Una donna alla guida dei ranger di Yellowstone

| Sarah Davis è la prima donna nominata a capo dei ranger del più grande parco americano: è la prima volta in 147 anni di storia del corpo

+ Miei preferiti
Sarah Davis è nata a Lexington, North Carolina: ha 40 anni, una laurea in storia presso la “Denison University di Granville”, Ohio, e un diploma conseguito nel 2013 alla “Federal Bureau of Investigations National Academy”. Alle indagini federali, vent’anni fa ha preferito proteggere la natura entrando nel “National Park Service”, i ranger che vigilano nei parchi americani.

Il suo è un nome destinato alla storia, perché dopo 147 anni di storia, è la prima donna ranger nella storia americana. Ad annunciare la nomina il soprintendente Cam Sholly, che vincendo la storia e ogni possibile perplessità l’ha nominata 18esimo ranger capo del parco di Yellowstone, l’immensa area verde del Wyoming resa celebre dai cartoni animati di Yoghi e Bubu, visitata ogni anno da quasi 4 milioni di persone da tutto il mondo.

La Davis avrà la supervisione e il comando dell’attività di più di 275 ranger della divisione “Yellowstone Resource and Visitor Protection”, chiamati non solo a far rispettare la legge all’interno del parco, ma anche a servizi medici di emergenza, ricerca, salvataggio, manutenzione di piste e sentieri, permessi speciali e prevenzione incendi. “Sarah sarà un capo ranger eccezionale: siamo fortunati di averla nella squadra di Yellowstone”, ha commentato il soprintendente. 

Dal 2012, Sarah Davis è stata il ranger capo della “Natchez Trace Parkway”, guidando con sicurezza e mestiere l’attività di tutele, salvaguardia e controllo di un percorso naturalistico di 714 km che attraversa tre stati. La Davis ha gestito al meglio 40 ranger e un budget di 3,5 milioni di dollari, tanto da essere premiata nel 2016 con il “Southeast Region Excellence Award” per la leadership.

In precedenza, aveva ricoperto il ruolo di sovrintendente ad interim presso i parchi militari nazionali di Vicksburg e Guilford, e un lungo elenco di incarichi presso il “Manassas National Battlefield Park”, l’Independence National Historic Park, l’Assateague Island National Seashore e “Blue Ridge Parkway”. “È un onore e un privilegio essere selezionati per questo ruolo - ha commentato Sarah Davis senza riuscire a nascondere l’emozione - sono entusiasta di potermi unire al team di Yellowstone e lavorare per proteggere il primo parco nazionale americano e i suoi visitatori, oltre a garantire la salute, la sicurezza e il benessere dei dipendenti”. Sarah e i suoi due cani, Eleanor Roosevelt (alias Ellie) e Ginny si stabiliranno a Yellowstone entro metà dicembre.

Donne
Ranavalona I, la spietata sovrana del Madagascar
Ranavalona I, la spietata sovrana del Madagascar
Salita al potere grazie all’avvelenamento del marito, la regina si dimostra presto un sanguinario tiranno, sterminando la sua popolazione e chiudendo il Paese al commercio. Tra le sue vittime numerosi missionari cristiani
Roxelana, la favorita del sultano Solimano
Roxelana, la favorita del sultano Solimano
Giunta a Costantinopoli appena 15enne come schiava dall’odierna Ucraina, Hürrem Haseki entra a far parte dell’harem del sultano come concubina, ma ben presto ne diviene la moglie preferita e la consigliera più affidabile
La triste fine della superatleta Violette Morris
La triste fine della superatleta Violette Morris
Campionessa sportiva, icona femminista bisex e secondo alcuni anche spia nazista. La vita dell’atleta francese è stata straordinaria, con oltre 200 titoli conquistati e relazioni amorose con personaggi come Josephine Baker e Jean Cocteau
Nellie Bly, giornalista d’assalto
Nellie Bly, giornalista d’assalto
Si è fatta internare in un manicomio per raccontare le drammatiche condizioni delle internate, ha fatto il giro del mondo in solitaria e la corrispondente di guerra, in un’epoca in cui le donne scrivevano di giardinaggio, moda e poco altro
Vernon Lee, che si finse uomo per avere successo
Vernon Lee, che si finse uomo per avere successo
Nata Violet Page, scelse lo pseudonimo maschile per arrivare alla notorietà in un’epoca in cui le donne erano fortemente discriminate. Scrisse di filosofia, estetica, psicologia e fantasy, amò due donne e fu presto dimenticata
Tamara de Lempicka, scandalo déco
Tamara de Lempicka, scandalo déco
Massima esponente dell’art déco e degli anni Venti, la pittrice di origini polacche ha segnato un’epoca irripetibile con una vita anticonformista ed esagerata. Dichiaratamente bisessuale, ha dato vita a uno stile molto originale
La mamma di Peter Rabbit
La mamma di Peter Rabbit
Non solo illustratrice, imprenditore e naturalista di successo: Beatrix Potter è celebre in tutto il mondo per le storie per l’infanzia, che hanno come protagonisti gli animali amati da bambina nelle sue vacanze al Lake District
Anne Hathaway, la donna del bardo
Anne Hathaway, la donna del bardo
Una vita all’ombra del più importante poeta e drammaturgo al mondo, con il dubbio di esser stata sposata per interesse. Nell’Inghilterra del Seicento, la signora Shakespeare ereditò dal marito il letto coniugale e un terzo dei suoi beni
Jane, la pistolera chiamata Calamity
Jane, la pistolera chiamata Calamity
Martha Jane Cannary è diventata famosa per la sua vita avventurosa, circondata da un alone di leggenda. Orfana a 12 anni, è parte integrante dell’epopea del Far West e sembra abbia avuto una storia d’amore con “Wild” Bill Hickok
La porta rossa di Elizabeth Arden
La porta rossa di Elizabeth Arden
Emigrata dal Canada a New York, una giovane donna creò una delle più grandi aziende di cosmesi al mondo grazie alla sua inventiva e a indubbie capacità gestionali. Tra le sue clienti Elisabetta II e Marylin Monroe