E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona

| Il ministro delle "non" infrastrutture, Danilo Toninelli, fiero avversario della Tav, ha fatto il possibile per ritardare e bloccare i lavori. Ora, per coerenza, dovrebbe dimettersi. Lo farà?

+ Miei preferiti
"È un fulmine a ciel sereno, quello che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha lanciato sull’universo M5S con il sì alla Tav, motivato con il fatto che il no costerebbe di più. Un fulmine che rischia di far traballare seriamente anche il titolare del Mit Danilo Toninelli, da sempre contrario all'opera, come l'intero Movimento. Su Toninelli, nelle ultime ore, si sono rincorse voci di dimissioni, chieste a gran voce dalle opposizioni. Voci che, al momento, non trovano conferma , anche se la posizione del ministro, ulteriormente indebolito, resta in bilico. Uno degli ultimi atti del ministro delle Infrastrutture e Trasporti era stato il licenziamento di Pierluigi Coppola, uno degli esperti dello stesso Mit, membro della commissione per l'analisi costi-benefici sulla Tav stessa. Coppola era finito sotto i riflettori dei media lo scorso mese di febbraio per essersi dissociato dai risultati – negativi – dell'analisi costi-benefici condotta dal team presieduto da Marco Ponti , ex docente del Politecnico di Milano, ora in pensione", scirve il Sole24ore. Ma anche Ponti ha problemi. Intanto da mesi il ministro non gli risponde, poi lo aveva già scaricato, anticipando il sì del governo nonostante la sua bizzarra analisi costi-benefici. Il palestrato ministro grillino per ora tace. Tutti aspettano che dica qualcosa. Magari non "E il pd?". Insomma, siamo quasi alla farsa. Anche senza quasi.
 
Economia
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda