Come funziona (si spera) il Reddito di Cittadinanza

| L'Agi fa una sintesi del provvedimento voluto a tutti i costi dal M5s, qui una guida per capire come compilare il complicato modulo già pubblicato sul sito Inps

+ Miei preferiti
Il modulo per richiedere il reddito di cittadinanza (RdC) è arrivato (anche se la versione attuale è solo temporanea), ora è il momento di compilarlo. Il 27 febbraio l'Inps ha pubblicato sul proprio sito internet un documento di 9 pagine chiamato SR 180: le prime quattro spiegano le norme del RdC, le ultime cinque sono la domanda vera e propria.
 
Come si chiede il Reddito?
 
Il modulo pubblicato dall'Inps consente di richiedere il RdC dal 6 al 31 marzo, in modo da riceverlo ad aprile. Compilarlo non è difficile, sono sufficienti i dati anagrafici del richiedente, quelli relativi alla residenza, e fornire alcune informazioni come i recapiti telefonici ed e-mail. C'è la parte relativa ai requisiti economici (cioè il non possedere auto e moto di determinate cilindrate immatricolate negli ultimi mesi, qui abbiamo spiegato chi resta fuori dalla misura) e quella dei requisiti familiari.
 
In questa sezione occorre dichiarare di aver già presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (Dsu), indispensabile per la certificazione Isee. “La parte complicata per accedere al nuovo strumento di contrasto alla povertà – ha scritto il Sole 24 Ore – è proprio la compilazione di quella dichiarazione”.
 
Undici pagine di moduli da compilare, per le quali ne occorrono 32 di spiegazione: “La Dsu è la dichiarazione necessaria per calcolare l'Indicatore della situazione economica equivalente ai fini dell'accesso alle prestazioni sociali agevolate” e “si compone di diversi moduli e quadri da compilare a seconda delle caratteristiche del nucleo e del tipo di prestazione che si intende richiedere”. Per poter chiedere il reddito di cittadinanza, in ogni caso, è indispensabile.
 
 
 
Occhio alle “attività lavorative non rilevate dall'Isee”
 
Il quadro E della domanda per il RdC riguarda le “attività lavorative in corso non rilevate dall'Isee per l'intera annualità”: se ne avete, vi occorre compilare un ulteriore modulo, il modello ridotto (SR 182). Sul sito dell'Inps c'è poi un ulteriore modulo, SR 181, che andrà compilato da chi, già beneficiario del reddito di cittadinanza, dovrà segnalare variazioni nelle attività di lavoro. Se ne riparlerà tra minimo un mese, quando le prime carte RdC finiranno nei portafogli degli italiani.
 
L'ultima annotazione riguarda che cosa fare del famigerato modulo SR 180, la domanda per il RdC, una volta compilato: potrà essere consegnato di persona ai Caf (Centri di assistenza fiscale) e alle Poste Italiane, oppure per via telematica sul sito del reddito di cittadinanza. In quest'ultimo caso, però, occorrerà lo Spid, il Sistema pubblico di identità digitale necessario ad accedere ai servizi online della pubblica amministrazione. Un'ulteriore appunto prima di mettersi inutilmente in coda alle Poste: allo sportello non vi potranno aiutare se avete portato l'eventuale modulo ridotto all'Inps. In questo caso dovete rivolgervi al Caf. 
fonte AGI

Economia
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne