Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree

| Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno

+ Miei preferiti
Quando la paura mondiale per il coronavirus sarà finita, le compagnie aeree saranno sull’orlo della bancarotta. Sono loro, con un effetto più rapido e visibile di altri settori economici, le prime vittime di un’epidemia che ha avuto come conseguenza immediata la fortissima riduzione della domanda di viaggi aerei. Colossi mondiali come Amazon e Google, ma sono solo due dei tanti esempi possibili, hanno ordinato il congelamento di tutti i viaggi non essenziali dei propri dipendenti. Il risultato è evidente: aerei costretti a volare con pochi passeggeri, terminal deserti.

In Cina l’impatto è stato ancora più grave, con un calo dell’80% dei viaggi aerei che ha colpito gli aeroporti più trafficati del Paese con cancellazioni di massa di voli nazionali e internazionali.

Un effetto che secondo gli esperti è di gran lunga superiore all’ondata di paura seguita agli attentati dell’11 settembre 2001: “Nei mesi successivi, i ricavi delle compagnie aeree erano scesi di circa 19,6 miliardi di dollari, e ci sono voluti circa nove mesi prima di vedere il comparto riprendersi - ricorda l’esperto del “Wall Street Journal” Benjamin Katz - ora, con il coronavirus, la situazione è molto diversa ed è difficile dare una valutazione, ma gli analisti temono che possa durare più a lungo”. Secondo alcune stime del gruppo industriale IATA, le conseguenze dell’epidemia potrebbero costare all’aviazione civile perdite di entrate stimate in 29,3 miliardi di dollari per il solo 2020. I paesi con casi di contagi confermati superiori a 90 - Cina, Italia, Iran, Giappone, Singapore e Corea del Sud - rappresentano il 25% del numero di passeggeri delle compagnie aeree e il 20% del fatturato globale. 

“È possibile che nel prossimo futuro tutto questo sarà ricordato come il giro di boa del settore”, ha detto Phil Seymour, CEO di “IBA Aviation Consultancy”. Le cancellazioni dei voli sono incessanti in tutto il mondo, con United Airlines che ha tagliato drasticamente i voli per il Giappone e la Corea del Sud, mentre la United ha chiuso in ribasso del 5,2% e nell’ultima settimana è scesa di oltre il 22%.

Galleria fotografica
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree - immagine 1
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree - immagine 2
Economia
Disney, 28mila dipendenti a casa
Disney, 28mila dipendenti a casa
Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale