Emirates salvano il gigante A380

| Uscirà di produzione nel 20121 ma Emirates conferma l'acquisto di 14 esemplari, poi modelli intermedi. L'aereo più grande del mondo non è riuscito a sostituire il Boeing 747

+ Miei preferiti

Il gigante dei cieli Airbus A380, l’aereo passeggeri a due piani più grande del mondo, non sarà più in produzione dal 2021, ma Emirates, il principale vettore a utilizzare quest’aereo, ha comunicato di aver firmato un accordo con Airbus sulle precedenti consegne in sospeso. La compagnia riceverà, tra il 2019 ed il 2021, altri 14 A380, portando il totale degli ordini a 123 unità. Emirates, inoltre, ha effettuato a Airbus un ulteriore ordine di 70 nuovi aerei: 40 A330-900neo e 30 A350-900. Il contratto stipulato vale 21,4 miliardi di dollari (a prezzi di listino). Velivoli di ultima generazione, gli Airbus A330neo e gli A350 saranno consegnati ad Emirates a partire dal 2021 (per gli A330) e dal 2024 (per gli A350). Commentando l’accordo sulle consegne dell’A380, il Presidente e Amministratore delegato del gruppo Emirates, Sheikh Ahmed bin Saeed Al Maktoum, ha dichiarato: “Dopo molti mesi di discussioni, abbiamo raggiunto un accordo con Airbus e Rolls-Royce. Emirates è stato da sempre un forte sostenitore dell’A380, sin dal suo inizio. Siamo rammaricati di dover rinunciare al totale del nostro ordine, e amareggiati che il programma non possa essere sostenuto in toto, ma accettiamo che questa sia la realtà della situazione. Per noi, l’A380 è un meraviglioso velivolo amato dai nostri clienti e dal nostro equipaggio. È un elemento di differenziazione per Emirates. Abbiamo dimostrato e constatato come le persone possano davvero assaporare il concetto di “Fly Better” con l’A380. Infatti, Emirates ha innalzato gli standard dei propri servizi proprio grazie all’A380, con caratteristiche uniche come le docce e la Lounge di bordo. L’A380 rimarrà senza dubbio un pilastro portante della nostra flotta fino al 2030, e come abbiamo sempre fatto, noi di Emirates continueremo ad investire nei nostri servizi e prodotti offerti a bordo, per garantire ai nostri clienti un’esperienza senza pari”.

Sulla decisione di acquistare gli A330neo e i gli A350, Sheikh Ahmed ha dichiarato: “La strategia di Emirates di operare in tutto il mondo attraverso una flotta di aeromobili giovani e di ultima generazione, efficiente e moderna, rimane un must. I 40 A330neo e i 30 aerei A350 che stiamo ordinando completeranno il mix della flotta Emirates, supportando la crescita della nostra rete e ci permetteranno una maggiore flessibilità e adattabilità, per servire meglio la domanda dei nostri clienti. Sia gli A330neo che i A350 giocheranno un ruolo fondamentale nella nostra futura flotta e nei piani futuri”. L’A330neo verrà utilizzato sulle rotte di medio raggio e consentirà inoltre alla compagnia aerea di servire aeroporti più piccoli, permettendo di aprire nuove rotte e aumentando la connettività sulla rete globale. Mentre gli A350 entreranno a pieno regime nelle operazioni a lungo raggio di Emirates, fornendo alla compagnia una maggiore flessibilità soprattutto nei collegamenti che richiedono dalle 8 alle 12 ore. (FONTE ASKANEWS)

 

 

 
Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa