Come funziona (si spera) il Reddito di Cittadinanza

| L'Agi fa una sintesi del provvedimento voluto a tutti i costi dal M5s, qui una guida per capire come compilare il complicato modulo già pubblicato sul sito Inps

+ Miei preferiti
Il modulo per richiedere il reddito di cittadinanza (RdC) è arrivato (anche se la versione attuale è solo temporanea), ora è il momento di compilarlo. Il 27 febbraio l'Inps ha pubblicato sul proprio sito internet un documento di 9 pagine chiamato SR 180: le prime quattro spiegano le norme del RdC, le ultime cinque sono la domanda vera e propria.
 
Come si chiede il Reddito?
 
Il modulo pubblicato dall'Inps consente di richiedere il RdC dal 6 al 31 marzo, in modo da riceverlo ad aprile. Compilarlo non è difficile, sono sufficienti i dati anagrafici del richiedente, quelli relativi alla residenza, e fornire alcune informazioni come i recapiti telefonici ed e-mail. C'è la parte relativa ai requisiti economici (cioè il non possedere auto e moto di determinate cilindrate immatricolate negli ultimi mesi, qui abbiamo spiegato chi resta fuori dalla misura) e quella dei requisiti familiari.
 
In questa sezione occorre dichiarare di aver già presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (Dsu), indispensabile per la certificazione Isee. “La parte complicata per accedere al nuovo strumento di contrasto alla povertà – ha scritto il Sole 24 Ore – è proprio la compilazione di quella dichiarazione”.
 
Undici pagine di moduli da compilare, per le quali ne occorrono 32 di spiegazione: “La Dsu è la dichiarazione necessaria per calcolare l'Indicatore della situazione economica equivalente ai fini dell'accesso alle prestazioni sociali agevolate” e “si compone di diversi moduli e quadri da compilare a seconda delle caratteristiche del nucleo e del tipo di prestazione che si intende richiedere”. Per poter chiedere il reddito di cittadinanza, in ogni caso, è indispensabile.
 
 
 
Occhio alle “attività lavorative non rilevate dall'Isee”
 
Il quadro E della domanda per il RdC riguarda le “attività lavorative in corso non rilevate dall'Isee per l'intera annualità”: se ne avete, vi occorre compilare un ulteriore modulo, il modello ridotto (SR 182). Sul sito dell'Inps c'è poi un ulteriore modulo, SR 181, che andrà compilato da chi, già beneficiario del reddito di cittadinanza, dovrà segnalare variazioni nelle attività di lavoro. Se ne riparlerà tra minimo un mese, quando le prime carte RdC finiranno nei portafogli degli italiani.
 
L'ultima annotazione riguarda che cosa fare del famigerato modulo SR 180, la domanda per il RdC, una volta compilato: potrà essere consegnato di persona ai Caf (Centri di assistenza fiscale) e alle Poste Italiane, oppure per via telematica sul sito del reddito di cittadinanza. In quest'ultimo caso, però, occorrerà lo Spid, il Sistema pubblico di identità digitale necessario ad accedere ai servizi online della pubblica amministrazione. Un'ulteriore appunto prima di mettersi inutilmente in coda alle Poste: allo sportello non vi potranno aiutare se avete portato l'eventuale modulo ridotto all'Inps. In questo caso dovete rivolgervi al Caf. 
fonte AGI

Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa