trovarsi una fidanzata con cui dividere l’esperienza. Per rimediare, ha diffuso un annuncio
Greta, la ragazzina che arriva dal passato
Greta, la ragazzina che arriva dal passato
Una teoria del complotto basata sul ritrovamento di una vecchia foto scattata alla fine dell’800 in Canada, in cui una contadinella sembra la sosia perfetta della Thunberg
Venduta la villa del massacro di Manson
Venduta la villa del massacro di Manson
La residenza di Los Angeles dei coniugi LaBianca, uccisi da “The Family” la notte successiva a quella di Sharon Tate, è stata acquistata da un volto noto della televisione americana
Erano davvero bugie quelle della NASA?
Erano davvero bugie quelle della NASA?
A 50 anni dai primi (presunti) passi sulla Luna, continuano a serpeggiare le teorie del complotto che negano l’arrivo dell’uomo sul nostro satellite: le prove risalirebbero alla missione Apollo 1 finita in tragedia prima ancora di iniziare
Winbledon, il vegano Novak batte l'onnivoro Roger
Winbledon, il vegano Novak batte l
Sposa se stessa, con tutto il cuore
Sposa se stessa, con tutto il cuore
Un’imprenditrice brasiliana è salita sull’altare per ribadire l’amor proprio. L’agenzia che dirige ha creato i “matrimoni single” in cui non è più necessario essere in due
Meghan non è mai stata incinta
Meghan non è mai stata incinta
La nuova teoria complottistica che circola in rete è che la giovane coppia reale si sarebbe affidata ad una madre surrogata
Mangiare cibo con l’involucro
Mangiare cibo con l’involucro
È la nuova challenge che impazza fra gli adolescenti americani e viaggia via social: si mangia tutto, dalla buccia al cellophane