E il No Tav Toninelli? Per ora è incollato alla poltrona

| Il ministro delle "non" infrastrutture, Danilo Toninelli, fiero avversario della Tav, ha fatto il possibile per ritardare e bloccare i lavori. Ora, per coerenza, dovrebbe dimettersi. Lo farà?

+ Miei preferiti
"È un fulmine a ciel sereno, quello che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha lanciato sull’universo M5S con il sì alla Tav, motivato con il fatto che il no costerebbe di più. Un fulmine che rischia di far traballare seriamente anche il titolare del Mit Danilo Toninelli, da sempre contrario all'opera, come l'intero Movimento. Su Toninelli, nelle ultime ore, si sono rincorse voci di dimissioni, chieste a gran voce dalle opposizioni. Voci che, al momento, non trovano conferma , anche se la posizione del ministro, ulteriormente indebolito, resta in bilico. Uno degli ultimi atti del ministro delle Infrastrutture e Trasporti era stato il licenziamento di Pierluigi Coppola, uno degli esperti dello stesso Mit, membro della commissione per l'analisi costi-benefici sulla Tav stessa. Coppola era finito sotto i riflettori dei media lo scorso mese di febbraio per essersi dissociato dai risultati – negativi – dell'analisi costi-benefici condotta dal team presieduto da Marco Ponti , ex docente del Politecnico di Milano, ora in pensione", scirve il Sole24ore. Ma anche Ponti ha problemi. Intanto da mesi il ministro non gli risponde, poi lo aveva già scaricato, anticipando il sì del governo nonostante la sua bizzarra analisi costi-benefici. Il palestrato ministro grillino per ora tace. Tutti aspettano che dica qualcosa. Magari non "E il pd?". Insomma, siamo quasi alla farsa. Anche senza quasi.
 
Economia
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta
Blitz Quotidiano: 'Giornali in crisi, il peggiore è il Fatto di Travaglio'
Blitz Quotidiano:
La scelta di appoggiare il Movimento M5s e Di Maio penalizza in modo grave il giornale diretto da Marco Travaglio. In un anno ha perso il 25 per cento dei lettori in edicola. Ossessionato da Tav e altri fantasmi, non cambierà linea
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa
Cinque miliardi di multa, la più alta mai comminata in USA e nuove inchieste in vista, sulla posizione dominate dei giganti del we. Ma il il caso Cambridge Analytics è già in archivia. Il mercato premia Facebook
Tesla, da gennaio -22%
Tesla, da gennaio -22%
Il titolo delude a Wall Street, che penalizza il marchio di Elon Musk, alle prese con un altro addio eccellente, quello del cofondatore J.B. Straubel
Schiavi Amazon: 'Fai pipì nella bottiglia, non c'è tempo'
Schiavi Amazon:
Grande protesta internazionale in UK contro Amazon e Jeff Bezos: "Non siamo robot", urlano i dipendenti schiavizzati. I sindacati: "Donne incinte discriminate, turni massacranti". L'azienda: "Proteste immotivate"
Via libera per un mercato comune africano
Via libera per un mercato comune africano
Si chiama African Continental Free Trade Area l’accordo appena siglato a Niamey che fa da apripista alla concreta possibilità di libera circolazione di beni e servizi nel continente. Ma la strada da percorrere è ancora decisamente lunga
Facebook, multa record: 5 miliardi
Facebook, multa record: 5 miliardi
Lo ha deciso la Federal Trade Commission, con l'appoggio dei repubblicani e il no dei Dem. E' la più alta mai contestata. Al centro il caso Cambridge Analytics. Manca ancora un passaggio