Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere

| Buco da 182 milini, la Finanza sequestra beni e conti correnti degli arrestati, compreso il Moody, storico locale di Genova. La parabola di Gregorio Fogliani. Creditori per 32 milioni, tra loro baristi e ristoratori

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

Tutto ha un inizio e una fine. Gli appalti Consip al ribasso avevano visto vincere contro i colossi europei della ristorazione la società genovese Qui!Group. Un colpo da centinaia di milioni di euro. Ma una prevedibile crisi di liquidità nel rimborsare i tagliandi ha fatto saltare il banco e ora amministratori e manager sono in carcere. Qui! Group veva accumulato circa 150 milioni di euro con le banche, più altri 32 milioni con i creditori. In totale il Tribunale ha dichiarato fallimento per 325 milioni di euro. Dopo, la Procura di Genova aveva aperto un’inchiesta nella primavera del 2018 e quindi  la revoca della convenzione Consip dal Mise. Per gli indagati accuse pesanti:  Bancarotta fraudolenta, riciclaggio, autoriciclaggio e truffa aggravata. Ci sono 6 persone arrestate e 80 milioni di euro sequestrati nell’ambito del fallimento Qui!Group, la società guidata dalla famiglia Fogliani che si occupa da decenni di buoni pasto, soprattutto destinati alle forze dell’ordine.Finisce qui la carriera di un imprenditore calabro-genovese  che fu il fondatore della Qui!Group, Gregorio Fogliani. La Finanza di Genova ha sequestrato conti correnti, immobili e disponibilità finanziarie degli indagati. I finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria hanno eseguito altre due ordinanze di custodia in carcere e tre agli arresti domiciliari. Sotto tutela anche il Moody, il locale-tavola calda in centro a Genova chiuso dopo il crac ed è stato riaperto cinque giorni fa dopo un accordo tra Hi Food Genova e Azzurra, società di Fogliani e proprietaria dei locali di via XII Ottobre.

La lista dei creditori è lunghissima ed è composta soprattutto da esercizi commerciali, bar, ristoranti, trattorie, mense, di tutta Italia. Fogliani si era in qualche modo giustificato per i ritardi dei pagamenti, da parte di un’azienda con 1200 dipendenti, ora sul lastrico, per le inadempienze dell’amministrazione pubblica. Ma forse troppo tardi. I crediti partono da poche migliaia di euro sino a somme considerevoli. Alcuni ristoranti di grandi catene hanno conti aperti di 200, 400 mila euro.

 

Economia
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta
Blitz Quotidiano: 'Giornali in crisi, il peggiore è il Fatto di Travaglio'
Blitz Quotidiano:
La scelta di appoggiare il Movimento M5s e Di Maio penalizza in modo grave il giornale diretto da Marco Travaglio. In un anno ha perso il 25 per cento dei lettori in edicola. Ossessionato da Tav e altri fantasmi, non cambierà linea
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Cinque miliardi di multa, la più alta mai comminata in USA e nuove inchieste in vista, sulla posizione dominate dei giganti del we. Ma il il caso Cambridge Analytics è già in archivia. Il mercato premia Facebook
Tesla, da gennaio -22%
Tesla, da gennaio -22%
Il titolo delude a Wall Street, che penalizza il marchio di Elon Musk, alle prese con un altro addio eccellente, quello del cofondatore J.B. Straubel
E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona
E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona
Il ministro delle "non" infrastrutture, Danilo Toninelli, fiero avversario della Tav, ha fatto il possibile per ritardare e bloccare i lavori. Ora, per coerenza, dovrebbe dimettersi. Lo farà?
Schiavi Amazon: 'Fai pipì nella bottiglia, non c'è tempo'
Schiavi Amazon:
Grande protesta internazionale in UK contro Amazon e Jeff Bezos: "Non siamo robot", urlano i dipendenti schiavizzati. I sindacati: "Donne incinte discriminate, turni massacranti". L'azienda: "Proteste immotivate"