Londra, apre il museo della vagina

| Nessun riferimento sessuale: è un’iniziativa dall’alto valore medico e scientifico che vuole eliminare i tabù e i falsi miti sull’organo genitale femminile

+ Miei preferiti
Diffondere la conoscenza e aumentare la consapevolezza dell’anatomia femminile, dare il coraggio di parlare liberamente dei problemi di ginecologica, eliminare lo stigma, i tabù e i pregiudizi che da millenni gravitano intorno al corpo femminile, agire come forum per il femminismo, i diritti delle donne, la comunità LGBT+ e quella intersessuale.

Giusto per togliere di mezzo sul nascere ogni possibile risvolto “pecoreccio” o sessuale, sono questi i serissimi obiettivi del “Vagina Museum”, il primo museo al mondo dedicato all’organo femminile. Secondo un recente sondaggio realizzato dall’organizzazione “Eve Appeal”, che si occupa di finanziare la ricerca sui cinque tumori femminili, il 65% delle donne fra 16 e 25 anni ha ammesso di sentirsi in imbarazzo se deve usare termini come “vagina” e “vulva”. In realtà, anatomicamente, si tratta di due parti ben diverse: la prima è il tubo vaginale che unisce l’apertura alla cervice, mentre la seconda indica la parte esterna dell’organo genitale. Ma l’esempio, in effetti, la dice lunga sulla confusione e la disinformazione diffusa che orbita intorno alla questione.

L’idea del museo è venuta a Florence Schetcher, attrice comica ed esperta in comunicazione, che ha individuato il luogo giusto nelle unità 17 e 18 del “Stables Market”, il mercato di “Camden Town”, la celebre e variopinta zona nel nord di Londra: “Vogliamo infondere in tutte le donne al sicurezza di poter parlare liberamente di una parte perfettamente normale del loro corpo. Non c’è nulla di vergognoso o offensivo nella vulva e nella vagina, come nell’igiene e nel ciclo mestruale. Esiste un mito secondo cui vagina e vulva vadano pulite con prodotti appositi, ma è un falso clamoroso: la vagina è perfettamente autopulente e anzi, in numerose persone l’uso di saponi e prodotti detergenti porta a squilibri batterici che possono provocare infezioni pericolose”.

Rigorosamente ad ingresso gratuito, il Vagina Museum aprirà i battenti il prossimo 16 novembre, dopo due anni di eventi itineranti e una poderosa campagna crowdfunding, e oltre alla collezione permanente, ospiterà mostre a rotazione: la prima si intitola “Muff Busters: Vagina Myths and How To Fight Them”, ovvero i falsi miti sulla vagina e come combatterli.

Immancabile, la parte finale dedicata al merchandising: dagli imperdibili clitoridi all’uncinetto ad adesivi, calamite, collane, maglie, spillette e borse su cui campeggia la frase “Le vagine sono normali”.

INFO PRATICHE

The Vagina Museum

Unit 17 & 18 Stables Market, Chalk Farm Road, Londra

Orari: lunedì-sabato: 10-18. Domenica 11-18

Ingresso: gratuito

Contatti: info@vaginamuseum.co.ok

Galleria fotografica
Londra, apre il museo della vagina - immagine 1
Londra, apre il museo della vagina - immagine 2
Londra, apre il museo della vagina - immagine 3
Londra, apre il museo della vagina - immagine 4
Londra, apre il museo della vagina - immagine 5
Londra, apre il museo della vagina - immagine 6
Londra, apre il museo della vagina - immagine 7
Londra, apre il museo della vagina - immagine 8
Londra, apre il museo della vagina - immagine 9
Londra, apre il museo della vagina - immagine 10
Curiosità
Buonanotte alla guerra
Buonanotte alla guerra
L’esercito americano vara un nuovo manuale di addestramento che tocca alimentazione e preparazione fisica, ma per la prima volta include anche la pennichella quotidiana
Storia di un blocco di marmo che nessuno voleva
Storia di un blocco di marmo che nessuno voleva
Uscita dalle cave di Carrara e alta oltre cinque metri, la lastra viene lavorata da due scultori: il primo abbozza una figura ma rinuncia senza terminare l’opera. Il secondo non ritiene di poterla scolpire. Ma poi arriva Michelangelo e…
Cercasi fidanzata, offresi viaggio sulla Luna
Cercasi fidanzata, offresi viaggio sulla Luna
Il miliardario giapponese Yusaku Maezawa, nel 2023 volerà fino alla Luna con lo “SpaceX” di Elon Musk. Ma pieno di impegni, non ha tempo di trovarsi una fidanzata con cui dividere l’esperienza. Per rimediare, ha diffuso un annuncio
Greta, la ragazzina che arriva dal passato
Greta, la ragazzina che arriva dal passato
Una teoria del complotto basata sul ritrovamento di una vecchia foto scattata alla fine dell’800 in Canada, in cui una contadinella sembra la sosia perfetta della Thunberg
Venduta la villa del massacro di Manson
Venduta la villa del massacro di Manson
La residenza di Los Angeles dei coniugi LaBianca, uccisi da “The Family” la notte successiva a quella di Sharon Tate, è stata acquistata da un volto noto della televisione americana
Erano davvero bugie quelle della NASA?
Erano davvero bugie quelle della NASA?
A 50 anni dai primi (presunti) passi sulla Luna, continuano a serpeggiare le teorie del complotto che negano l’arrivo dell’uomo sul nostro satellite: le prove risalirebbero alla missione Apollo 1 finita in tragedia prima ancora di iniziare
Winbledon, il vegano Novak batte l'onnivoro Roger
Winbledon, il vegano Novak batte l
Sposa se stessa, con tutto il cuore
Sposa se stessa, con tutto il cuore
Un’imprenditrice brasiliana è salita sull’altare per ribadire l’amor proprio. L’agenzia che dirige ha creato i “matrimoni single” in cui non è più necessario essere in due
Meghan non è mai stata incinta
Meghan non è mai stata incinta
La nuova teoria complottistica che circola in rete è che la giovane coppia reale si sarebbe affidata ad una madre surrogata
Mangiare cibo con l’involucro
Mangiare cibo con l’involucro
È la nuova challenge che impazza fra gli adolescenti americani e viaggia via social: si mangia tutto, dalla buccia al cellophane