Il contest russo per cambiare nome agli aeroporti

| L’idea era buona e soprattutto popolare, ma ha preso la piega sbagliata: insulti, statue imbrattate e polemiche

+ Miei preferiti
Doveva essere una lodevole iniziativa popolare: un contest che dava ai cittadini la possibilità di intitolare i 47 aeroporti russi a personaggi illustri che hanno scritto la storia del paese. Ma è finita nel peggiore dei modi, con insulti, proteste e perfino scontri.

A varare l’iniziativa, ribattezzata “I grandi nomi della Russia”, erano state la Società geografica e quella storico-militare, che mai e poi avrebbero potuto prevedere di scatenare polemiche feroci. Gli esiti del contest, divulgati lo scorso 4 dicembre, hanno decretato a stragrande maggioranza di intitolare due dei tre aeroporti di Mosca (attualmente lo Sheremetyevo e il Domodedovo), al poeta Aleksandr Pushkin e allo scienziato Mikhail Lomonosov, da molti considerato il “Leonardo da Vinci” russo. Ancora da decidere il nome del terzo scalo moscovita, il Vnukovo, anche se Serghei Korolyov, padre del programma spaziale, sembra in netto vantaggio sugli avversari. Ma sarà necessario un altro turno anche per gli aeroporti di San Pietroburgo, Arkhangelsk, Nizhnevartovsk e Penza.

È andata ben peggio a Kaliningrad, un tempo la città prussiana di Koenigsberg, luogo di nascita e di morte del filosofo Immanuel Kant: i nazionalisti sono scesi in piazza urlando “Il nome di un tedesco non imbratterà il suolo russo”, e parole di fuoco sono arrivate anche da Igor Muhamtshin, capo di stato maggiore della flotta del Mar Baltico, che ha bollato Kant come “Un traditore e uno scribacchino, autore di libri che nessuno ha mai letto e mai leggerà”. Perfino la statua del grande esponente dell’Illuminismo è stata imbrattata con della vernice rosa.

Qualche imbarazzo dal Cremlino, che finora si è limitato al ruolo di spettatore quasi divertito: “Un simile calore è indicativo di un tema che infiamma i cuori dei russi”.

Curiosità
Meghan non è mai stata incinta
Meghan non è mai stata incinta
La nuova teoria complottistica che circola in rete è che la giovane coppia reale si sarebbe affidata ad una madre surrogata
Mangiare cibo con l’involucro
Mangiare cibo con l’involucro
È la nuova challenge che impazza fra gli adolescenti americani e viaggia via social: si mangia tutto, dalla buccia al cellophane
Trema Ferragni, arriva Iris
Trema Ferragni, arriva Iris
L'incredibile successo tra le adolescenti di Iris Ferrari, influencer con un seguito impressionante di follower. Il suo manager è Francesco Facchinetti. Libri e tournée. E soldi. Un padre: "Mia figlia è impazzita"
La donna con gli organi al contrario
La donna con gli organi al contrario
Una tranquilla signora dell’Oregon ha donato il proprio corpo alla scienza, e durante gli esami è emerso che fosse affetta da una rarissima forma di “situs invertus”
Il milionario cerca assistente
Il milionario cerca assistente
Dev’essere disposto/a a sacrifici come viaggiare e soggiornare in alberghi top in tutto il mondo. Sembra uno scherzo di cattivo gusto, in tempi di crisi, ma è la verità
Man of the Hole, l’ultimo eremita
Man of the Hole, l’ultimo eremita
Sfugge da ogni contatto con la civiltà: è l’ultimo sopravvissuto di una tribù massacrata trent'anni fa. Per proteggerlo, il governo brasiliano ha dichiarato la sua zona off-limit
Groundhog Day, la marmotta fa sperare
Groundhog Day, la marmotta fa sperare
La celebre marmotta Phil non ha visto la sua ombra e dunque la primavera in Usa arriverà presto. Ma non sempre il simpatico roditore azzecca le previsioni
Poliziotto condannato per eccesso di velocità
Poliziotto condannato per eccesso di velocità
Nella rigidissima Svizzera, un agente è stato sanzionato con 600 franchi di multa perché avvicinandosi a dei rapinatori aveva spento sirena e lampeggiante, ma non limitato la velocità
Mafia Sounding, spaghetti & lupare
Mafia Sounding, spaghetti & lupare
Decine di locali in tutto il mondo accostano definizioni come Mafia, Camorra e Cosa Nostra ai piaceri della tavola. Uno stereotipo che diventa anche un grave danno d’immagine
Le strane richieste al Foreign Office UK
Le strane richieste al Foreign Office UK
Un anno intenso per il ministero degli esteri britannico, alle prese con temi internazionali, ma anche impegnato a rispondere a domande curiose