E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona

| Il ministro delle "non" infrastrutture, Danilo Toninelli, fiero avversario della Tav, ha fatto il possibile per ritardare e bloccare i lavori. Ora, per coerenza, dovrebbe dimettersi. Lo farà?

+ Miei preferiti
"È un fulmine a ciel sereno, quello che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha lanciato sull’universo M5S con il sì alla Tav, motivato con il fatto che il no costerebbe di più. Un fulmine che rischia di far traballare seriamente anche il titolare del Mit Danilo Toninelli, da sempre contrario all'opera, come l'intero Movimento. Su Toninelli, nelle ultime ore, si sono rincorse voci di dimissioni, chieste a gran voce dalle opposizioni. Voci che, al momento, non trovano conferma , anche se la posizione del ministro, ulteriormente indebolito, resta in bilico. Uno degli ultimi atti del ministro delle Infrastrutture e Trasporti era stato il licenziamento di Pierluigi Coppola, uno degli esperti dello stesso Mit, membro della commissione per l'analisi costi-benefici sulla Tav stessa. Coppola era finito sotto i riflettori dei media lo scorso mese di febbraio per essersi dissociato dai risultati – negativi – dell'analisi costi-benefici condotta dal team presieduto da Marco Ponti , ex docente del Politecnico di Milano, ora in pensione", scirve il Sole24ore. Ma anche Ponti ha problemi. Intanto da mesi il ministro non gli risponde, poi lo aveva già scaricato, anticipando il sì del governo nonostante la sua bizzarra analisi costi-benefici. Il palestrato ministro grillino per ora tace. Tutti aspettano che dica qualcosa. Magari non "E il pd?". Insomma, siamo quasi alla farsa. Anche senza quasi.
 
Economia
La crisi dell’impero di Topolino
La crisi dell’impero di Topolino
La colossale “Walt Disney Company” ha annunciato di dover rivedere al rialzo il numero di licenziamenti previsti: parchi a tema e cinema chiusi costeranno il lavoro a 32.000 dipendenti
Disney, 28mila dipendenti a casa
Disney, 28mila dipendenti a casa
Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard