Disney, 28mila dipendenti a casa

| Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite

+ Miei preferiti
Il colosso Disney è alle corde: la pandemia che ha chiuso a doppia mandata gli enormi parchi e le decine di resort si sta trasformando in una lettera di licenziamento per 28.000 dipendenti nei soli Stati Uniti, su una forza lavoro che supera le 100mila unità.

I tagli, che secondo l’azienda si concentreranno soprattutto su lavoratori con contratti part-time, interessano divisioni come “Disney’s Parks” ed “Experience and Product Unit”. Una scelta inevitabile, dopo che il colosso dell’entertainment ha visto precipitare i profitti del 91% nei primi tre mesi del 2020. Josh D’Amaro, il presidente dei Disney Parks, ha dichiarato che i tagli al personale sono necessari a causa dell’impatto prolungato del coronavirus: “Questo include la ricettività limitata a causa delle esigenze di distanziamento sociale e la continua incertezza sulla durata della pandemia. Per quanto difficile sia questa decisione, riteniamo che la scelta ci permetterà di creare strategie più efficaci ed efficienti quando torneremo alla normalità”.

D’Amaro ha aggiunto che i dipendenti Disney sono sempre stati “la chiave del nostro successo, svolgendo un ruolo prezioso e importante nel fornire un'esperienza di livello mondiale. Non vediamo l’ora di poter avere nuove opportunità per il loro ritorno”. D'Amaro ha anche attribuito una colpa parziale allo stato della California per la sua “riluttanza ad eliminare le restrizioni che avrebbero permesso la riapertura di Disneyland”, ma dall’ufficio del governatore non è arrivata nessuna replica.

La Disney aveva originariamente previsto di riaprire il resort di Anaheim, nell’area di Los Angeles, il 17 luglio, ma la riapertura è stata rinviata a tempo indeterminato. Anche Disney World, il resort in Florida, ha chiuso i battenti a marzo ma ha iniziato una riapertura graduale nel mese di luglio con protocolli di sicurezza e misure sanitarie che includevano una ridotta capacità e l’obbligo per dipendenti e ospiti di qualsiasi età di indossare mascherine.

“Come potete immaginare, una decisione di questa portata non è facile - ha scritto D’Amaro in una nota inviata ai dipendenti ripresa dalla CNN - abbiamo tagliato le spese, sospeso progetti, licenziato i membri del nostro cast per riuscire a funzionare nel modo più efficiente possibile, ma semplicemente non possiamo rimanere con il personale al completo mentre operiamo con una capacità così limitata”.

La Disney è stata ostacolata dalla pandemia in molti modi, ma i suoi parchi a tema e i resort hanno probabilmente accusato il colpo più grande di tutti. La divisione parchi a tema, che nel 2019 ha portato nelle casse della società più di 26 miliardi di dollari, è stata letteralmente schiacciata nel secondo trimestre di quest’anno: l’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con la perdita secca di un miliardo di dollari di profitto nel giro di poche settimane.

Economia
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti