Carlos Ghosn, il Ceo di Nissan-Renault in manette

| Il top manager avrebbe falsificato bilanci, utilizzato gli asset aziendali e mentito di sui bilanci. In un comunicato Nissan prende le distanze, promettendo trasparenza

+ Miei preferiti
Un nuovo terremoto sta per abbattersi sul mondo dell’automobile: Carlos Ghosn, presidente dell’alleanza Nissan-Renault-Mitsubishi Motors, uno dei colossi mondiali, “sta per essere arrestato con l’accusa di violazione dei regolamenti finanziari”.

A divulgare la notizia è stata l’agenzia “Kyodo”, secondo cui il manager sarebbe attualmente sotto interrogatorio delle autorità finanziarie di Tokyo: l’accusa, aver fornito informazioni false circa il proprio compenso (9,7 milioni di euro come Ceo Nissan e 7,4 milioni da Renault nel 2017) e falsificato i bilanci aziendali per diversi anni. Insieme a Ghosn, comportamenti illeciti sarebbero stati individuati anche a carico di Greg Kelly, rapresentative director.

In un comunicato ufficiale, in cui si formalizza il licenziamento di Ghosn, Nissan ha reso noto che al termine di un’indagine interna è stato accertato che i due avrebbero fornito alle autorità della borsa un ammontare di compensi inferiore al percepito, più un uso personale e illecito di asset della società. Ad allertare la procura di Tokyo sarebbe stato il marchio nipponico, che annuncia la “piena collaborazione” con l’indagine penale. Nissan si scusa per le preoccupazione causate agli azionisti, promettendo di continuare a “operare per indentificare i problemi di governance”.

È la fine indecorosa dell’epopea di Carlos Ghosn, manager brasiliano, classe 1954: un passato alla Michelin nel 1996 gli ha aperto le porte prima alla Renault e subito dopo alla Nissan Motor, dopo la fusione dei due marchi. 

Immediata la reazione della borsa: a Parigi, il titolo Renault perde oltre il 4%.

Economia
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta
Blitz Quotidiano: 'Giornali in crisi, il peggiore è il Fatto di Travaglio'
Blitz Quotidiano:
La scelta di appoggiare il Movimento M5s e Di Maio penalizza in modo grave il giornale diretto da Marco Travaglio. In un anno ha perso il 25 per cento dei lettori in edicola. Ossessionato da Tav e altri fantasmi, non cambierà linea
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Cinque miliardi di multa, la più alta mai comminata in USA e nuove inchieste in vista, sulla posizione dominate dei giganti del we. Ma il il caso Cambridge Analytics è già in archivia. Il mercato premia Facebook
Tesla, da gennaio -22%
Tesla, da gennaio -22%
Il titolo delude a Wall Street, che penalizza il marchio di Elon Musk, alle prese con un altro addio eccellente, quello del cofondatore J.B. Straubel
E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona
E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona
Il ministro delle "non" infrastrutture, Danilo Toninelli, fiero avversario della Tav, ha fatto il possibile per ritardare e bloccare i lavori. Ora, per coerenza, dovrebbe dimettersi. Lo farà?
Schiavi Amazon: 'Fai pipì nella bottiglia, non c'è tempo'
Schiavi Amazon:
Grande protesta internazionale in UK contro Amazon e Jeff Bezos: "Non siamo robot", urlano i dipendenti schiavizzati. I sindacati: "Donne incinte discriminate, turni massacranti". L'azienda: "Proteste immotivate"