Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere

| Buco da 182 milini, la Finanza sequestra beni e conti correnti degli arrestati, compreso il Moody, storico locale di Genova. La parabola di Gregorio Fogliani. Creditori per 32 milioni, tra loro baristi e ristoratori

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

Tutto ha un inizio e una fine. Gli appalti Consip al ribasso avevano visto vincere contro i colossi europei della ristorazione la società genovese Qui!Group. Un colpo da centinaia di milioni di euro. Ma una prevedibile crisi di liquidità nel rimborsare i tagliandi ha fatto saltare il banco e ora amministratori e manager sono in carcere. Qui! Group veva accumulato circa 150 milioni di euro con le banche, più altri 32 milioni con i creditori. In totale il Tribunale ha dichiarato fallimento per 325 milioni di euro. Dopo, la Procura di Genova aveva aperto un’inchiesta nella primavera del 2018 e quindi  la revoca della convenzione Consip dal Mise. Per gli indagati accuse pesanti:  Bancarotta fraudolenta, riciclaggio, autoriciclaggio e truffa aggravata. Ci sono 6 persone arrestate e 80 milioni di euro sequestrati nell’ambito del fallimento Qui!Group, la società guidata dalla famiglia Fogliani che si occupa da decenni di buoni pasto, soprattutto destinati alle forze dell’ordine.Finisce qui la carriera di un imprenditore calabro-genovese  che fu il fondatore della Qui!Group, Gregorio Fogliani. La Finanza di Genova ha sequestrato conti correnti, immobili e disponibilità finanziarie degli indagati. I finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria hanno eseguito altre due ordinanze di custodia in carcere e tre agli arresti domiciliari. Sotto tutela anche il Moody, il locale-tavola calda in centro a Genova chiuso dopo il crac ed è stato riaperto cinque giorni fa dopo un accordo tra Hi Food Genova e Azzurra, società di Fogliani e proprietaria dei locali di via XII Ottobre.

La lista dei creditori è lunghissima ed è composta soprattutto da esercizi commerciali, bar, ristoranti, trattorie, mense, di tutta Italia. Fogliani si era in qualche modo giustificato per i ritardi dei pagamenti, da parte di un’azienda con 1200 dipendenti, ora sul lastrico, per le inadempienze dell’amministrazione pubblica. Ma forse troppo tardi. I crediti partono da poche migliaia di euro sino a somme considerevoli. Alcuni ristoranti di grandi catene hanno conti aperti di 200, 400 mila euro.

 

Economia
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti