Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere

| Buco da 182 milini, la Finanza sequestra beni e conti correnti degli arrestati, compreso il Moody, storico locale di Genova. La parabola di Gregorio Fogliani. Creditori per 32 milioni, tra loro baristi e ristoratori

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

Tutto ha un inizio e una fine. Gli appalti Consip al ribasso avevano visto vincere contro i colossi europei della ristorazione la società genovese Qui!Group. Un colpo da centinaia di milioni di euro. Ma una prevedibile crisi di liquidità nel rimborsare i tagliandi ha fatto saltare il banco e ora amministratori e manager sono in carcere. Qui! Group veva accumulato circa 150 milioni di euro con le banche, più altri 32 milioni con i creditori. In totale il Tribunale ha dichiarato fallimento per 325 milioni di euro. Dopo, la Procura di Genova aveva aperto un’inchiesta nella primavera del 2018 e quindi  la revoca della convenzione Consip dal Mise. Per gli indagati accuse pesanti:  Bancarotta fraudolenta, riciclaggio, autoriciclaggio e truffa aggravata. Ci sono 6 persone arrestate e 80 milioni di euro sequestrati nell’ambito del fallimento Qui!Group, la società guidata dalla famiglia Fogliani che si occupa da decenni di buoni pasto, soprattutto destinati alle forze dell’ordine.Finisce qui la carriera di un imprenditore calabro-genovese  che fu il fondatore della Qui!Group, Gregorio Fogliani. La Finanza di Genova ha sequestrato conti correnti, immobili e disponibilità finanziarie degli indagati. I finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria hanno eseguito altre due ordinanze di custodia in carcere e tre agli arresti domiciliari. Sotto tutela anche il Moody, il locale-tavola calda in centro a Genova chiuso dopo il crac ed è stato riaperto cinque giorni fa dopo un accordo tra Hi Food Genova e Azzurra, società di Fogliani e proprietaria dei locali di via XII Ottobre.

La lista dei creditori è lunghissima ed è composta soprattutto da esercizi commerciali, bar, ristoranti, trattorie, mense, di tutta Italia. Fogliani si era in qualche modo giustificato per i ritardi dei pagamenti, da parte di un’azienda con 1200 dipendenti, ora sul lastrico, per le inadempienze dell’amministrazione pubblica. Ma forse troppo tardi. I crediti partono da poche migliaia di euro sino a somme considerevoli. Alcuni ristoranti di grandi catene hanno conti aperti di 200, 400 mila euro.

 

Economia
Schiavi Amazon: 'Fai pipì nella bottiglia, non c'è tempo'
Schiavi Amazon:
Grande protesta internazionale in UK contro Amazon e Jeff Bezos: "Non siamo robot", urlano i dipendenti schiavizzati. I sindacati: "Donne incinte discriminate, turni massacranti". L'azienda: "Proteste immotivate"
Via libera per un mercato comune africano
Via libera per un mercato comune africano
Si chiama African Continental Free Trade Area l’accordo appena siglato a Niamey che fa da apripista alla concreta possibilità di libera circolazione di beni e servizi nel continente. Ma la strada da percorrere è ancora decisamente lunga
Facebook, multa record: 5 miliardi
Facebook, multa record: 5 miliardi
Lo ha deciso la Federal Trade Commission, con l'appoggio dei repubblicani e il no dei Dem. E' la più alta mai contestata. Al centro il caso Cambridge Analytics. Manca ancora un passaggio
Germany for Africa
Germany for Africa
La cancelliera Merkel ha avviato un piano di investimenti per agevolare l’ingresso delle aziende tedesche nei piani produttivi di Paesi africani. Tra gli obiettivi promuovere le energie sostenibili e rafforzare lo sviluppo infrastrutturale
Bitcoin, ottavo rialzo in pochi giorni
Bitcoin, ottavo rialzo in pochi giorni
Ora vola verso i 13mila dollari dopo essere sceso a 3mila. Gli effetti della crisi cominciano a farsi sentire a livello globale. Boom dei beni-rifugio
PARTONO I BANDI TAV, GIORNATA STORICA
PARTONO I BANDI TAV, GIORNATA STORICA
Dopo la estenuante melina di Toninelli e dei grillini, finalmente partono i bandi per i lavori del tunnel di base anche in Italia, dopo l'avvio dei cantieri sul versante francese. Il presidente della Regione: "Via libera ai finanziamenti"
La tassa nascosta dello spread
La tassa nascosta dello spread
Gli analisti concordano nell’affermare che uno spread elevato ha effetti negativi su economia e stabilità finanziaria delle nazioni. Tuttavia, l’opinione pubblica italiana anestetizzata da demagogie e populismi sembra non accorgersene
Il Paese dei MiniBot people
Il Paese dei MiniBot people
Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona
Chi presta i soldi al mondo
Chi presta i soldi al mondo
L’importo del debito pubblico del nostro pianeta è una cifra così elevata che il nostro cervello non può neanche prenderla in considerazione. Non sarà mai ripagata e la sua presenza resta il peggior deterrente per la libertà dell’umanità
Buio pesto sul settore auto
Buio pesto sul settore auto
Lo rivela l’Istat, che parla di una brusca frenata della produzione industriale, con il settore auto che annaspa con un calo del 17,1% rispetto al 2018