Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate

| Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE

+ Miei preferiti
Valdis Dombrovskis, il vice presidente della Commissione Europea, è considerato un uomo schivo, gelosamente impegnato a tenere fuori dalla visibilità la propria famiglia. Lettone, classe 1971, è stato scelto da Jean-Claude Junker come commissario europeo per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e il mercato unico dei capitali. Un ruolo che Dombrovskis ha sempre applicato alla lettera con un’inflessibilità che a Bruxelles è considerata leggendaria.

Era stato lui, lo scorso ottobre, a firmare insieme a Pierre Moscovici la lettera con cui l’Italia veniva richiamata al rispetto dei vincoli europei su stabilità finanziaria e rigore nei conti pubblici.

Ora, in un’intervista concessa a “Bloomberg TV”, il vice presidente non usa mezze misure sull’ingarbugliata situazione economica italiana, fanalino di coda di un’Europa che arranca e reduce dall’approvazione del Def. Il primo consiglio agli italiani, come da mandato, è di ridurre debito e deficit per evitare di incorrere nelle regole di infrazione previste dalla UE: “È necessario proseguire nella riduzione del deficit di bilancio e del debito pubblico, che in rapporto al Pil è il secondo più alto della UE e al momento non sta scendendo. Se non accadesse esistono procedure di infrazione previste dalla UE, ma speriamo di evitare questo scenario. Dobbiamo vedere quali saranno i loro piani per gli anni a venire”.

Quindi Dombrovskis si lascia andare a giudizi che hanno un peso specifico piuttosto pesante: “Di tutti gli stati membri della UE, l’Italia ha vissuto il rallentamento più pronunciato e questo può essere attribuito alle decisioni del Governo italiano di mettere un deficit in aumento nella legge di bilancio del 2019, andando contro tutti i consigli. Alla fine Roma ha corretto notevolmente al ribasso le stime sul deficit, ma nel frattempo i danni all’economia ormai erano stati fatti: abbiamo visto gli spread aumentare e la fiducia diminuire colpendo negativamente gli investimenti in Italia”.

In pratica, se l’Italia s trova in queste condizioni è solo colpa del governo, che non ha voluto ascoltare nessuno degli allarmai lanciati nei mesi scorsi.

Indirettamente, gli risponde il premier Conte, anche lui attraverso alcune interviste concesse poche ore fa: “Sarebbe un errore ritrarsi in una logica di austerità che porterebbe conseguenze ancora più pesanti. Stiamo affrontando un quadro economico complicato, ma se guardiamo agli ultimi dati disponibili nel primo trimestre dell’anno, l’Italia sta mostrando una performance promettente. Dobbiamo perseguire con una politica che, in un quadro di sostenibilità finanziaria, preveda incentivi, semplificazioni, misure di sostegno alle imprese e all’occupazione. Fin qui abbiamo seminato, ora dobbiamo raccogliere i frutti”.

Economia
La tassa nascosta dello spread
La tassa nascosta dello spread
Gli analisti concordano nell’affermare che uno spread elevato ha effetti negativi su economia e stabilità finanziaria delle nazioni. Tuttavia, l’opinione pubblica italiana anestetizzata da demagogie e populismi sembra non accorgersene
Il Paese dei MiniBot people
Il Paese dei MiniBot people
Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona
Chi presta i soldi al mondo
Chi presta i soldi al mondo
L’importo del debito pubblico del nostro pianeta è una cifra così elevata che il nostro cervello non può neanche prenderla in considerazione. Non sarà mai ripagata e la sua presenza resta il peggior deterrente per la libertà dell’umanità
Buio pesto sul settore auto
Buio pesto sul settore auto
Lo rivela l’Istat, che parla di una brusca frenata della produzione industriale, con il settore auto che annaspa con un calo del 17,1% rispetto al 2018
Macron blocca FCA, addio fusione
Macron blocca FCA, addio fusione
Il gruppo italo-americano ritira la proposta di fusione con Renault dopo il no del governo francese. Nissan in linea con Parigi. Titoli Fca -3,71 in apertura
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia