Ruth, la fotografa spontanea

| Una bella ragazza che cammina per le vie di Firenze suscitando l’ammirazione (forse un po’ volgare) degli uomini è una delle fotografie più vendute al mondo. A scattarla una giovane americana nel 1951

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Che cos’hanno in comune Lauren Bacall e Doris Day, Woody Allen e Humphrey Bogart, Vittorio De Sica e Alfred Hitchcock, Tennesse Williams e Jimmy Carter, Igor Stravinsky e Leonard Bernstein? E che cosa hanno in comune tutti questi personaggi celebri con la sconosciuta al pubblico Ninalee Allen Craig, alias “Jinx Allen”?

Tutto iniziò il 3 settembre 1921, quando nacque Ruth Orkin. Figlia di Samuel e di Mary Ruby, si può dire che venne al mondo per caso a Boston, Massachusetts, in quanto la madre era un’attrice del cinema e quindi la famiglia visse a Hollywood. Quando la piccola Ruth compì dieci anni le fu regalata una “Univex AF-2” da pochi dollari e con quella iniziò a fotografare amici e insegnanti. E mentre la carriera della madre terminò con la fine del cinema muto e l’avvento del sonoro, a soli 17 anni Ruth decise di attraversare gli Stati Uniti in bicicletta: partì da Los Angeles e - scattando fotografie lungo tutto il percorso - arrivò a New York in tempo per l’esposizione universale del 1939.

Tornata sulla West Coast californiana, Ruth Orkin frequentò dal 1940 e per un breve periodo un corso di fotogiornalismo al “Los Angeles City College” e l’anno successivo entrò a fare parte degli studios cinematografici della “MGM”: confidò che le sarebbe piaciuto diventare direttore della fotografia in qualche film, ma fu costretta ad abbandonare il lavoro non appena si rese conto che il sindacato dei lavoratori del cinema non consentiva alle donne di ricoprire tale incarico. Si arruolò nell’esercito quando scoprì che il “Women’s Auxiliary Army Corps” offriva la possibilità di frequentare corsi per acquisire capacità cinematografiche, ma al momento del congedo, nel 1944, era ancora più delusa in quanto non aveva ricevuto nessuna formazione.

Terminata la seconda guerra mondiale decise di trasferirsi sulla costa atlantica e giunse nuovamente a New York, dove tentò di intraprendere la carriera di fotoreporter freelance. Dapprima trovò lavoro come fotografa nei nightclub, ma ben presto ricevette un primo incarico dal “New York Times”: realizzare un servizio fotografico con l’ancora giovane compositore, pianista e direttore d’orchestra Leonard Bernstein. Per entrambi, fu l’inizio della carriera.

Orkin riuscì a intrufolarsi da protagonista in un settore fortemente maschile e maschilista, e nel giro di pochi mesi divenne una freelance rinomata e stimata, iniziò a viaggiare in tutto il mondo pubblicando le sue immagini su testate prestigiose come “Life”, “Look” e “Ladies’ Home Journal”.

È abbastanza chiaro, ora, che cosa hanno in comune tutti quei personaggi famosi e Ninalee Allen, alias “Jinx Allen”?

Professionista ormai affermata, nel 1951 la trentenne Ruth si recò in Italia per realizzare alcuni servizi fotografici, e mentre viaggiava da una città all’altra le venne l’idea di creare una serie di immagini intitolata “Don't Be Afraid to Travel Alone” (non avere paura di viaggiare da soli).

A Firenze incontrò una connazionale 23enne in vacanza per sei mesi in Europa, Ninalee appunto. Fu facile mettersi d’accordo: per il servizio la ragazza adottò lo pseudonimo di Jinx Allen e fu fotografata mentre camminava nei mercati, chiacchierava nei caffè, passeggiava nelle vie della città. La più celebre e iconica di queste foto è sicuramente “An American Girl in Italy” che ritrae la giovane Ninalee/Jinx che cammina senza timori davanti a un gruppo di italiani. In seguito entrambe le donne avrebbero sostenuto che non si trattava di una foto posata, ma qualche dubbio rimane. In un’intervista rilasciata poco prima di morire, Ruth Orkin affermò di aver scelto Ninalee perché bella e alta, tanto che le pareva la Beatrice della Divina Commedia che passeggiava attraverso una dozzina di uomini. “Solamente – confidò – chiesi a un paio di loro di non guardare verso la macchina fotografica”.

L’immagine ebbe subito un vasto successo e anche se qualcuno interpretò gli atteggiamenti degli uomini ritratti come espressioni di molestie e maschilismo, entrambe le donne non ebbero mai dubbi, affermando di non essere mai state molestate in Europa e di aver voluto dare vita a una serie di immagini di donne che si divertono senza problemi o timori. La Allen aggiunse: “Gli uomini italiani sono molto riconoscenti, è bello essere apprezzate. Non mi sono sentita minimamente offesa”.

In alcune riproduzioni della foto fu tolto un uomo in centro all’immagine che guardando la ragazza si toccava le parti basse, ma anche quel gesto fu interpretato dalla modella come un segno di buon auspicio, non una volgarità. Nonostante le affermazioni delle due donne, alla foto negli anni fu attribuito un significato di umiliazione delle donne tanto che l’immagine fu bandita in alcuni stati americani dai locali pubblici.

Nel 1952 Orkin sposò il fotografo e regista Morris Engel, con cui collaborò a lungometraggi che ebbero un discreto successo, ma tornò presto alla sua passione per la fotografia realizzando numerosi libri e partecipando a decine di mostre. Insegnò fotografia in alcuni istituti ma non riuscì più a replicare l’enorme successo di quella foto del 1951, che ancora oggi è tra le più vendute al mondo. Ruth Orkin morì a New York nel gennaio 1985.

Ninalee “Jinx” Allen visse per qualche tempo in Italia dopo aver spostato un conte vedovo di Treviso dal quale divorziò nel giro di pochi anni quando la suocera si accorse che era lei la modella di quella foto “scandalosa” pubblicata su “Cosmopolitan”. Tornò negli Stati Uniti con un figlio e lavorò come insegnante e scrittrice pubblicitaria a New York, qui sposò il canadese Robert Craig e con lui si trasferì a Toronto, dove morì a 90 anni nel maggio 2018.

Galleria fotografica
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 1
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 2
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 3
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 4
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 5
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 6
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 7
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 8
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 9
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 10
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 11
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 12
Ruth, la fotografa spontanea - immagine 13
Donne
Una donna alla guida dei ranger di Yellowstone
Una donna alla guida dei ranger di Yellowstone
Sarah Davis è la prima donna nominata a capo dei ranger del più grande parco americano: è la prima volta in 147 anni di storia del corpo
Nellie Bly, giornalista d’assalto
Nellie Bly, giornalista d’assalto
Si è fatta internare in un manicomio per raccontare le drammatiche condizioni delle internate, ha fatto il giro del mondo in solitaria e la corrispondente di guerra, in un’epoca in cui le donne scrivevano di giardinaggio, moda e poco altro
Vernon Lee, che si finse uomo per avere successo
Vernon Lee, che si finse uomo per avere successo
Nata Violet Page, scelse lo pseudonimo maschile per arrivare alla notorietà in un’epoca in cui le donne erano fortemente discriminate. Scrisse di filosofia, estetica, psicologia e fantasy, amò due donne e fu presto dimenticata
Tamara de Lempicka, scandalo déco
Tamara de Lempicka, scandalo déco
Massima esponente dell’art déco e degli anni Venti, la pittrice di origini polacche ha segnato un’epoca irripetibile con una vita anticonformista ed esagerata. Dichiaratamente bisessuale, ha dato vita a uno stile molto originale
La mamma di Peter Rabbit
La mamma di Peter Rabbit
Non solo illustratrice, imprenditore e naturalista di successo: Beatrix Potter è celebre in tutto il mondo per le storie per l’infanzia, che hanno come protagonisti gli animali amati da bambina nelle sue vacanze al Lake District
Anne Hathaway, la donna del bardo
Anne Hathaway, la donna del bardo
Una vita all’ombra del più importante poeta e drammaturgo al mondo, con il dubbio di esser stata sposata per interesse. Nell’Inghilterra del Seicento, la signora Shakespeare ereditò dal marito il letto coniugale e un terzo dei suoi beni
Jane, la pistolera chiamata Calamity
Jane, la pistolera chiamata Calamity
Martha Jane Cannary è diventata famosa per la sua vita avventurosa, circondata da un alone di leggenda. Orfana a 12 anni, è parte integrante dell’epopea del Far West e sembra abbia avuto una storia d’amore con “Wild” Bill Hickok
La porta rossa di Elizabeth Arden
La porta rossa di Elizabeth Arden
Emigrata dal Canada a New York, una giovane donna creò una delle più grandi aziende di cosmesi al mondo grazie alla sua inventiva e a indubbie capacità gestionali. Tra le sue clienti Elisabetta II e Marylin Monroe
La sorella del pianista
La sorella del pianista
Senza di lei, che gli insegnò a suonare il pianoforte, probabilmente Fryderyk Chopin non sarebbe mai diventato uno dei più grandi e celebri compositori di sempre. La vita di Ludwika, divisa tra il fratello malato e il marito violento
Florence, infermiera in quarantena
Florence, infermiera in quarantena
In un’epoca in cui il lavoro infermieristico non godeva di nessun credito, la Nightingale diffuse un’interpretazione quanto mai attuale del ruolo, tanto che ancora oggi in piena crisi pandemica alcuni suggerimenti sono validi