Che fine ha fatto Jack Ma?

| Del fondatore del colosso “Alibaba” si è persa ogni traccia dallo scorso ottobre. Ma per gli esperti è solo l’ultimo dei miliardari cinesi su cui Pechino ha alzato il tiro

+ Miei preferiti
Primo imprenditore cinese mai finito sulla copertina di “Forbes”, inserito dal “Times” fra i 100 uomini più importanti al mondo, Jack Ma è ufficialmente la 17esima persona più ricca del pianeta, con 56 miliardi di dollari.

La sua fortuna si chiama “Alibaba”, un colosso frazionato in una serie di società specializzate nel commercio online che nel 2021 ha gestito 170 miliardi di dollari di compravendite, ben più dei diretti concorrenti, eBay e Amazon.

Jack Ma, conosciuto anche per la sua filantropia, è letteralmente sparito nel nulla: l’ultima apparizione in pubblico risale al 20 ottobre scorso, poi il silenzio. Quel giorno, ospite del “Bund Summit” di Shanghai, Jack era stato molto duro nei confronti delle banche e le autorità di regolamentazione finanziaria cinesi, scatenando un’indagine dell’antitrust sul comportamento monopolistico del colosso Alibaba. Secondo Andrew Nathan, professore della Columbia University esperto in politica cinese, usa una metafora per spiegare la situazione: “Jack Ma è diventato troppo grande per i suoi stivali”

Alla curiosità del mondo sulle sorti dell’imprenditore, che si dice arrestato o comunque trattenuto in qualche galera cinese, Pechino risponde ordinando ai media di non parlarne. È l’ultima novità sul caso, svelata dal “Financial Times”, dopo che il governo cinese ha deciso di mettere le mani sul colosso Alibaba. Negli ultimi due mesi, l’impreso di jack Ma ha perso 12 miliardi di dollari anche a causa del fallimento di un’offerta d’acquisto bloccata dalle autorità cinesi.

La scomparsa di Jack Ma infittisce l’elenco di miliardari e uomini d’affari scomparsi per periodi più o meno lunghi dopo aver espresso disappunto pubblico sulla politica del Partito Comunista cinese. La stessa sorte era toccata a Gou Guangchang, fondatore del fondo di investimenti “Fosun International”, svanito nel nulla nel 2015 e ricomparso qualche mese dopo senza aver mai fornito spiegazioni. Copione che si era ripetuto per Zhou Chengjian, fondatore della “Shangahai Metersbonwe Fashion & Accessories”: di lui si perde ogni traccia nel gennaio del 2016, per poi ricomparire pochi mesi dopo restando in assoluto silenzio. È andata peggio a Ren Zhiqiang, magnate del settore immobiliare che nel marzo dello scorso anno aveva osato criticare la risposta del governo alla pandemia: dopo la sua sparizione l’azienda è stata sequestrata e lui ha subito una condanna a 18 anni con l’accusa di aver intascato tangenti e abuso di potere.

Nel gennaio 2017, Xiao Jianhua, capo della società di investimenti “Tomorrow Group” era stato prelevato da un albergo di Hong Kong su una sedia a rotelle, ricomparendo diversi mesi dopo senza mai accennare a dove sia stato nel frattempo.

Per gli esperti sono tentativi di Pechino di troncare qualsiasi tipo di sfida o sfiducia verso il governo, considerando i titolari di grandi ricchezze come potenziali minacce per il partito. 

Economia
Si chiude un’epoca: la «Colt» diventa ceca
Si chiude un’epoca: la «Colt» diventa ceca
Il leggendario marchio di armi da fuoco americano, che ha scritto la storia della frontiera e accompagnato l’esercito statunitense in ogni conflitto, è stato acquistato al 100% dalla Ceska Zbrojovka
La crisi dell’impero di Topolino
La crisi dell’impero di Topolino
La colossale “Walt Disney Company” ha annunciato di dover rivedere al rialzo il numero di licenziamenti previsti: parchi a tema e cinema chiusi costeranno il lavoro a 32.000 dipendenti
Disney, 28mila dipendenti a casa
Disney, 28mila dipendenti a casa
Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”