C'è un altro Ponte Morandi, la decrepita galleria del Frejus

| Progettata nel 1856, due binari in una sola canna. Senza uscite di sicurezza, senza vie di fuga. In caso di incendio sarebbe una strage annunciata. La responsabilità di Toninelli che tenta di bloccare anche il nuovo tunnel di base

+ Miei preferiti

C’è un altro “ponte Morandi” che dovrebbe, quantomeno, turbare il sonno del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. E’ la galleria del Frejus, lunga oltre 13 chilometri, una sola canna, senza tunnel di servizio, privo di misure di sicurezza aggiornate ai parametri attuali, vecchia ormai di quasi 150 anni. “Se mai dovesse bruciare un cerino, se mai uno dei tanti convogli dovesse incendiarsi, tutti, passeggeri e ferrovieri, morirebbero soffocati dal fumo o bruciati, senza alcuna possibilità di intervenire dall’esterno. Mancano gli spazi, le vie di fuga. Ogni giorno, ogni, mese, ogni anno è una scommessa con il destino, la fatalità, l’errore umano”, spiega un insider.

La costruzione del nuovo tunnel di base, che Toninelli, delegando l’analisi costi-benefici della linea Tav Torino-Lione a un team di esperti in maggioranza contrari all’Alta velocità, si appresta a chiedere la chiusura dei cantieri. E’ uno dei "No" che paralizzano il sistema delle infrastrutture italiane, incenerendo così preziosi punti di Pil da parte di un governo giallo-verde incapace di decidere, con la sola Lega pronta a cambiare a direzione. Mentre i seguaci del “filosofo” della decrescita, il comico Beppe Grillo, con le idee sempre più confuse, per non deludere il proprio elettorato, almeno una parte, sono cinicamente pronti a smantellare i cantieri e a rinunciare così a migliaia di posti di lavoro e allo sviluppo non solo del territorio piemontese ma di tutto il Paese. Il ministro del lavoro, Luigi di Maio, così ansioso di passare alla storia, dopo avere abolito la povertà verra ricordato soprattutto per essere invece il ministro del “non” lavoro", ma un mero sostenitore di un assistenzialismo improduttivo e parassita.

Per capire la gravità di un problema volutamente dimenticato, basterebbe farsi un giro su Wikipedia. Anche Toninelli ce la può fare. Sono poche righe: “La galleria a doppio binario originaria era lunga 12.847 metri, poi portata a 13.636, l’imbocco a 1.324 m, a Modane in val Moriana (lato Francia), con imbocco a 1.190 m s.l.m. Il culmine della galleria è a 1.335 m. Fu inaugurata nel 1871. Fra il 2003 ed il 2011 si sono svolti i lavori di adeguamento del tunnel della linea storica alla sagoma internazionale GB1 UIC, con una spesa di 107,8 milioni di euro]. Gli interventi, che hanno comportato tra il 2003 e il 2007 uno scavo di abbassamento del fondo del tunnel e la scalpellatura delle pareti e sono riportati anche dal sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, consentono oggi il trasporto di casse e semirimorchi di profilo PC45 (con altezze di 3.750 mm) anziché, come in precedenza, del solo PC32 (3.620 mm). I risultati non sono stati tuttavia ottimali. Infatti, nella tratta francese, RFF ha effettuato, per ragioni di contenimento della spesa, uno scavo profondo solamente 30–40 cm, contro i 70 cm della parte italiana; di conseguenza, per ottenere la medesima sagoma GB1, i binari sono stati avvicinati al centro della sezione della galleria, con l'esito di una riduzione dell'intervia e dell'interasse tra i binari che rende necessarie misure restrittive di circolazione e frequenti interventi di manutenzione che dovranno essere effettuati in assenza di traffico e che avranno, pertanto, gravi conseguenze sul normale esercizio della linea”. Insomma, per creare una vera arteria per il trasporto tra Italia e Francia, l’antico tunnel, che potrebbe ormai essere paragonato a una mulattiera, non serve più. Anche a prescindere dalla tutela della sicurezza.

Spiegava non troppo tempo fa il commissario di governo, l’architetto Paolo Foietta: “Non ci sono uscite di sicurezza in un tunnel lungo 13,6 km, Le dotazioni in materia del vecchio Frejus, un progetto del 1856, sono ormai totalmente inadeguate mentre ora si prevedono uscite di sicurezza o vie di fuga tra le due canne separate ogni 333 metri e sosfisticati sistemi di ventilazione per l’aspirazione dei fumi in caso di incendio”. Le Ferrovie dello Stato fanno l’impossibile per monitorare, in base a protocolli aggiornati, il livello di sicurezza del Frejus. Ma è anche una questione di fortuna. E’ atteso un intervento del neo-esperto ferroviario Toninelli per rassicurare l’opinione pubblica non solo sulle vere ragioni per cui il Tav va cancellato ma anche su quanto è "sicuro" il vecchio tunnel. Se ne assuma, pubblicamente, la piena responsabilità anche morale. E che non siano però le sue ragioni solamente quelle “degli esperti” No Tav arruolati in massa in una commissione nata ad hoc per sostenere il solito, monotono, No. Sulla pelle di tutti gli italiani.

Economia
La tassa nascosta dello spread
La tassa nascosta dello spread
Gli analisti concordano nell’affermare che uno spread elevato ha effetti negativi su economia e stabilità finanziaria delle nazioni. Tuttavia, l’opinione pubblica italiana anestetizzata da demagogie e populismi sembra non accorgersene
Il Paese dei MiniBot people
Il Paese dei MiniBot people
Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona
Chi presta i soldi al mondo
Chi presta i soldi al mondo
L’importo del debito pubblico del nostro pianeta è una cifra così elevata che il nostro cervello non può neanche prenderla in considerazione. Non sarà mai ripagata e la sua presenza resta il peggior deterrente per la libertà dell’umanità
Buio pesto sul settore auto
Buio pesto sul settore auto
Lo rivela l’Istat, che parla di una brusca frenata della produzione industriale, con il settore auto che annaspa con un calo del 17,1% rispetto al 2018
Macron blocca FCA, addio fusione
Macron blocca FCA, addio fusione
Il gruppo italo-americano ritira la proposta di fusione con Renault dopo il no del governo francese. Nissan in linea con Parigi. Titoli Fca -3,71 in apertura
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia