Code e caos, arriva il Reddito di Cittadinanza

| L'Ansa rivela il conflitto tra Regioni e governo per i "navigator". Dovevano essere 6 Milla, ora si sono ridotti a 4 mila 500. Era meglio creare posti di lavoro, invece distribuire soldi che lo Stato, in crisi, non ha

+ Miei preferiti

Con l’aiuto delll’Ansa cerchiamo di spiegare l’avvio del Reddito di Cittadinanza, la misura imposta agli italiani dal governo giallo-verde. Solo una premessa. Noi non siamo per nulla contrari agli aiuti verso chi è in difficoltà ma l’aiuto vero sarebbe stato quello di creare posti di lavoro e non distribuire, con i conti dello Stato in gravi difficoltà, a una platea di occupati che tali rischiano di restare, denari che peraltro non ci sono. Il ministro del lavoro, Luigi Di Maio, pretende che si chiudano cantieri già aperti, vedi Tav, blocca le ricerche di gas in Adriatico, congela decine di cantieri in tutta Italia ma “regala” una specie di mancia dello Stato a chi non ha lavoro e che rischia, finiti i 18 mesi dei sussici, di ritrovarsi al pinto di prima. 

Comunque, da oggi, scrive l’Ansa, “ci si può mettere in fila o cliccare al computer per chiedere la nuova carta. Il rischio caos è quello che vedono le Regioni, che non abbassano lo scontro sui navigator. Ma anche tutti gli altri si aspettano lunghe code e sportelli affollati. Le Poste invitano a presentarsi a scaglioni, in ordine alfabetico: per la richiesta c'è tempo fino alla fine del mese e tutti dovrebbero riuscire a vedere caricato il beneficio per il 30 aprile, così come promesso dal governo. Allertate anche le forze dell'ordine, pronte a rafforzare la vigilanza con la giusta discrezione. Al di là dell'organizzazione logistica della giornata, non tutti nodi sono ancora sciolti. Il più spinoso è quello dei navigator, che dovrebbero entrare in campo tra qualche mese.

Davanti alle commissioni della Camera la coordinatrice degli assessori al Lavoro, Cristina Grieco, rinnova l'allarme sui 'coach' che dovrebbero aiutare i beneficiari a trovare un lavoro. Seimila le assunzioni iniziali previste, che ora una serrata trattativa con il vicepremier Luigi Di Maio ha fatto scendere a quota 4.500 ma che secondo i rappresentanti dei territori non basta a risolvere il conflitto di competenze sulle politiche attive. E' allarme anche fra le province e comuni, nonché dal fronte sindacale, dove quota 100 e reddito si incrociano mettendo a repentaglio - è il leit motiv - la continuità di servizi essenziali come scuole e ospedali. In difficoltà, poi, il mondo dei servizi sociali che rischia il "collasso", avverte il presidente del Consiglio nazionale dell'ordine degli assistenti sociali, Gianmario Gazzi, chiedendo cinquemila assunzioni. La partita sarà giocata nel nuovo round in Parlamento, dove il Decretone sarà all'esame delle commissioni della Camera per poi tornare al Senato dove deve essere convertito entro il 29 marzo. In attesa del via libera definitivo le modifiche approvate finora restano tra l'altro sulla carta, dalla stretta contro i furbetti del divorzio agli ulteriori paletti per gli stranieri.

Da fine aprile, dunque, il complesso meccanismo messo in piedi dall'Esecutivo con il Decretone, che ha rappresentato il cuore della politica economica giallo-verde, dovrebbe andare a regime e i primi soldi dovrebbero essere caricati sulle card. Il beneficio per una persona sola ha un tetto massimo di 780 euro, di cui 280 sono un contributo mensile per l'affitto. Per le famiglie, il beneficio sale fino a 1330 euro. Al momento, con la card però si potranno acquistare solo i beni alimentari, pagare le bollette di luce e gas e fare spese in farmacie con lo sconto del 5%, così come previsto per la vecchia carta acquisti. A differenza però di quest'ultima ogni mese potranno essere ritirati fino a 100 euro ad un qualsiasi bancomat e si potrà effettuare il bonifico per il pagamento del mutuo o dell'affitto. L'obiettivo resta quello di ampliare le categorie dei beni che si possono acquistare e il ministero di Di Maio è al lavoro per scrivere il decreto attuativo necessario. Secondo le stime giallo-verdi, a poter usufruire del nuovo sostegno contro povertà e disoccupazione, saranno 1,3 milioni di famiglie ma per l'Istat, nei fatti, nel 47,9% dei casi la card andrà ai single. Le coppie con figli minorenni, sempre secondo i modelli dell'Istituto di statistica, sono 257 mila, solo il 19,6% delle famiglie beneficiarie. Guardando alla nazionalità, i nuclei familiari composti da soli cittadini italiani sono un milione 56 mila, circa l'81% del totale delle famiglie beneficiarie, mentre quelli formati da soli stranieri, cittadini dell'Ue ed extra-comunitari, sono 150 mila (11,5%). Di queste ultime, quelle di soli cittadini extra-comunitari sono 95 mila (7,3%). E su una platea di circa 2,7 milioni di individui, circa un terzo avrà l'obbligo di sottoscrivere il Patto per il Lavoro. Di questi 900 mila, circa 600 mila hanno la licenza media o nessun titolo di studio.

Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa