Una donna alla guida dei ranger di Yellowstone

| Sarah Davis è la prima donna nominata a capo dei ranger del più grande parco americano: è la prima volta in 147 anni di storia del corpo

+ Miei preferiti
Sarah Davis è nata a Lexington, North Carolina: ha 40 anni, una laurea in storia presso la “Denison University di Granville”, Ohio, e un diploma conseguito nel 2013 alla “Federal Bureau of Investigations National Academy”. Alle indagini federali, vent’anni fa ha preferito proteggere la natura entrando nel “National Park Service”, i ranger che vigilano nei parchi americani.

Il suo è un nome destinato alla storia, perché dopo 147 anni di storia, è la prima donna ranger nella storia americana. Ad annunciare la nomina il soprintendente Cam Sholly, che vincendo la storia e ogni possibile perplessità l’ha nominata 18esimo ranger capo del parco di Yellowstone, l’immensa area verde del Wyoming resa celebre dai cartoni animati di Yoghi e Bubu, visitata ogni anno da quasi 4 milioni di persone da tutto il mondo.

La Davis avrà la supervisione e il comando dell’attività di più di 275 ranger della divisione “Yellowstone Resource and Visitor Protection”, chiamati non solo a far rispettare la legge all’interno del parco, ma anche a servizi medici di emergenza, ricerca, salvataggio, manutenzione di piste e sentieri, permessi speciali e prevenzione incendi. “Sarah sarà un capo ranger eccezionale: siamo fortunati di averla nella squadra di Yellowstone”, ha commentato il soprintendente. 

Dal 2012, Sarah Davis è stata il ranger capo della “Natchez Trace Parkway”, guidando con sicurezza e mestiere l’attività di tutele, salvaguardia e controllo di un percorso naturalistico di 714 km che attraversa tre stati. La Davis ha gestito al meglio 40 ranger e un budget di 3,5 milioni di dollari, tanto da essere premiata nel 2016 con il “Southeast Region Excellence Award” per la leadership.

In precedenza, aveva ricoperto il ruolo di sovrintendente ad interim presso i parchi militari nazionali di Vicksburg e Guilford, e un lungo elenco di incarichi presso il “Manassas National Battlefield Park”, l’Independence National Historic Park, l’Assateague Island National Seashore e “Blue Ridge Parkway”. “È un onore e un privilegio essere selezionati per questo ruolo - ha commentato Sarah Davis senza riuscire a nascondere l’emozione - sono entusiasta di potermi unire al team di Yellowstone e lavorare per proteggere il primo parco nazionale americano e i suoi visitatori, oltre a garantire la salute, la sicurezza e il benessere dei dipendenti”. Sarah e i suoi due cani, Eleanor Roosevelt (alias Ellie) e Ginny si stabiliranno a Yellowstone entro metà dicembre.

Donne
Le tre farfalle assassinate dal dittatore
Le tre farfalle assassinate dal dittatore
Patria, Minerva e María sono vittime del tiranno Rafael Leónidas Trujillo. In onore delle tre sorelle, soprannominate “las Mariposas”, il 25 novembre – data della loro morte – viene dichiarato giornata contro la violenza sulle donne
Elisabetta I, la donna che fece il Regno Unito
Elisabetta I, la donna che fece il Regno Unito
Elisabetta I, l’inflessibile regina vergine
Elisabetta I, l’inflessibile regina vergine
La figlia di Enrico VIII e di Anna Bolena sale sul trono il 17 novembre 1558: con un comportamento prudente riesce a ricongiungere cattolici e protestanti rendendo il regno inglese la più grande potenza mondiale dell’epoca
Il cuore spezzato di Maria Callas
Il cuore spezzato di Maria Callas
La più grande soprano della storia si esibiva per l’ultima volta 46 anni fa. Aveva conquistato il mondo grazie alla sua voce e quando la perde le resta soltanto il ricordo. Muore nella solitudine del suo appartamento parigino a soli 53 anni
Ipazia, uccisa perché donna e troppo intelligente
Ipazia, uccisa perché donna e troppo intelligente
La filosofa di Alessandria d’Egitto è diventata il simbolo della libertà di pensiero, dopo essere stata massacrata da alcuni cristiani che temevano la sua saggezza. Mise in dubbio l’idea tolemaica dell’universo che ruota intorno alla Terra
La «corteggiana scandalosa» di Caravaggio
La «corteggiana scandalosa» di Caravaggio
Fillide Melandroni ha avuto una vita breve ma intensa: diventata ancora ragazza una prostituta di lusso nella Roma di fine Cinquecento, diviene l’amante di un ricco nobile che tuttavia la deve lasciare per volere della famiglia
Martha Gellhorn, la signora delle guerre
Martha Gellhorn, la signora delle guerre
È stata la più grande corrispondente di guerra di tutti i tempi, ha sposato un premio Nobel senza sentirsi inferiore a lui, ha raccontato la sua verità senza giungere a nessun compromesso, era amica di diseredati, oppressi e trascurati
L’ingorda ballerina del Moulin Rouge
L’ingorda ballerina del Moulin Rouge
Louis Weber è stata la più celebre ballerina di cancan nella Parigi di fine Ottocento con il soprannome di “La Goulue”. Protagonista delle serate nel celebre locale, diventa presto ricca e famosa ma morirà sola, povera e malata
Marozia, la pornocrate
Marozia, la pornocrate
Manipolatrice di papi e re, amante dei primi e moglie degli altri, ha nella madre Teodora un’illustre insegnante che la fa diventare amante di Sergio III. Da quel momento, e per circa 20 anni, Roma è in mano alle due donne
Vittoria e Clelia, streghe diverse
Vittoria e Clelia, streghe diverse
Con la città di Genova sullo sfondo, una povera ragazza del Seicento accusata di voler riconquistare il marito e un’imbonitrice dell’Ottocento finiscono in carcere entrambe con l’accusa di stregoneria. Ma almeno non ci rimettono la pelle