Dieselgate, arrestato il numero uno Audi

| La cronaca del Frankfurter Allgemeine Zeitung. In cella per il timore che possa far sparire prove e condizionare i testimoni. Sono 220mila le auto con il software illegale. Venti manager indagati: lo scandalo continua

+ Miei preferiti

Il capo dell'Audi, Rupert Stadler, è il primo tra gli alti dirigenti del gruppo tedesco ad essere sottoposto a custodia cautelare in carcere. Lunedì il Tribunale di Monaco ha emesso un mandato d'arresto. Il manager è stato arrestato stamattina nella sua casa di Ingolstadt. “L'imputato è ora davanti al giudice istruttore, che ha ordinato la custodia cautelare", ha annunciato il procuratore della Repubblica di Monaco di Baviera.

Le autorità hanno addotto come motivo il pericolo di ulteriori collusioni con eventuali complici ancora da indagare. Il motivo della detenzione è dovuto, secondo la magistratura, al timore che le prove possano essere distrutte o che qualcuno stia ancora cercando di interferire con i testimoni. Secondo l'ufficio del pubblico ministero, Stadler non ha fornito alcuna informazione in merito. L'interrogatorio inizierà entro mercoledì. "Inoltre, alla luce delle indagini in corso, non siamo in grado di commentarne il contenuto. Il signor Stadler è ancora presunto innocente".

Volkswagen e Audi hanno confermato l'arresto di Stadler. Un portavoce della Porsche SE, proprietaria della VW, ha dichiarato: "È chiaro che il consiglio di vigilanza della VW si occuperà di questo argomento”. L’avvocato di Stadler ha rifiutato di commentare. Secondo l'ufficio del pubblico ministero, la difesa non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione. La notizia s’è diffusa immediatamente prima di una riunione regolare del Consiglio di vigilanza della Volkswagen a Wolfsburg, in cui si affrontava lo stato delle indagini del dieselgate. Finora sono già sei i membri del consiglio direttivo di Audi hanno dovuto lasciare l’incarico a seguito dell’inchiesta.

Stadler governa la filiale Volkswagen da undici anni. Una settimana fa, la Procura della Repubblica ha annunciato l'avvio di un procedimento preliminare nei suoi confronti e in quelli di un altro membro del Consiglio di amministrazione di Audi: sono accusati di "frode e falsa autenticazione indiretta". Entrambi avrebbero commercializzato in Europa veicoli diesel con un sistema manipolato di depurazione dei gas di scarico.

L'ufficio del pubblico ministero ha confermato che gli appartamenti privati di Stadler e di un secondo membro del consiglio di amministrazione sono stati perquisiti per raccogliere le prove. Secondo la F.A.Z., si tratta di Bernd Martens, responsabile del marketing. Il numero degli accusati è così salito a 20.

Dopo che le manipolazioni negli Stati Uniti sono state scoperte, si dice che Stadler fosse a conoscenza dei valori delle emissioni errati anche in Europa, ma, a differenza di quanto accade in America, non ha ordinato il blocco delle vendite. Gli investigatori hanno fatto affidamento sulla valutazione della corrispondenza. Nei mesi di marzo 2017 e febbraio 2018 sono state effettuate alcune perquisizioni presso la sede centrale Audi di Ingolstadt e presso lo stabilimento di Neckarsulm.

Oltre a Stadler, anche un ex responsabile dello sviluppo del motore Audi e responsabile dello sviluppo Porsche è già sotto custodia, arrestato nel settembre 2017. Uno dei suoi ex dipendenti di Audi a Neckarsulm è stato rilasciato dopo diversi mesi di detenzione nel novembre 2017.

Dieci anni fa, solo pochi treni circolavano dalla Cina alla Germania. Oggi, ogni due settimane in media, viene inaugurato un nuovo collegamento ferroviario merci tra la Cina e l'Europa. Di più...

Si dice che Audi abbia venduto circa 220.000 auto diesel con software taroccato negli Stati Uniti e in Europa a partire dal 2009. Dalla fine del 2015, sei membri del Consiglio di amministrazione di Audi hanno dovuto dimettersi.

Per il capo della Volkswagen, Herbert Diess, l'indagine su Stadler sta palesemente diventando un problema. Perché finora si era affidato al CEO di Audi per la ristrutturazione del gruppo multimarca di Wolfsburg. Stadler è a capo dell'importante gruppo premium dell'azienda di Wolfsburg e sinora non vi erano indicazioni in merito a un suo comportamento scorretto. In passato, l'amministratore delegato di Audi si era rifiutato di rassegnare le dimissioni. Finora le famiglie Porsche e Piech Stadler avevano mantenuto Stadler in carica nonostante tutte le critiche.

 
Economia
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta
Blitz Quotidiano: 'Giornali in crisi, il peggiore è il Fatto di Travaglio'
Blitz Quotidiano:
La scelta di appoggiare il Movimento M5s e Di Maio penalizza in modo grave il giornale diretto da Marco Travaglio. In un anno ha perso il 25 per cento dei lettori in edicola. Ossessionato da Tav e altri fantasmi, non cambierà linea
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Cinque miliardi di multa, la più alta mai comminata in USA e nuove inchieste in vista, sulla posizione dominate dei giganti del we. Ma il il caso Cambridge Analytics è già in archivia. Il mercato premia Facebook
Tesla, da gennaio -22%
Tesla, da gennaio -22%
Il titolo delude a Wall Street, che penalizza il marchio di Elon Musk, alle prese con un altro addio eccellente, quello del cofondatore J.B. Straubel
E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona
E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona
Il ministro delle "non" infrastrutture, Danilo Toninelli, fiero avversario della Tav, ha fatto il possibile per ritardare e bloccare i lavori. Ora, per coerenza, dovrebbe dimettersi. Lo farà?
Schiavi Amazon: 'Fai pipì nella bottiglia, non c'è tempo'
Schiavi Amazon:
Grande protesta internazionale in UK contro Amazon e Jeff Bezos: "Non siamo robot", urlano i dipendenti schiavizzati. I sindacati: "Donne incinte discriminate, turni massacranti". L'azienda: "Proteste immotivate"