Carlos Ghosn, il Ceo di Nissan-Renault in manette

| Il top manager avrebbe falsificato bilanci, utilizzato gli asset aziendali e mentito di sui bilanci. In un comunicato Nissan prende le distanze, promettendo trasparenza

+ Miei preferiti
Un nuovo terremoto sta per abbattersi sul mondo dell’automobile: Carlos Ghosn, presidente dell’alleanza Nissan-Renault-Mitsubishi Motors, uno dei colossi mondiali, “sta per essere arrestato con l’accusa di violazione dei regolamenti finanziari”.

A divulgare la notizia è stata l’agenzia “Kyodo”, secondo cui il manager sarebbe attualmente sotto interrogatorio delle autorità finanziarie di Tokyo: l’accusa, aver fornito informazioni false circa il proprio compenso (9,7 milioni di euro come Ceo Nissan e 7,4 milioni da Renault nel 2017) e falsificato i bilanci aziendali per diversi anni. Insieme a Ghosn, comportamenti illeciti sarebbero stati individuati anche a carico di Greg Kelly, rapresentative director.

In un comunicato ufficiale, in cui si formalizza il licenziamento di Ghosn, Nissan ha reso noto che al termine di un’indagine interna è stato accertato che i due avrebbero fornito alle autorità della borsa un ammontare di compensi inferiore al percepito, più un uso personale e illecito di asset della società. Ad allertare la procura di Tokyo sarebbe stato il marchio nipponico, che annuncia la “piena collaborazione” con l’indagine penale. Nissan si scusa per le preoccupazione causate agli azionisti, promettendo di continuare a “operare per indentificare i problemi di governance”.

È la fine indecorosa dell’epopea di Carlos Ghosn, manager brasiliano, classe 1954: un passato alla Michelin nel 1996 gli ha aperto le porte prima alla Renault e subito dopo alla Nissan Motor, dopo la fusione dei due marchi. 

Immediata la reazione della borsa: a Parigi, il titolo Renault perde oltre il 4%.

Economia
Che fine ha fatto Jack Ma?
Che fine ha fatto Jack Ma?
Del fondatore del colosso “Alibaba” si è persa ogni traccia dallo scorso ottobre. Ma per gli esperti è solo l’ultimo dei miliardari cinesi su cui Pechino ha alzato il tiro
La crisi dell’impero di Topolino
La crisi dell’impero di Topolino
La colossale “Walt Disney Company” ha annunciato di dover rivedere al rialzo il numero di licenziamenti previsti: parchi a tema e cinema chiusi costeranno il lavoro a 32.000 dipendenti
Disney, 28mila dipendenti a casa
Disney, 28mila dipendenti a casa
Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”